Motegi, qualifiche: Kallio si adatta meglio di tutti

Motegi, qualifiche: Kallio si adatta meglio di tutti

La pista non smette di cambiare condizione dell'asfalto e diventa asciutta

Le condizioni atmosferiche di Motegi continuano a mutare e addirittura per la Moto2 si finisce con la pista asciutta e le condizioni dell'asfalto che cambiano ogni minuto. Alla fine della sessione di qualifica che ha aperto il weekend del Gran Premio di Giappone della Moto2 è stato Mika Kallio a festeggiare, il più bravo ad adeguarsi al cambio di fondo che faceva andare più forte le moto ad ogni giro. Per il finlandese si tratta della prima pole position da sei stagioni nel Motomondiale, visto che la sua ultima partenza al palo è datata 2007, a Valencia, in 250cc. Il finlandese della MarcVDS avrà al suo fianco in prima fila uno “specialista” delle condizioni di scarsa aderenza quale Xavier Simeon e Johann Zarco, terzo con la Suter MMX2 di Iodaracing Project dopo aver fatto registrare i migliori parziali nei primi tre settori. Bravo Simone Corsi a chiudere quarto, anche se per più di qualche momento ha dato l'impressione di poter piazzare il colpaccio. Dietro a lui si è piazzato un sorprendente Rafid Topan Sucipto, autore anche di una scivolata. Sesto il primo dei contendenti per la corona, cioè Esteve Rabat, che batte Pol Espargaro. Più indietro il coraggioso Scott Redding, che dopo essersi operato al polso rotto lo scorso weekend in Australia ha chiuso questa sessione quindicesimo.

Moto2 - Motegi - Qualifica

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Moto2
Piloti Mika Kallio
Articolo di tipo Ultime notizie