Test Jerez, Giorno 1: Bagnaia parte a razzo e precede Marquez e Pasini

condividi
commenti
Test Jerez, Giorno 1: Bagnaia parte a razzo e precede Marquez e Pasini
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
12 feb 2018, 17:53

Il portacolori dello Sky Racing Team VR46 è stato il più veloce in 1'42"330, ma lo spagnolo ed il connazionale sono molto vicini. La KTM di Oliveira è in quarta posizione, davanti a Baldassarri, Marini e Corsi. Bene Fenati 12esimo.

Pecco Bagnaia è convinto di avere tutte le carte in regola per dare l'assalto al titolo iridato della classe Moto2 e oggi il portacolori dello Sky Racing Team VR46 ha provato a darne conferma nella prima giornata dei test collettivi di Jerez de la Frontera.

In sella alla sua Kalex, il torinese ha girato in 1'42"330, tempo realizzato nella terza ed ultima sessione odierna, dopo che la pioggia aveva un po' rallentato i lavori nella seconda. Alle sue spalle, staccata di 166 millesimi, c'è l'altra Kalex, ma con i colori Marc VDS, del fratellino d'arte Alex Marquez.

Dopo aver brillato nei test di Valencia, si è poi confermato tra i migliori anche Mattia Pasini, terzo con la Kalex dell'Italtrans Racing in 1'42"560 nonostante una scivolata senza conseguenze. Bisogna quindi scorrere la classifica fino al quarto posto per trovare la prima delle KTM, che è quella del portoghese Miguel Oliveira, distanziata di 264 millesimi dalla vetta.

Tra i migliori si è inserito nuovamente anche Lorenzo Baldassarri, che pare aver trovato un ottimo feeling con la Kalex del Pons Racing, con la quale ha staccato il quinto tempo, davanti ai connazionali Luca Marini (Sky Racing Team VR46) e Simone Corsi (Tasca Racing). A completare la top 10 poi c'è il terzetto spagnolo composto da Xavi Vierge, Isaac Vinales ed Hector Barbera.

Romano Fenati si è preso la palma di migliore degli esordienti, riuscendo a piazzare la sua Kalex della Marinelli Snipers al 12esimo posto, a 742 millesimi da Bagnaia. Il campione del mondo della Moto3 Joan Mir invece si è dovuto accontentare della 15esima piazza con la Kalex della Marc VDS, alle spalle anche della Speed Up di Danny Kent e dell'ex MotoGP Sam Lowes, che continua l'adattamento alla KTM della Swiss Innovative Investors e pure lui finito ruote all'aria.

Bisogna scorrere la classifica fino al 20esimo posto per trovare la Suter con i colori Forward Racing di Eric Granado, mentre è andata decisamente peggio al compagno di squadra Stefano Manzi, che chiude il gruppo in 31esima posizione.

Alle spalle del brasiliano, in 21esima piazza, c'è la NTS di Joe Roberts seguita dalla Tech 3 di Steven Odendaal. Il quadro dei piloti italiani poi si completa con il 27esimo crono di Andrea Locatelli ed il 29esimo di Federico Fuligni.

Moto2 - Test Jerez - Giorno 1

Prossimo articolo Moto2
Marini: "Quest'anno devo ancora imparare, ma nel 2019..."

Previous article

Marini: "Quest'anno devo ancora imparare, ma nel 2019..."

Next article

Test Jerez, Giorno 2: Pecco Bagnaia si conferma in forma "Mondiale"

Test Jerez, Giorno 2: Pecco Bagnaia si conferma in forma "Mondiale"
Load comments