Moto3, Aragon: super rimonta di Masia, da 17esimo a primo!

Il pilota del Leopard Racing risale dal 17esimo posto in griglia e beffa all'ultimo giro Fernandez, passato anche da Binder. Arenas è settimo, ma allunga.

Moto3, Aragon: super rimonta di Masia, da 17esimo a primo!

La Moto3 ha regalato ancora una volta un grande spettacolo a Motorland Aragon e alla fine sono venuti fuori dei nomi che hanno cambiato poco negli equilibri della classifica iridata, che rimane apertissima quando mancano solamente quattro gare al termine.

L'eroe della domenica di Motorland è Jaume Masia, capace di sfoderare una clamorosa rimonta dal 17esimo posto in griglia fino ad una vittoria che lo ha reso il 100esimo pilota ad imporsi nella classe entrante in sella ad una Honda.

Un successo arrivato con un piccolo giallo nel finale, perché all'ultimo giro il pilota del Leopard Racing ha messo le ruote sul verde nell'accelerazione che conduce alla curva 12, anche se probabilmente i commissari hanno giudicato che lo abbia fatto perché accompagnato dal leader Raul Fernandez, che lo precedeva in quel momento e lo ha stretto senza lasciargli alternative.

Proprio lo spagnolo della KTM Ajo era stato il grande protagonista della gara: questa volta aveva provato a sfruttare il suo grande ritmo per fare selezione e nella prima parte della corsa sembrava avere le carte in regola per riuscirci, scappando con nella sua scia Albert Arenas, Tatsuki Suzuki e Romano Fenati.

Dopo qualche giro però si è ricongiunto con il gruppetto anche Darryn Binder e il pilota sudafricano è diventato un po' una mina vagante, che ha iniziato ad attaccare tutti, permettendo di ricucire lo strappo proprio anche a Masia, Jeremy Alcoba ed un bravissimo John McPhee, capace di recuperare dopo aver scontato una long lap penalty per una scorrettezza commessa ieri in Q1.

Guarda anche:

A quattro giri dal termine, Masia ha cominciato a fare le prove generali, sfruttando il poderoso motore della sua Honda per sfilare Fernandez sul rettilineo opposto. Il rivale della KTM però gli ha sempre risposto con grinta alla prima staccata del giro successivo.

Il copione poi si è ripetuto all'ultimo giro, con Masia che ha sfruttato la scia per sfilare Fernandez. Questa volta però ne ha approfittato anche Binder, per soffiare anche la piazza d'onore allo spagnolo proprio all'ultima curva.

Tutti e tre comunque possono essere soddisfatti: per Masia si tratta della prima vittoria stagionale, la seconda in carriera, mentre per Fernandez è addirittura il primo podio iridato in assoluto. Per Binder invece è il secondo podio nelle ultime tre gare, dopo la bella affermazione di Barcellona.

Romano Fenati purtroppo si è dovuto accontentare di chiudere ai piedi del podio, precedendo in volata McPhee, Alcoba ed il leader iridato Arenas, finito anche sul verde all'ultimo giro, ma senza guadagnare terreno. Per il pilota del Team Aspar poteva essere una buona occasione per guadagnare punti pesanti, ma non ne ha approfittato.

Celestino Vietti aveva infatti montato la gomma dura al posteriore e si è dovuto accontentare di guidare il secondo gruppetto in nona posizione (davanti a lui c'è anche Suzuki, che si è staccato negli ultimi giri dal gruppetto di testa), mentre Ai Ogura non è andato oltre al 14esimo posto.

Nella classifica iridata, dunque, Arenas continua a comandare con 13 punti di margine su Ogura e 18 su Vietti. I risultati odierni non escludono categoricamente neanche Arbolino, assente perché in quarantena per essere stato vicino ad un positivo al COVID-19, che ora è a -29. Occhio poi anche a McPhee e Masia, che sono a -35 e -36.

A punti c'è anche Dennis Foggia, decimo con la Honda del Leopard Racing, mentre non è stata una domenica particolarmente brillante per gli altri piloti italiani: Niccolò Antonelli ha chiuso 18esimo, Riccardo Rossi 21esimo, Stefano Nepa 23esimo e Davide Pizzoli in coda al gruppo. E' andata anche peggio per Andrea Migno, ritirato a causa di una scivolata alla curva 7.

Cla Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari Punti
1 Spain Jaume Masia
Honda 19 37'45.009 153.3 25
2 South Africa Darryn Binder
KTM 19 37'45.100 0.091 0.091 153.3 20
3 Spain Raul Fernandez
KTM 19 37'45.205 0.196 0.105 153.3 16
4 Italy Romano Fenati
Husqvarna 19 37'45.336 0.327 0.131 153.2 13
5 United Kingdom John McPhee
Honda 19 37'45.377 0.368 0.041 153.2 11
6 Spain Jeremy Alcoba
Honda 19 37'45.394 0.385 0.017 153.2 10
7 Spain Albert Arenas Ovejero
KTM 19 37'45.405 0.396 0.011 153.2 9
8 Japan Tatsuki Suzuki
Honda 19 37'46.942 1.933 1.537 153.1 8
9 Italy Celestino Vietti Ramus
KTM 19 37'47.398 2.389 0.456 153.1 7
10 Italy Dennis Foggia
Honda 19 37'47.470 2.461 0.072 153.1 6
11 Japan Kaito Toba
KTM 19 37'47.975 2.966 0.505 153.1 5
12 Spain Carlos Tatay
KTM 19 37'48.029 3.020 0.054 153.1 4
13 Japan Ayumu Sasaki
KTM 19 37'49.881 4.872 1.852 152.9 3
14 Japan Ai Ogura
Honda 19 37'55.958 10.949 6.077 152.5 2
15 Turkey Deniz Öncü
KTM 19 37'55.988 10.979 0.030 152.5 1
16 Czech Republic Filip Salač
Honda 19 37'56.181 11.172 0.193 152.5
17 Spain Alonso Lopez
Husqvarna 19 37'58.870 13.861 2.689 152.3
18 Italy Niccolò Antonelli
Honda 19 38'04.770 19.761 5.900 151.9
19 Spain Sergio Garcia Dols
Honda 19 38'06.293 21.284 1.523 151.8
20 Japan Yuki Kunii
Honda 19 38'06.348 21.339 0.055 151.8
21 Italy Riccardo Rossi
KTM 19 38'06.388 21.379 0.040 151.8
22 Switzerland Jason Dupasquier
KTM 19 38'06.449 21.440 0.061 151.8
23 Italy Stefano Nepa
KTM 19 38'06.529 21.520 0.080 151.8
24 Japan Ryusei Yamanaka
Honda 19 38'21.579 36.570 15.050 150.8
25 Belgium Barry Baltus
KTM 19 38'21.637 36.628 0.058 150.8
26 Italy Davide Pizzoli
KTM 19 38'21.685 36.676 0.048 150.8
27 Malaysia Khairul Pawi
Honda 19 38'21.748 36.739 0.063 150.8
Austria Maximilian Kofler
KTM 17 34'05.002 2 Laps 2 Laps 151.9
Italy Andrea Migno
KTM 8 15'59.248 11 Laps 9 Laps 152.4
Argentina Gabriel Rodrigo
Honda 0
condividi
commenti
Moto3, Aragon: Fernandez in pole, ma Vietti lo fa sudare
Articolo precedente

Moto3, Aragon: Fernandez in pole, ma Vietti lo fa sudare

Articolo successivo

Moto3: Gresini rinnova il contratto a Gabriel Rodrigo

Moto3: Gresini rinnova il contratto a Gabriel Rodrigo
Carica i commenti