Il team Sky VR46 di Moto3 cerca il riscatto ad Austin

Nicolò Bilega e Dennis Foggia non hanno brillato a Termas de Rio Hondo, per questo cercheranno di rifarsi ad Austin dopo un avvio di stagione piuttosto complicato.

Il team Sky VR46 di Moto3 cerca il riscatto ad Austin
Nicolo Bulega, Sky Racing Team VR46
Nicolo Bulega, Sky Racing Team VR46
Nicolo Bulega, Sky Racing Team VR46
Nicolo Bulega, Sky Racing Team VR46
Nicolo Bulega, Sky Racing Team VR46
Dennis Foggia, Sky Racing Team VR46
Nicolo Bulega, Sky Racing Team VR46

L’affascinante circuito delle Americhe (COTA) dà il benvenuto allo Sky Racing Team VR46 e ai suoi piloti che saranno impegnati questo fine settimana nella terza gara della stagione 2018, prima dell’esordio in Europa a Jerez de la Frontera.

Voglia di riscatto per il team di Moto3, con Bulega al lavoro per stare al passo con i più forti e Foggia alle prese per la prima volta con il difficile layout della pista americana dopo le sensazioni positive raccolte in Argentina.

Pablo Nieto, team manager: "In Moto3, Dennis è reduce da un weekend positivo in Argentina, nonostante la caduta. Forse non gli basterà la prima sessione per memorizzare linee e traiettorie, ma può fare bene. Nicolò è al lavoro con l’intero Team per riuscire a trovare le giuste sensazioni alla guida e continueremo in questa direzione per ricucire il gap con i più veloci".

Nicolò Bulega: "In Argentina, mi aspettavo un weekend diverso, ma il meteo e il risultato in qualifica non hanno reso le cose facili in gara. Non sono riuscito a trovare il feeling che cercavo alla guida, ma continuiamo a lavorare con tutto il Team per essere sempre più competitivi".

Dennis Foggia: "Da rookie, sarà l’ennesimo esordio su una pista che non conosco. Dalle immagini sembra molto impegnativa, l’obiettivo sarà quello di adattarsi prima possibile al layout e penso che la parte centrale del tracciato possa ben adattarsi al mio stile di guida. In Argentina, le sensazioni sono state davvero positive e dobbiamo continuare in questa direzione".

 

condividi
commenti
Di Giannantonio: "Austin è una pista che mi piace. Le scie sono necessarie"
Articolo precedente

Di Giannantonio: "Austin è una pista che mi piace. Le scie sono necessarie"

Articolo successivo

Austin, Libere 1: Martin precede Bastianini e Migno con la pista sporca

Austin, Libere 1: Martin precede Bastianini e Migno con la pista sporca
Carica i commenti