Il San Carlo Team Italia guarda avanti dopo il Mugello

Il San Carlo Team Italia guarda avanti dopo il Mugello

Ferrari chiude solo 24esimo in gara, mentre una caduta toglie di scena Manzi

Il primo Gran Premio di casa della stagione 2015 non ha riservato grandi soddisfazioni ai piloti del San Carlo Team Italia. Nel gran giorno di Miguel Oliveira (KTM), al Mugello giunto alla sua prima affermazione in carriera nel Motomondiale, Matteo Ferrari transita sul traguardo in 24° posizione mentre Stefano Manzi è stato costretto alla resa a seguito di una caduta.

Grazie al lavoro di tutta la squadra, le difficoltà incontrate nell'arco del fine settimana sono state in parte sopperite oggi in gara permettendo a Matteo Ferrari di recuperare diverse posizioni, ma non abbastanza per raggiungere il traguardo della zona punti. Discorso similare per Stefano Manzi, con un passo dell'1'58" arrivato nelle prime fasi della contesa in piena top-20, salvo finire a terra all'uscita della curva "Palagio" nel corso dell'ottavo giro.

Oggi al Mugello Circuit i due piloti del San Carlo Team Italia hanno corso con il logo celebrativo del 30° anniversario del Team Italia ben in vista sulle carene delle due Mahindra MGP3O, archiviando un fine settimana inaugurato venerdì con la Conferenza Stampa ufficiale "Il San Carlo Team Italia celebra 30 anni di storia" alla quale hanno presenziato piloti ed i personaggi più rappresentativi del trentennale oltre a Paolo Sesti (Presidente FMI) e Carmelo Ezpeleta (CEO Dorna Sports).

Matteo Ferrari: "E' stata una gara piuttosto complicata. Rispetto ai precedenti Gran Premi la partenza non è stata male, ma sulla distanza abbiamo pagato le difficoltà incontrate nel corso del weekend. I piloti rientranti nel gruppo in lotta per la zona punti e la top-10 hanno girato oggi con un passo sull'1'58", pertanto ci sono mancati pochi decimi di media a giro per stare con loro. Peccato, nella nostra gara di casa non abbiamo ottenuto un grande risultato, adesso insieme alla squadra lavoreremo insieme per ritrovare la direzione giusta in vista delle prossime gare".

Stefano Manzi: "Partivamo indietro, ma nei primi giri siamo riusciti a recuperare diverse posizioni grazie ad un bello spunto al via. Stavo rimontando e non ero distante dalla zona punti, ma sfortunamente sono caduto per un errore mio senza riuscire a ripartire. Peccato perchè si poteva rimediare ad un weekend non facile, cercheremo di far meglio nelle prossime gare".

Cristiano Migliorati (Direttore Sportivo - San Carlo Team Italia Moto3): "Il nostro obiettivo era di concludere in zona punti, purtroppo dobbiamo ammettere di non aver conseguito questo traguardo. La classifica parla chiaro, con Ferrari abbiamo concluso a 28" dal vincitore girando di passo sull'1'59". Insieme dobbiamo lavorare da qui in avanti per metterci a posto su diversi aspetti al fine di trasmettere la giusta fiducia sin dalle prove del venerdì per poi affondare il colpo in gara. Da qui in avanti sarà indispensabile essere più cinici, determinati e convinti del potenziale della moto che abbiamo tra le mani, questi elementi dovrebbero garantirci più sicurezza nel corso del fine settimana. Quanto a Manzi devo ammettere che oggi eravamo a buon punto, i tempi all'avvio erano sull'1'58", ma sfortunatamente l'aver percorso pochi giri nelle prove a questi livelli ha un pò complicato la sua gara e, a mio avviso, credo sia la ragione della sua caduta".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Moto3
Piloti Matteo Ferrari , Stefano Manzi
Articolo di tipo Ultime notizie