Siegfried Stohr a proposito della morte di Tomizawa

Siegfried Stohr a proposito della morte di Tomizawa

Un lucido commento dell'ex pilota di Formula 1

L'ex pilota di Formula 1 Siegfried Stohr, direttore di una delle scuole di pilotaggio più famose e rinomate d'Italia, ha scritto sul suo sito GuidarePilotare.com un articolo per ricordare Shoya Tomizawa, il giovane giapponese deceduto sul circuito di Misano domenica 5 settembre durante la gara di Moto2. E’ morto un pilota, proprio a Misano dove lavoro. Di fronte alla morte abbiamo sempre due diversi problemi: 1. Chiedersi se si poteva evitare e come fare in futuro. 2. Onorare la memoria. Questo vale per la morte di un pilota, per quella della signora investita sulle strisce pedonali, per le 85 vittime della strage di Bologna, per il generale dalla Chiesa, la moglie e la scorta. Se il punto 1 invita a riflessioni su cosa non si è fatto, cosa andava fatto, cosa si potrà fare, anche il punto 2 si pone gli stessi obiettivi: la memoria ci deve far riflettere, aiutare a non ripetere gli errori del passato e migliorare il futuro. Tutto il resto a posteriori non serve, né alla vittima, né alle prossime vittime. Sono le inutili polemiche che ho sentito alla tv e ho letto sui giornali. Inutili perché non si sono poste il problema della sicurezza in termini reali, ma solo con gli occhi di chi vede un ralenti un’ora dopo e non era sul posto a intervenire in pochi secondi. Qualcuno ha invocato il senso etico e il rispetto della vita chiedendo di non disputare la gara successiva. Il senso etico e il rispetto della vita invece, sta in quanto detto sopra, non nel piangere i morti “dopo” o nel non correre una gara fingendo che il motociclismo, come la boxe e l’alpinismo, non siano sport sempre e comunque pericolosi. Personalmente piango di più il pedone investito inconsapevole (magari dall’ubriaco di turno che scappa) piuttosto che il pilota che, come me, ha messo in conto anche l’estrema fatalità. Ma oramai è la televisione che suscita le nostre lacrime e piangiamo solo le tragedie che possiamo vedere in diretta tv. Non sarebbe servito nulla fermare la gara e Claudio Costa lo ha spiegato lucidamente pur dopo avere pianto. Non sarebbe servito non far correre la MotoGP un’ora dopo la tragedia: di certo non sarebbe servito a salvare Tomizawa. Ma se vogliamo stimolare qualche riflessione rispondo così. Forse invece di fermare una domenica di gare, servirebbe fermare le nostre auto, anche solo per poche ore, per ricordare le vittime della strada: persone che andavano incontro a un momento di svago o si recavano semplicemente al lavoro senza contemplare per questo la possibilità di morire. Mi riferisco in particolare proprio ai motociclisti, utenti “deboli” insieme a ciclisti e pedoni che spesso non sono rispettati da automobilisti frettolosi e prepotenti. Non sarebbe un dramma: io ricordo ancora le domeniche a piedi durante la crisi del 1973, ma forse allora vivevamo in un altro mondo. Siegfried Stohr

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Moto2
Piloti Shoya Tomizawa
Articolo di tipo Ultime notizie