Tutto pronto per il Mini Challenge 2021

Sta per prendere il via la stagione 2021 del Mini Challenge. Il campionato monomarca che porta in pista una delle tre porte più famose del mondo spegne le dieci candeline e guarda al futuro, con un progetto triennale che vedrà le vetture impegnate in pista almeno fino al 2022. Per il primo round, sono previste tra le 15 e le 20 vetture al via

Tutto pronto per il Mini Challenge 2021

Tutto pronto per l'edizione 2021 del Mini Challenge. Il monomarca del brand inglese festeggia quest'anno la decima stagione, mantenendo inalterato il proprio DNA corsaiolo. Come da tradizione, saranno due le vetture impegnate nella serie: la Challenge Pro, destinata ai piloti più esperti e navigati, e la Challenge Lite, nata per aiutare l'ingresso al mondo delle competizioni in auto ai giovani piloti.

Leggi anche:

Questi gli appuntamenti in programma:

  • 02 maggio 2021 – Autodromo Nazionale di Monza
  • 06 giugno 2021 – Misano World Circuit Marco Simoncelli
  • 11 luglio 2021 – Autodromo internazionale del Mugello
  • 05 settembre 2021 – Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola
  • 19 settembre 2021 – Autodromo Piero Taruffi, Vallelunga
  • 10 ottobre 2021 – Autodromo internazionale del Mugello

Ampio respiro viene dato alla Mini Challenge Academy, vera e propria scuola di pilotaggio capitanata dall'ex pilota di Formula 1 Gianni Morbidelli, il cui scopo è quello di andare ad assistere e far crescere i giovani talenti della categoria portandoli ad un percorso di maturazione lungo tutto l'arco della stagione. 

Traspaiono, ovviamente, grande ottimismo e soddisfazione dagli occhi di Stefano Ronzoni, Direttore Mini Italia, e di Stefano Gabellini, responsabile PromoDrive ed ex pilota. "Il Mini Challenge si rivela uno dei monomarca più interessanti. Pensate che nel 2020 segnato dalla pandemia, siamo riusciti a schierare 22 vetture al via della stagione. Numeri importanti, che vogliamo confermare anche in questo 2021", commenta Ronzoni.

Nel corso dell'anno, verrà svelata anche la Mini Challenge Evo, vettura destinata a competere dal 2022 e che, prestazionalmente, si andrà a posizionare un gradino sopra la Pro, arrivando a toccare una potenza che - si vocifera - possa sfiorare i 300 CV.

Il vero regalo che si fa Mini, tuttavia, è da trovarsi nella durata. La casa, infatti, ha optato per l'estensione del Challenge con in piano triennale, che quindi vedrà le vetture impegnate in pista almeno fino al termine del 2023.

Ultima chicca, per i più attenti: la casa inglese del Gruppo BMW fornisce la Safety Car alla Formula E e, per dimostrare vicinanza di intenti anche alla luce del piano di riduzione dell'impatto ambientale entro il 2030, verrà modificato nella colorazione l'hospitality visibile nel paddock a tutti gli eventi del campionato. Al nero e rosso, i colori ufficiali John Cooper Work, si affiancheranno anche arancione e verde, quelli utilizzati per distinguere i modelli plug-in ed elettrici dell'azienda.

condividi
commenti
MINI Challenge 2021: al via la decima edizione

Articolo precedente

MINI Challenge 2021: al via la decima edizione

Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Mini Challenge