10 giorni di test nel 2018 per familiarizzare con il motore Triumph

La Grand Prix Commission ha deciso che ogni produttore di telai avrà a disposizione un massimo di 10 giornate con il nuovo propulsore, nelle quali non avrà però limitazioni riguardo al numero dei piloti da portare in pista.

Si è parlato anche di Moto2 nell'incontro della Grand Prix Commission andato in scena lo scorso fine settimana a Motegi ed in particolare della regolamentazione dei test legati all'introduzione dei motori Triumph, che nel 2019 rimpiazzeranno la monofornitura della Honda.

Saranno dieci le giornate di test a disposizione di ogni produttore di telai della classe di mezzo per prendere le misure al tre cilindri britannico, a patto che abbiano fornito un telaio in specifica 2018 alle loro squadre clienti.

Non ci sono vincoli di alcun genere invece per quanto riguarda i piloti che li potranno effettuare, così come per il numero di piloti che scenderanno in pista in ognuna di queste giornate.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Moto2
Articolo di tipo Ultime notizie