In Germania il San Carlo Team Italia pensa alla gara

Manzi e Ferrari riducono il gap dalla pole, ma scatteranno in 10° e 11° fila

In Germania il San Carlo Team Italia pensa alla gara

Il lavoro compiuto e l'impegno profuso dal San Carlo Team Italia al gran completo non hanno sortito gli effetti sperati nel corso delle qualifiche ufficiali del Mondiale Moto3 al Sachsenring. In un turno che ha premiato il capoclassifica di campionato Danny Kent (Honda), in 1'26"420 autore del nuovo record della pista e della sua terza pole position stagionale, Stefano Manzi e Matteo Ferrari hanno ridotto il gap dalla vetta pur ritrovandosi costretti a prender il via rispettivamente dalla decima e dall'undicesima fila.

In 1'28"171 autore del 29° riferimento cronometrico a 1"7 dal poleman Kent, Stefano Manzi non è riuscito a sfruttare appieno le potenzialità della gomma nuova nel suo ultimo tentativo. Al giovane pilota riminese resta la soddisfazione per un feeling in ascesa con la moto, tesi espressa anche da Matteo Ferrari, non particolarmente fortunato nel corso della sessione tanto da ritrovarsi 31° in griglia con il crono di 1'28"227 a 1"8 dalla vetta.

Domani alle 11:00 entrambi i portacolori del San Carlo Team Italia cercheranno di dar vita ad una proverbiale rimonta in gara, vantando un passo in linea con il proprio gruppo di riferimento a ridosso della zona-punti.

Stefano Manzi: "Una qualifica difficile, al di sotto delle nostre previsioni. Nell'ultimo tentativo di time attack non sono riuscito a sfruttare al meglio la gomma nuova, per questa ragione siamo così indietro. L'aspetto positivo è che rispetto a ieri abbiamo migliorato molto il bilanciamento della moto, il lavoro compiuto insieme alla squadra ha dato i suoi frutti. Speriamo domani nel Warm Up di trovare qualcosa in più per poter dare il massimo in gara".

Matteo Ferrari: "Sono un pò dispiaciuto per l'andamento di questa qualifica. Potevamo certamente fare molto meglio, ma per una serie di vicissitudini ci ritroviamo costretti a partire in undicesima fila. Per tutto il turno ho praticamente girato da solo, senza l'ausilio di una scia utile: nel primo tentativo non ho incontrato nessun pilota davanti a me e, soltanto all'ultimo time attack, ho guadagnato qualcosina nel primo rettilineo grazie al riferimento di Locatelli e Navarro. Questione di pochi centesimi in ogni caso, nulla più. Qui al Sachsenring basta una minima scia per guadagnare anche mezzo secondo, proprio quello che ci è mancato per qualificarci dignitosamente. Peccato, ma tutto sommato per la gara sono più fiducioso rispetto alla performance odierna: il feeling è cresciuto, la moto la "sento" bene in sella, come tempi siamo tutti lì di passo sull'1'28". Vedremo pertanto di fare del nostro meglio ed archiviare questo weekend con un risultato degno di nota".

Cristiano Migliorati (Direttore Sportivo - San Carlo Team Italia Moto3): "Una qualifica che chiaramente non ci soddisfa, al di sotto delle nostre aspettative. Per domani la nostra speranza è che i nostri due piloti con tanta buona volontà, impegno e spirito di sacrificio riescano ripetutamente per tutto l'arco della corsa a ripetere i medesimi tempi espressi oggi. A mio avviso, con un ritmo-gara sull'1'28" basso, si può avvicinare e, perchè no, persino raggiungere la zona punti. Questo è il nostro obiettivo, raggiungibile solo con la costanza di rendimento, senza commettere il benchè minimo errore in una contesa impegnativa di ben 27 giri".

 

condividi
commenti
Un problema al mono ammortizzatore frena Fenati
Articolo precedente

Un problema al mono ammortizzatore frena Fenati

Articolo successivo

Sachsenring, Warm-Up: Kent precede Antonelli

Sachsenring, Warm-Up: Kent precede Antonelli
Carica i commenti