Moto2: quattro contendenti per una sola corona a Portimao

Ad una gara dal termine, Enea Bastianini, Sam Lowes, Luca Marini e Marco Bezzecchi sono tutti racchiusi in 23 punti, con il pilota dell'Italtrans Racing che al momento però sembra il favorito per la corona.

Moto2: quattro contendenti per una sola corona a Portimao

La seconda gara di Valencia è stata uno snodo fondamentale per la corsa al titolo della Moto2. E la cosa più curiosa forse è che, pur essendoci ancora quattro candidati alla corona di campione del mondo ad una gara dal termine, nessuno di questi è salito sul gradino più alto del podio del Ricardo Tormo.

Il leader: Enea Bastianini

 

Nonostante si sia piazzato solamente sesto, alla fine il weekend del Gran Premio della Comunità Valenciana ha sorriso ad Enea Bastianini, che si presenterà a Portimao con un vantaggio di 14 lunghezze nei confronti del diretto inseguitore Sam Lowes. Questo vuol dire che con il quarto posto in Portogallo il portacolori dell'Italtrans Racing avrebbe la certezza aritmetica del titolo senza bisogno di guardare ai risultati degli avversari.

"Gara positiva anche se per tutto il weekend abbiamo sofferto al T4. Abbiamo portato a casa punti importanti per il campionato, ma rimane l’amaro in bocca perché avremmo potuto fare qualcosa di più. Siamo sempre leader del Mondiale e ora ci concentriamo al massimo per Portimao" ha detto Enea dopo una gara che comunque lo ha visto rimontare dalla quarta fila e che sembra avere tutte le carte in regola per presentarsi il prossimo anno in MotoGP da campione del mondo della classe di mezzo, anche se ormai non vince una gara dal GP dell'Emilia Romagna.

Lowes acciaccato, ma non molla: è a -14

 

Indubbiamente, il romagnolo è stato aiutato dalle disavventure di Lowes. Il pilota della Marc VDS, reduce dallo zero del Gran Premio d'Europa dopo tre vittorie consecutive, è incappato in una brutta cadute nelle prove libere di sabato mattina, nella quale ha rimediato una brutta contusione al polso ed alla mano destra, che erano veramente gonfi in maniera impressionante.

Il britannico però ha stretto i denti ed è stato ripagato, riuscendo a portare a casa un 14esimo posto e due punticini che potrebbero essere preziosi. A patto però che le sue condizioni fisiche siano perfette o quasi nell'atto conclusivo, perché se vuole sperare nel titolo ha bisogno di almeno un piazzamento a podio.

"Siamo stati anche un po' fortunati, perché alcuni piloti sono caduti alla fine, ma questo era capitato a me la settimana scorsa, sono le corse. All'inizio non mi sentivo a mio agio sulla moto, ma poi quando la moto si alleggerita ho iniziato ad avere il ritmo del gruppo" ha detto Sam.

"Ho fatto abbastanza fatica con la mano, ma non cerco scuse, sono contento di questi due punti, perché ci permettono di andare all'ultima gara con una chance, quindi sarebbe anche potuta andare peggio. Ora faremo un altro check alla mano e, se non ci saranno ulteriori danni, spero che migliori per provarci in Portogallo" ha aggiunto.

Marini è crollato dopo Le Mans: è a -18

 

Veniamo ora ai due portacolori dello Sky Racing Team VR46, che sono probabilmente quelli che hanno meno chance. Luca Marini si presenterà in Algarve con 18 punti da recuperare e Marco Bezzecchi invece con 23, quindi devono sperare in una giornata storta di Bastianini per fare festa in Portogallo.

Come il suo futuro compagno nel team Esponsorama di MotoGP, Marini scattava dalla quarta fila, ma in questa seconda gara non è riuscito ad essere incisivo a livello di passo come lo era stato nel primo appuntamento valenciano. Luca è rimasto "bloccato" dietro a Marcel Schrotter ed ha visto il gruppetto di testa fuggire via, dovendosi accontentare della quinta piazza e di recuperare un solo punto su Bastianini.

"Non è stata una gara facile, sono partito bene, ma nei primi giri ho perso il contatto con i primissimi. Il passo gara è stato molto simile per tutti e dopo una qualifica non perfetta non era facile recuperare. Ho perso molto tempo con Marcel, staccava molto forte e la sua moto sul dritto era più veloce. Un vero peccato perché era l’occasione di recuperare punti su Enea in classifica" ha detto Marini, che dopo la brutta caduta di Le Mans ha vissuto una parte conclusiva di stagione non all'altezza di quello che era riuscito a fare prima del GP di Francia.

Bezzecchi, occasione sprecata: è a -23

 

Probabilmente, però, il più deluso di tutto è anche l'unico ad essere riuscito a salire sul podio domenica. Nel corso dell'ultimo giro però Bezzecchi si è visto sfilare da sotto il naso la vittoria e ben 9 punti, venendo superato sia da Jorge Martin che da Hector Garzo. Marco ha un po' recriminato con Fabio Di Giannantonio, reo secondo lui di essere stato un po' troppo aggressivo quando avevano un po' di margine sugli inseguitori.

"Rispetto alla scorsa domenica, con il vento, ho fatto davvero fatica. La moto era molto nervosa, avevo poco grip, all’ultimo giro poi ho preso dei rischi. Un peccato perché a metà gara avevamo un po’ di vantaggio con Fabio e per un paio di entrate aggressive sono andato lungo e abbiamo perso tanto terreno rispetto a quelli dietro che ci hanno raggiunto" ha detto Bezzecchi, sul quale pesa anche il clamoroso errore di Motorland Aragon, dove è caduto al penultimo giro quando era al comando. Con quei 25 punti in più, infatti, sarebbe lui il leader iridato...

condividi
commenti
Moto2: Martin vince a Valencia. Bastianini allunga nel Mondiale
Articolo precedente

Moto2: Martin vince a Valencia. Bastianini allunga nel Mondiale

Articolo successivo

Moto2: Hector Garzo rimane con il team Pons anche nel 2021

Moto2: Hector Garzo rimane con il team Pons anche nel 2021
Carica i commenti