Espargaro trionfa in Australia ed ipoteca il titolo

Espargaro trionfa in Australia ed ipoteca il titolo

Pol capitalizza l'assenza di Redding (forse out anche in Giappone) e la giornata no di Rabat per volare a +16

Quando il gatto non c'è i topi ballano e lo fanno alla grande. In questo caso ad assumere le sembianze del roditore è stato Pol Espargaro, che ha capitalizzato al massimo l'assenza del "felino" Scott Redding, infortunatosi ad un polso nelle qualifiche di ieri: lo spagnolo si è imposto nella brevissima gara di Phillip Island, conquistando la sua quinta affermazione stagionale e portandosi in testa al Mondiale Moto2 con 16 punti di vantaggio sullo sfortunato rivale britannico. Come detto, il timore manifestato da parte della Dunlop riguardo alla tenuta degli pneumatici, visto il grande grip offerto dal nuovo asfalto, ha portato la Direzione Gara a ridurre a sole 13 tornate la distanza della corsa che si è disputata oggi, ma questo non ha preoccupato troppo "Polyccio", che si è reso protagonista di una prova davvero inappuntabile. Lo spagnolo del Team Tuenti e la sua Kalex hanno preso il comando delle operazioni fin dalla primissima curva e lo hanno mantenuto praticamente dall'inizio alla fine, tirandosi però nella loro scia un gruppettino agguerrito di altri quattro piloti, del quale facevano parte Thomas Luthi, Jordi Torres, Simone Corsi ed Alex De Angelis. Inizialmente faceva parte del trenino anche l'altro contendente al titolo Esteve Rabat, ma poi lo spagnolo ha commesso un clamoroso errore con un fuori pista, precipitando all'ottavo posto finale, ma soprattutto a -36 nella classifica del campionato. Con lui così distante e Redding che molto probabilmente non correrà neanche domenica prossima in Giappone, la posizione di Espargaro si è fatta davvero molto solida con la vittoria di oggi. Pur non riuscendo mai a scappare, Pol ha sembre avuto un leggero margine di sicurezza su Luthi e lo ha amministrato bene fino al traguardo, anche perchè nell'ultimo giro l'elvetico si è dovuto guardare soprattutto dai tentativi di attacco di Torres, che ha chiuso terzo alle sue spalle. Subito fuori dal podio invece i nostri, con Simone Corsi quarto ed Alex De Angelis quinto, ma entrambi autori di una prova molto solida. Non è andata altrettanto bene a Mattia Pasini, caduto dopo pochi giri coinvolgendo anche l'incolpevole Julian Simon e solo 16esimo alla fine. Continuando a scorrere la classifica, con il sesto posto bisogna segnalare l'ennesimo piazzamento a punti consecutivo dello svizzero Dominique Aegerter, che ha battuto in volata Mika Kallio e Rabat. Chiudono la top ten Nico Terol ed Anthony West, con il campione in carica della Moto3 Sandro Cortese che ne è rimasto fuori per appena un paio di decimi.

Moto2 - Phillip Island - Gara

Moto2 - Classifica campionato

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Moto2
Piloti Pol Espargaro
Articolo di tipo Ultime notizie