Indianapolis, Libere 1: Redding detta il passo

Indianapolis, Libere 1: Redding detta il passo

Dominio britannico con Smith in seconda piazza. Attardati Iannone e Bradl

Parla decisamente britannico la prima sessione di prove libere del Gp di Indianapolis classe Moto2. Davanti a tutti, infatti, ci sono due piloti provenienti dalla Gran Bretagna come Scott Redding e Bradley Smith. Per il portacolori della Marc VDS quello con il "catino" dell'Indiana è un feeling che quindi diventa consolidato, visto che proprio qui un anno riuscì per la prima volta a salire sul podio nella classe di mezzo. Oggi poi ha saputo fare la selezione, staccando di oltre sette decimi Smith con il suo 1'46"689. Sotto il secondo di distacco più indietro troviamo il solo Randy Krummenacher, mentre da Marc Marquez in giù i distacchi cominciano a diventare davvero pesanti. Lo spagnolo, vittima anche di uno scivolone dopo la bandiera a scacchi, comunque è riuscito ad inserirsi davanti ad un terzetto tutto italiano composto da Claudio Corti, Mattia Pasini e Simone Corsi. Solo 14esimo invece il vincitore della gara di Brno, Andrea Iannone, che è seguito a ruota da Alex De Angelis e dal leader del mondiale Stefan Bradl. Fa strano comunque vedere questi tre piloti così indietro, senza contare poi che sono attardati di oltre 2". Brutta caduta, infine, per il turco Kenan Sofuoglu, vittima di un violentissimo highside. La speranza è che il campione del mondo della Supersport se la possa cavare solo con un brutto spavento e qualche graffio...

Moto2 - Indianapolis - Libere 1

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Moto2
Piloti Scott Redding
Articolo di tipo Ultime notizie