Jerez, Libere 2: Quartararo nel dominio Honda

Jerez, Libere 2: Quartararo nel dominio Honda

Cinque moto giapponesi davanti a tutti con Kent secondo ed Antonelli terzo. Bene anche Bastianini e Bagnaia

Dominio Honda nella seconda sessione di prove libere del Gp di Spagna classe Moto3, con ben cinque moto giapponesi davanti a tutti. La notizia è che la più veloce è quella del rookie Fabio Quartararo: il campione in carica del CEV quindi sembra veramente fare paura su una pista che conosce già a differenza di quelle affrontate fino ad oggi.

Con la temperatura dell'asfalto che si è alzata di oltre 20 gradi rispetto al turno di questa mattina, i protagonisti della classe entrante non sono riusciti a ripetere i tempi della FP1, anche se il francese ci è arrivato vicino con il suo 1'47"256.

Alle sue spalle c'è il leader del Mondiale Danny Kent, che è staccato 165 millesimi e forse ha commesso il suo primo errore dall'inizio del campionato, incappando in una scivolata alla curva 2 che comunque non ha avuto particolari conseguenze per lui e la sua moto.

Nonostante abbia avuto parecchie difficoltà di messa a punto, Niccolò Antonelli è stato il migliore degli italiani con il terzo tempo a 256 millesimi, precedendo il tandem spagnolo formato da Efren Vazquez e Jorge Navarro.

Per trovare la prima della KTM bisogna scendere fino alla sesta posizione occupata da Karel Hanika. Il pilota ceco apre il terzetto della Ajo Motorsport del quale fanno parte anche Miguel Oliveira e Brad Binder. Nella top ten poi c'è spazio anche per gli altri italiani Enea Bastianini e Pecco Bagnaia, quest'ultimo migliore dei piloti Mahindra.

Continuando a scorrere la classifica, nella zona punti virtuale ci sono anche Romano Fenati ed Andrea Locatelli, che sono accreditati rispettivamente del 13esimo e del 15esimo tempo. Subito fuori dalle prime venti posizioni c'è Andrea Migno, mentre rispetto a stamani ha fatto un passettino indietro Maria Herrera, scesa al 24esimo posto con la sua Husqvarna.

Sessione travagliata per il San Carlo Team Italia, perché sia Matteo Ferrari che Stefano Manzi sono finiti ruote all'aria, fortunatamente con conseguenze solo per le loro Mahindra. In ogni caso entrambi se la sono cavata meglio di Alessandro Tonucci, che è ancora in 31esima posizione con un posteriore che non ne vuole sapere di trovare grip.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Moto3
Piloti Andrea Antonelli , Danny Kent
Articolo di tipo Ultime notizie