Roberto Locatelli è il nuovo coach dei piloti della VR46 Riders Academy

condividi
commenti
Roberto Locatelli è il nuovo coach dei piloti della VR46 Riders Academy
Di:
01 feb 2019, 15:58

L'ex campione del mondo della 125cc prende il posto di Idalio Gavira e torna ad avere un ruolo a bordo pista dopo essere stato telecronista per Sky Sport MotoGP HD nelle ultime stagioni.

La VR46 Riders Academy ha annunciato la collaborazione con Roberto Locatelli che, per la stagione 2019, sarà il coach degli 11 piloti dell’Accademia di Valentino Rossi. Locatelli subentra ad Idalio Gavira e La sua lunga esperienza nel Motomondiale, che lo ha visto fra le altre cose laurearsi campione del mondo della classe 125 nella stagione 2000, sarà senz’altro preziosa nel percorso di crescita delle giovani promesse dell’Academy.  

"Sono felice di diventare il coach della VR46 Riders Academy, un progetto che mi ha sempre attirato. Sono contento di poter tornare in pista con questi ragazzi. E’ un ruolo in cui mi ci ritrovo molto e, dopo aver terminato la mia carriera da agonista, è probabilmente il ruolo più vicino a quello di pilota. In un certo senso è un po’ come tornare in sella alla moto. Metterò a disposizione tutta la mia esperienza e cercherò di dare a questi ragazzi i migliori consigli per aiutarli nel loro percorso di crescita e per raggiungere insieme importanti risultati" ha detto Roberto Locatelli.

Leggi anche:

"Sono contento che Roberto Locatelli sia entrato a far parte della famiglia della VR46 Riders Academy. La sua presenza è un grande valore aggiunto al nostro progetto. Sono sicuro che riuscirà a guidare i ragazzi in pista dando loro preziosi consigli per raggiungere risultati di rilievo. Non vedo l’ora che inizi questa stagione e di poter lavorare insieme" ha aggiunto Alessio Salucci, responsabile della VR46 Riders Academy.

Articolo successivo
Lo Sky Racing Team VR46 si presenta a Milano: nuove sfide nel segno della continuità

Articolo precedente

Lo Sky Racing Team VR46 si presenta a Milano: nuove sfide nel segno della continuità

Articolo successivo

Marini: "Anche se dovessi essere campione del mondo, non sarei obbligato ad andare in MotoGP"

Marini: "Anche se dovessi essere campione del mondo, non sarei obbligato ad andare in MotoGP"
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Moto2 , Moto3
Autore Redazione