Barreda: "Fondamentale rimanere calmi nei primi km"

Barreda: "Fondamentale rimanere calmi nei primi km"

Il pilota della Honda è felicissimo del successo di tappa, ma soprattutto dei minuti guadagnati su Coma

Siamo solo alla seconda tappa della Dakar 2015, ma oggi Joan Barreda Bort potrebbe aver già posto un mattoncino importante per quello che è il suo obiettivo dichiarato: la vittoria finale. Lo spagnolo della Honda si è preso l'11esimo sigillo in carriera alla Dakar, ma soprattutto ha staccato di ben 12 minuti il rivale più accreditato Marc Coma, che ha distrutto le gomme della sua KTM ed ha dovuto rallentare nel finale.

Il portacolori della HRC è ovviamente molto felice, anche perché la speciale tra Villa Carlos Paz e San Juan era indicata come una delle più dure con i suoi 518 km: "Sono davvero felice, la tappa di oggi è stata incredibile. Era davvero duro, specialmente nelle parte conclusiva della speciale che era molto segnata e ricca di "bump" e dossi, quindi molto impegnativa dal punto di vista fisico. Dunque, era una di quelle giornate in cui era fondamentale portare la moto al traguardo e sono davvero contento per come l'ho fatto".

E qui anche la strategia ha giocato un ruolo fondamentale. Del resto, il team manager Martino Bianchi ce lo aveva già detto ieri che sarebbe stata importantissima la gestione degli pneumatici: "Era fondamentale rimanere calmi nei primi chilometri e credo che abbiamo fatto proprio un bel lavoro. Quest'anno abbiamo davvero un'ottima opportunità di vittoria, ma sarà una gara molto serrata, quindi guadagnare tanti minuti e secondi preziosi come oggi è molto importante".

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Moto Rally Raid
Piloti Joan Barreda
Articolo di tipo Ultime notizie