Moto3
20 set
-
22 set
Evento concluso
04 ott
-
06 ott
Evento concluso
18 ott
-
20 ott
Evento concluso
25 ott
-
27 ott
Evento concluso
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Gara in
04 Ore
:
22 Minuti
:
25 Secondi

Dalla Porta vince a Phillip Island: è campione del mondo Moto3!

condividi
commenti
Dalla Porta vince a Phillip Island: è campione del mondo Moto3!
Di:
27 ott 2019, 01:57

Il pilota della Leopard Racing riporta in Italia il Mondiale della classe entrante 15 anni dopo Dovizioso. Dopo il ritiro di Canet sarebbe bastato un piazzamento, ma Lorenzo festeggia in grande stile, con il terzo successo stagionale.

Dopo due anni di trionfi in Moto2, l'Italia è tornata sul tetto del mondo della classe entrante del Motomondiale grazie a Lorenzo Dalla Porta. Era addirittura dal 2004 che mancava un Mondiale per un pilota italiano. In quel caso fu Andrea Dovizioso, ma si correva ancora con le 125cc, quindi il pilota del Leopard Racing è il primo a scrivere il suo nome nell'albo d'oro della Moto3.

E lo ha fatto da protagonista fino in fondo, perché a Phillip Island gli sarebbe bastato anche solo un piazzamento, ma il ragazzo toscano invece è andato a prendersi la terza vittoria stagionale, favorito forse anche dal clamoroso autogol del rivale Aron Canet.

Dalla Porta aveva infatti bisogno di fare quattro punti in più rispetto allo spagnolo del Max Racing Team, che però ha un po' esagerato nelle primissime fasi e dopo appena tre giri ha visto andare in fumo le sue speranze residue con una scivolata ad alta velocità alla curva 1.

 

A quel punto forse Dalla Porta si è sentito anche liberato del peso di dover gestire la gara e si è messo in testa al gruppo, a dettare il ritmo. Del resto, la sua Honda era davvero velocissima sul rettilineo del tracciato austrliano, al punto che gli avversari non riuscivano a passarlo neppure sfruttando la scia, e quindi stare davanti era la strategia migliore anche per rimanere lontano dai guai, visto che nel gruppone le carenate non sono mancate.

E così anche all'ultimo giro ha preferito presentarsi sul rettilineo finale davanti a tutti, nonostante Albert Arenas fosse incollato nella sua scia, dimostrando ancora una volta una freddezza notevole, soprattutto nei momenti che conta e portandosi a casa un altro successo dedicato alla nonna Nicoletta che non c'è più.

Lo spagnolo infatti non ha potuto nulla contro Lorenzo, anzi, in volata si è visto beffare anche da Marcos Ramirez, che ha reso ancora più dolce la festa nel Leopard Racing con una doppietta, che arriva dopo anche il titolo team già celebrato in Giappone.

Arenas comunque prosegue il suo ottimo momento, visto che quello australiano è il terzo podio consecutivo, mentre è stato decisamente meno fortunato Tatsuki Suzuki, quarto per la seconda domenica di fila, mentre a completare la top 5 c'è lo scozzese John McPhee.

Leggi anche:

Dopo una prima parte di gara da protagonista, si è invece un po' perso Tony Arbolino, rallentato anche da un contatto con Darryn Binder. Il pilota della VNE Snipers non ha sfruttato il ko di Canet per avvicinarsi allo spagnolo ed ha chiuso solo nono, quindi rimane staccato di 14 punti dalla sua seconda posizione. Anzi, ora deve guardarsi le spalle da Ramirez, che insidia il suo podio iridato a 4 lunghezze.

A punti poi c'è anche il terzetto tutto tricolore composto da Stefano Nepa, Dennis Foggia e Romano Fenati, che hanno occupato le posizioni comprese tra la decima e la 12esima. Ritirati invece tutti gli altri ragazzi di casa nostra: Celestino Vietti è rimasto coinvolto in un incidente con Jaume Masia all'ultimo giro. Andrea Migno in uno con Kaito Toba poco prima, mentre Riccardo Rossi è stato steso da Binder dopo appena due curve.

Da segnalare poi anche il forfait di Niccolò Antonelli, che ha alzaro bandiera bianca dopo il Warm-Up per via di una spalla ancora dolorante dopo la lussazione rimediata durante le qualifiche di ieri, con una brutta caduta alla curva 1.

Cla Pilota moto Moto Giri Tempo Distacco Distacco km orari Punti
1 Italy Lorenzo Dalla Porta
Honda 23 37'45.817 162.5 25
2 Spain Marcos Ramírez
Honda 23 37'45.894 00.077 00.077 162.5 20
3 Spain Albert Arenas Ovejero
KTM 23 37'45.905 00.088 00.011 162.5 16
4 Japan Tatsuki Suzuki
Honda 23 37'45.943 00.126 00.038 162.5 13
5 United Kingdom John McPhee
Honda 23 37'46.147 00.330 00.204 162.5 11
6 South Africa Darryn Binder
KTM 23 37'46.589 00.772 00.442 162.4 10
7 Japan Ayumu Sasaki
Honda 23 37'46.846 01.029 00.257 162.4 9
8 United Kingdom Tom Booth-Amos
KTM 23 37'47.362 01.545 00.516 162.4 8
9 Italy Tony Arbolino
Honda 23 37'47.452 01.635 00.090 162.4 7
10 Italy Stefano Nepa
KTM 23 37'47.840 02.023 00.388 162.3 6
11 Italy Dennis Foggia
KTM 23 37'48.157 02.340 00.317 162.3 5
12 Italy Romano Fenati
Honda 23 37'49.540 03.723 01.383 162.2 4
13 Spain Alonso Lopez
Honda 23 37'53.381 07.564 03.841 162.0 3
14 Japan Ai Ogura
Honda 23 37'53.493 07.676 00.112 161.9 2
15 Czech Republic Jakub Kornfeil
KTM 23 37'53.926 08.109 00.433 161.9 1
16 Turkey Can Öncü
KTM 23 38'02.552 16.735 08.626 161.3
17 Japan Kazuki Masaki
KTM 23 38'02.561 16.744 00.009 161.3
18 Kazakhstan Makar Yurchenko
KTM 23 38'28.143 42.326 25.582 159.5
19 Rogan Chandler
Kalex KTM 22 38'43.169 1 Lap 1 Lap 151.6
Spain Jaume Masia
KTM 22 36'07.832 1 Lap 162.5
Italy Celestino Vietti Ramus
KTM 22 36'07.838 1 Lap 00.006 162.5
Japan Kaito Toba
Honda 20 32'50.932 3 Laps 2 Laps 162.4
Italy Andrea Migno
KTM 20 32'51.382 3 Laps 00.450 162.4
Spain Raul Fernandez
KTM 17 28'26.286 6 Laps 3 Laps 159.5
Czech Republic Filip Salač
KTM 15 24'40.154 8 Laps 2 Laps 162.2
Argentina Gabriel Rodrigo
Honda 15 24'40.393 8 Laps 00.239 162.2
Spain Sergio Garcia Dols
Honda 13 21'25.552 10 Laps 2 Laps 161.9
Yanni Shaw
Kalex KTM 3 05'32.568 20 Laps 10 Laps 144.4
Spain Aron Canet
KTM 2 03'22.241 21 Laps 1 Lap 158.3
Italy Riccardo Rossi
Honda 0 23 laps

Articolo successivo
Prima pole in Moto3 per Ramirez a Phillip Island

Articolo precedente

Prima pole in Moto3 per Ramirez a Phillip Island

Articolo successivo

Mondiale Moto3 2019: Dalla Porta chiude i giochi in Australia

Mondiale Moto3 2019: Dalla Porta chiude i giochi in Australia
Carica i commenti