Folger trova il bis a Jerez e si rilancia nel Mondiale

Folger trova il bis a Jerez e si rilancia nel Mondiale

Dietro di lui Zarco approfitta del contatto tra Rabat e Rins all'ultima curva. Morbidelli sesto e miglior italiano

Dopo il grande passo mostrato per tutto il weekend, era lecito aspettarsi un grande Tito Rabat nella gara di oggi della Moto2 a Jerez de la Frontera. Contrariamente alle previsioni, a spuntarla è stato il tedesco Jonas Folger, che ha così firmato il suo secondo sigillo stagionale, rilanciando così la sua candidatura per il titolo iridato dopo due Gp un po' in ombra.

Il portacolori del Team AGR ha lasciato proprio che fosse il campione del mondo in carica a scatenarsi nella prima fase della corsa e poi è venuto fuori alla distanza. Quando mancavano 16 giri al termine, il rivale della Marc VDS è andato largo alla curva 5 e lui ne ha subito approfittato per portarsi al comando.

Una volta in testa, ha piano piano incrementato il suo vantaggio su Rabat, involandosi solitario verso la vittoria. Dietro di lui invece è stata caldissima la battaglia per la piazza d'onore ed anche questa volta, come nella Moto3, ci ha messo lo zampino l'ultima curva.

Nel finale Tito ha patito un calo di ritmo importante e alle sue spalle Alex Rins e Johann Zarco hanno sentito l'odore del sangue. Il rookie proveniente dalla Moto3 ci ha provato all'interno, ma Rabat è stato bravo ad allungare la staccata e nell'incrocio delle traiettorie c'è stato un contatto nel quale ha avuto la peggio proprio Rins, cadendo e precipitando fuori dalla zona punti.

Il più fortunato però è stato senza ombra di dubbio Zarco, perché con la toccata Rabat ha dovuto allargare la traiettoria e quindi il francese si è potuto infilare e prendersi un secondo posto che sembrava davvero insperato fino a poche curve dal termine, ma che premia una grande rimonta dopo una partenza negativa.

Un risultato pesante per il portacolori dell'Ajo Motorsport, che porta a casa 20 punti e sale a quota 73, quindi con 16 punti di margine su Folger ora secondo. Rins invece paga a caro prezzo la sua caduta perché scivola quindi a 24 punti dal battistrada. E anche Rabat si ritrova quindi bloccato a soli 23 punti.

Tornando a scorrere la classifica del Gp di oggi, ai piedi del podio c'è Thomas Luthi, con Xavier Simeon a completate la top five. Il migliore degli italiani è stato nuovamente Franco Morbidelli, sesto in rimonta con la Kalex del Team Italtrans. Nella top ten però c'è anche Simone Corsi, ottavo alle spalle di un ritrovato Luis Salom.

Merita poi di essere sottolineato anche il nono posto di Alex Marquez, perché ottiene il suo miglior risultato stagionale. E un bravo va anche a Julian Simon, risalito dall'ultimo posto in griglia fino all'11esimo, ma pure a Lorenzo Baldassarri, che porta a casa ancora qualche punticino.

Domenica nera invece per dei protagonisti attesi come Takaaki Nakagami, Sam Lowes e Mika Kallio: i primi due hanno terminato la loro gara lontani dalla zona punti, con il britannico della Speed Up che ha accusato un problema alla frizione e quindi ora si ritrova ad oltre 30 punti da Zarco. Il finlandese invece è stato costretto al ritiro, ma anche lui viaggiava nelle retrovie.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Moto2
Piloti Johann Zarco , Jonas Folger , Tito Rabat
Articolo di tipo Ultime notizie