Moto3, Austin: Aron Canet regala la prima vittoria al Max Racing Team

condividi
commenti
Moto3, Austin: Aron Canet regala la prima vittoria al Max Racing Team
Di:
14 apr 2019, 17:00

Il pilota di Max Biaggi è stato il più deciso nella battaglia dell'ultimo giro ed ora comanda la classifica iridata a pari punti con Masia, secondo. A completare il podio c'è un ottimo Migno. Peccato per Suzuki, caduto quando comandava.

La classe Moto3 ha regalato un grande spettacolo oggi ad Austin, con una gara che ha cambiato faccia più volte e che alla fine ha premiato Aron Canet, che ha regalato la prima vittoria iridata al Max Racing Team di Max Biaggi, che è anche la quarta della carriera dello spagnolo.

Fino a pochi giri dal termine però sembrava potesse essere la grande giornata di Tatsuki Suzuki. Il giapponese della SIC58 Squadra si era portato al comando del plotone nello spazio di pochi passaggi ed aveva dato vita ad una bella fuga, riuscendo anche a costruirsi un margine di oltre un secondo sugli inseguitori.

A cinque giri dal termine però i suoi sogni di gloria sono andati in fumo, quando ha perso l'anteriore nel "biscione" del primo settore del tracciato texano. Ad approfittarne alle sue spalle sono stati proprio Canet ed un grande Andrea Migno, autore di una bellissima rimonta dal 13esimo posto in griglia.  

Leggi anche:

Proprio l'italiano della Bester Capital Dubai sembrava quello con le carte migliori da giocare, ma Canet probabilmente ha aspettato gli ultimi due giri per mostrare le sue e si è portato al comando alla prima staccata, proprio al 16esimo dei 17 giri in programma. 

Dal canto suo invece Migno ha dovuto inizialmente badare a difendersi dal ritorno di Gabriel Rodrigo, che lo ha infilato a sua volta al penultimo giro, e da quello del suo compagno di squadra Jaume Masia, risalito in maniera poderosa nella seconda parte di gara dopo essersi trovato addirittura 19esimo verso metà.

Migno però non si è dato per vinto e all'ultimo giro ha infilato Rodrigo alla curva 11, mettendosi nella scia di Canet sul lunghissimo rettilineo opposto e riuscendo anche a portarsi davanti a lui. Lo spagnolo però ha allungato la staccata e si è ripreso la leadership immediatamente. Poi approfittando della lotta tra i due piloti della Bester Capital Dubai si è involato verso una vittoria che gli vale anche la leadership della classifica iridata.

Leadership che però deve dividere anche con il suo diretto inseguitore sotto alla bandiera a scacchi, il connazionale Masia, che aggiunge un bel secondo posto alla vittoria di due settimane fa in Argentina. Il suo sorpasso su Migno è arrivato alla curva 15, con i due che si sono quasi toccati. E l'italiano glielo ha fatto notare al parco chiuso: "Oh, hai rotto il c...!" gli ha detto sorridendo.

Migno è stato comunque bravo a resistere all'ultimo tentativo di assalto di Rodrigo proprio all'ultima curva, precedendo in volata l'argentino del Gresini Racing per appena 27 millesimi. Per lui si tratta del quinto podio in carriera, un risultato che gli mancava dal GP di Francia dello scorso anno.

Detto del quarto posto di Rodrigo, dopo la pole position Niccolò Antonelli si è dovuto accontentare del quinto posto, essendosi un po' perso nella parte centrale della corsa. Il pilota della SIC58 Squadra Corse però ha reagito alla grande nel finale, chiudendo davanti al connazionale Tony Arbolino.

Buona anche la gara del rookie Celestino Vietti Ramus, che è riuscito a concludere nel trenino di testa, piazzandosi nono, alle spalle anche di Raul Fernandez e di Alonso Lopez. Più staccata invece la seconda KTM dello Sky Racing Team VR46, anche se Dennis Foggia è comunque riuscito a piazzarsi decimo.

Deludente invece la gara di Lorenzo Dalla Porta, che con la Honda del Leopard Racing non è mai riuscito a stare nel gruppo dei migliori e si è dovuto accontentare dei punticini messi in palio dal 13esimo posto. E' andata anche peggio a Romano Fenati, caduto ad una manciata di giri dal termine: il pilota dello Snipers Team è caduto alla curva 18, attraversando la pista ed è stato fortunato ad uscirne incolume, perché la sua Honda è stata centrata da Jakub Kornfeil che lo seguiva.

Ritirato anche l'ex leader iridato Kaito Toba, che in Texas ha vissuto un weekend incolore, mentre al traguardo dobbiamo segnalare anche il rookie Riccardo Rossi, 21esimo con la seconda Honda del Gresini Racing.

Cla   # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Ritirato Punti
1   44 Spain Aron Canet KTM 17 39'06.761     143.7   25
2   5 Spain Jaume Masia KTM 17 39'07.670 0.909 0.909 143.7   20
3   16 Italy Andrea Migno KTM 17 39'07.838 1.077 0.168 143.7   16
4   19 Argentina Gabriel Rodrigo Honda 17 39'07.865 1.104 0.027 143.7   13
5   23 Italy Niccolò Antonelli Honda 17 39'07.948 1.187 0.083 143.6   11
6   14 Italy Tony Arbolino Honda 17 39'08.083 1.322 0.135 143.6   10
7   25 Spain Raul Fernandez KTM 17 39'08.179 1.418 0.096 143.6   9
8   21 Spain Alonso Lopez Honda 17 39'08.357 1.596 0.178 143.6   8
9   13 Italy Celestino Vietti Ramus KTM 17 39'08.496 1.735 0.139 143.6   7
10   7 Italy Dennis Foggia KTM 17 39'14.637 7.876 6.141 143.2   6
11   79 Japan Ai Ogura Honda 17 39'14.781 8.020 0.144 143.2   5
12   42 Spain Marcos Ramírez Honda 17 39'15.405 8.644 0.624 143.2   4
13   48 Italy Lorenzo Dalla Porta Honda 17 39'15.540 8.779 0.135 143.2   3
14   17 United Kingdom John McPhee Honda 17 39'15.541 8.780 0.001 143.2   2
15   40 South Africa Darryn Binder KTM 17 39'16.130 9.369 0.589 143.1   1
16   22 Japan Kazuki Masaki KTM 17 39'32.051 25.290 15.921 142.2    
17   77 Spain Vicente Perez KTM 17 39'40.725 33.964 8.674 141.7    
18   76 Makar Yurchenko KTM 17 39'40.926 34.165 0.201 141.7    
19   11 Sergio Garcia Honda 17 39'41.223 34.462 0.297 141.6    
20   12 Filip Salac KTM 17 39'41.351 34.590 0.128 141.6    
21   54 Riccardo Rossi Honda 17 39'57.500 50.739 16.149 140.7    
  dnf 71 Japan Ayumu Sasaki Honda 15 34'42.718 2 Laps 2 Laps 142.9 Accident  
  dnf 81 Spain Aleix Viu KTM 13 34'09.844 4 Laps 2 Laps 125.8 Retirement  
  dnf 24 Japan Tatsuki Suzuki Honda 12 27'36.779 5 Laps 1 Lap 143.7 Accident  
  dnf 69 United Kingdom Tom Booth-Amos KTM 10 26'02.935 7 Laps 2 Laps 126.9 Retirement  
  dnf 55 Italy Romano Fenati Honda 9 20'47.515 8 Laps 1 Lap 143.1 Accident  
  dnf 84 Czech Republic Jakub Kornfeil KTM 9 20'48.061 8 Laps 0.546 143.1 Accident  
  dnf 27 Japan Kaito Toba Honda 9 20'55.826 8 Laps 7.765 142.2 Retirement  
  dnf 61 Turkey Can Öncü KTM 2 6'08.779 15 Laps 7 Laps 107.6 Retirement
Articolo successivo
Moto3, Austin: Niccolò Antonelli ritrova la pole position dopo due anni!

Articolo precedente

Moto3, Austin: Niccolò Antonelli ritrova la pole position dopo due anni!

Articolo successivo

Mondiale Moto3 2019: Masia e Canet comandano a pari punti

Mondiale Moto3 2019: Masia e Canet comandano a pari punti
Carica i commenti
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie