Finalmente Quartararo: batte Oliveira a Barcellona e centra la sua prima vittoria iridata!

condividi
commenti
Finalmente Quartararo: batte Oliveira a Barcellona e centra la sua prima vittoria iridata!
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
17 giu 2018, 11:21

Grande successo per il francese, che riporta alla vittoria anche la Speed Up. Oliveira però recupera tantissimi punti su Bagnaia, oggi solo ottavo. Sul podio c'è anche Alex Marquez.

Fabio Quartararo, Speed Up Racing
Miguel Oliveira, Red Bull KTM Ajo
Miguel Oliveira, Red Bull KTM Ajo
Alex Marquez, Marc VDS
Alex Marquez, Marc VDS
Lorenzo Baldassarri, Pons HP40 Moto2
Lorenzo Baldassarri, Pons HP40
Francesco Bagnaia, Sky Racing Team VR46
Francesco Bagnaia, Sky Racing Team VR46
Xavi Vierge, Dynavolt Intact GP

Tre anni fa era indicato come uno dei talenti più cristallini da seguire per il futuro, poi Fabio Quartararo sembrava aver incredibilmente smarrito la rotta. A Barcellona però il pilota francese ha ricordato a tutti perché aveva attirato tante attenzioni, firmando la sua prima pole position in Moto2, alla quale ha fatto seguire una vittoria perentoria.

Rimasto sempre nel gruppetto di testa nelle primissime fasi, il portacolori della Speed Up ha lasciato che fossero prima Alex Marquez e poi Miguel Oliveira a comandare le operazioni. Quando però ha deciso di cambiare marcia non c'è stato più nulla da fare peri suoi avversari.

Una volta in testa, è stato l'unico capace di girare con una certa regolarità addirittura sotto al muro dell'1'40", riuscendo quindi a scavare un piccolo solco di sicurezza nei confronti della KTM di Oliveira, che ha amministrato benissimo fino alla fine riportando alla vittoria anche il telaio e la squadra di Luca Boscoscuro.

Alle sue spalle però Oliveira si è portato a casa un risultato davvero pesante in ottica iridata, perché in appena un paio di giri è riuscito a portarsi nelle prime tre-quattro posizioni dal 17esimo posto in griglia e poi ha sfoderato una gara tutta all'attacco, riducendo a solo 1 punto il distacco in classifica nei confronti di un Pecco Bagnaia oggi in ombra e solo ottavo.

Leggi anche:

Subito dopo la bandiera a scacchi poi il portoghese è stato vittima di un episodio incredibile, venendo centrato in pieno da Simone Corsi, che a sua volta aveva appena tagliato il traguardo in 12esima posizione. Un incidente pericoloso, che però fortunatamente non sembra aver avuto conseguenze troppo pesanti.

Sul podio c'è salito anche Alex Marquez, che all'inizio della gara aveva provato a dettare il ritmo, ma poi ha via via perso colpi. Al fratellino d'arte della Marc VDS continua a mancare la zampata, ma anche lui è riuscito ad accorciare la classifica, portandosi a 25 punti da Bagnaia.

"Medaglia di legno" per Marcel Schrotter che oggi può recriminare per un errore alla prima staccata che gli è costata diverse posizioni dopo pochi giri. Un peccato per il tedesco della Dynavolt Intact GP, che probabilmente senza quella sbavatura si sarebbe potuto portare a casa il primo podio della carriera.

Dietro di lui c'è il compagno Xavi Vierge, seguito dalla KTM di Brad Binder e da Lorenzo Baldassarri, che proprio all'ultimo giro è riuscito a superare un Bagnaia autore probabilmente della gara più incolore della sua stagione a causa di un problema con la gomma posteriore, che però paga a caro prezzo, vedendo praticamente azzerare il suo margine in classifica.

Completano la top 10 le KTM di Sam Lowes ed Iker Lecuona, entrambi molto veloci nel finale, mentre ne sono rimasti subito fuori Andrea Locatelli ed il già citato Corsi. Fuori dai punti invece Luca Marini, che non è riuscito a fare meglio del 17esimo posto, mentre sono stati tutti costretti al ritiro Mattia Pasini, Romano Fenati, Federico Fuligni e Stefano Manzi.

Cla   # Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Ritirato Punti
1   20 France Fabio Quartararo Speed Up 22 38'22.059     159.1   25
2   44 Portugal Miguel Oliveira KTM 22 38'24.551 2.492 2.492 159.0   20
3   73 Spain Alex Marquez Kalex 22 38'25.544 3.485 0.993 158.9   16
4   23 Germany Marcel Schrötter Kalex 22 38'26.457 4.398 0.913 158.8   13
5   97 Spain Xavi Vierge Kalex 22 38'26.746 4.687 0.289 158.8   11
6   41 South Africa Brad Binder KTM 22 38'29.696 7.637 2.950 158.6   10
7   7 Italy Lorenzo Baldassarri Kalex 22 38'29.783 7.724 0.087 158.6   9
8   42 Italy Francesco Bagnaia Kalex 22 38'32.670 10.611 2.887 158.4   8
9   22 United Kingdom Sam Lowes KTM 22 38'35.968 13.909 3.298 158.2   7
10   27 Spain Iker Lecuona KTM 22 38'37.183 15.124 1.215 158.1   6
11   5 Italy Andrea Locatelli Kalex 22 38'38.042 15.983 0.859 158.0   5
12   24 Italy Simone Corsi Kalex 22 38'38.464 16.405 0.422 158.0   4
13   45 Japan Tetsuta Nagashima Kalex 22 38'41.054 18.995 2.590 157.8   3
14   40 Spain Augusto Fernandez Kalex 22 38'42.300 20.241 1.246 157.7   2
15   87 Australia Remy Gardner Tech 3 22 38'42.468 20.409 0.168 157.7   1
16   57 Spain Edgar Pons Kalex 22 38'46.597 24.538 4.129 157.5    
17   10 Italy Luca Marini Kalex 22 38'49.668 27.609 3.071 157.3    
18   4 South Africa Steven Odendaal NTS 22 38'50.285 28.226 0.617 157.2    
19   89 Malaysia Khairul Pawi Kalex 22 38'50.699 28.640 0.414 157.2    
20   77 Switzerland Dominique Aegerter KTM 22 38'51.276 29.217 0.577 157.1    
21   52 United Kingdom Danny Kent Speed Up 22 38'52.354 30.295 1.078 157.1    
22   16 United States Joe Roberts NTS 22 38'59.659 37.600 7.305 156.6    
23   95 France Jules Danilo Kalex 22 39'00.708 38.649 1.049 156.5    
24   30 Indonesia Dimas Pratama Honda 22 39'06.663 44.604 5.955 156.1    
25   51 Eric Granado Suter 22 39'11.550 49.491 4.887 155.8    
  dnf 32 Spain Isaac Viñales Kalex 22 32'59.992     151.4 Retirement  
  dnf 13 Italy Romano Fenati Kalex 22 28'44.673     154.5 Retirement  
  dnf 54 Italy Mattia Pasini Kalex 22 24'30.956     158.5 Accident  
  dnf 36 Spain Joan Mir Kalex 22 21'03.948     158.1 Accident  
  dnf 21 Italy Federico Fuligni Kalex 22 21'41.110   37.162 153.6 Retirement  
  dnf 9 Spain Jorge Navarro Kalex 22 14'01.517     138.5 Retirement  
  dnf 64 Netherlands Bo Bendsneyder Tech 3           Accident  
  dnf 66 Niki Tuuli Kalex           Accident  
  dnf 62 Italy Stefano Manzi Suter           Accident

 

Prossimo articolo Moto2
Mondiale Moto2 2018: il vantaggio di Bagnaia si riduce solo ad un punto

Previous article

Mondiale Moto2 2018: il vantaggio di Bagnaia si riduce solo ad un punto

Next article

Quartararo rimette la Speed Up in pole a sorpresa a Barcellona, Bagnaia è quarto

Quartararo rimette la Speed Up in pole a sorpresa a Barcellona, Bagnaia è quarto