8 Ore di Suzuka: Pol Espargaro in pole, Stoner terzo

Nella Superpole brillano i talenti della MotoGp. Tra di loro si inserisce però la Kawasaki del Team Green

8 Ore di Suzuka: Pol Espargaro in pole, Stoner terzo
Pol Espargaro
#21 Yamaha: Pol Espargaro coinvolto in un incidente
Michael van der Mark
#634 Honda: Takumi Takahashi, Michael van der Mark, Casey Stoner
Casey Stoner
#634 Honda: Takumi Takahashi, Michael van der Mark, Casey Stoner
Bradley Smith, Pol Espargaro, Katsuyuki Nakasuga, Yamaha Factory Racing Team
#21 Yamaha: Katsuyuki Nakasuga, Pol Espargaro, Bradley Smith
#21 Yamaha: Pol Espargaro coinvolto in un incidente
#87 Kawasaki: Akira Yanagawa, Kazuki Watanabe
#21 Yamaha: Pol Espargaro coinvolto in un incidente
#21 Yamaha: Katsuyuki Nakasuga, Pol Espargaro, Bradley Smith
#21 Yamaha: Pol Espargaro coinvolto in un incidente
#21 Yamaha: Pol Espargaro guarda l'azione dopo l'incidente
#87 Kawasaki: Akira Yanagawa, Kazuki Watanabe
#87 Kawasaki: Akira Yanagawa, Kazuki Watanabe

Sarà la Yamaha R1 del Factory Team della Casa di Iwata a scattare domani dalla pole position nella 8 Ore di Suzuka. Nella Superopole di questa mattina però non è stato il giapponese Katsuyuki Nakasuga a firmare il 2'06"000 che è valso la posizione al palo, ma lo spagnolo Pol Espargaro, che quindi si è fatto perdonare il brutto incidente di cui si era reso protagonista nelle qualifiche di ieri (bisogna ricordare che in equipaggio con loro c'è anche Bradley Smith).

Dopo aver conquistato la pole provvisoria nelel qualifiche di venerdì, la Kawasaki del Team Green si è dovuta accontentare del secondo tempo, con Kazuki Watanabe che ha piazzato a 287 millesimi da Espargaro la ZX-10R che dividerà con Akira Yanagawa e Haji Ahmad Yudhistra.

Terzo tempo per l'attesissimo Casey Stoner, che ieri aveva brillato particolarmente nella sessione notturna. L'australiano, al ritorno in gara dopo il ritiro al termine della stagione 2012 della MotoGp, ha pagato 335 millesimi con la Honda della Musashi HARC Pro su cui farà equipaggio con Takumi Takahashi e Michael van der Mark.

Nelle prime quattro posizioni va detto che troviamo quattro moto diverse, perché a seguire c'è la Suzuki del Team Yoshimura affidata al terzetto Tsuda/Lowes/Waters. In sesta piazza la Honda che ha nel suo equipaggio anche Dominique Aegerter e Kyle Smith, giusto davanti a quella su cui c'è il ritorno alle gare di Toni Elias, quest'anno rimasto a piedi nel Mondiale Superbike.

condividi
commenti
8 Ore di Suzuka: tutti i big restano in lizza per la pole

Articolo precedente

8 Ore di Suzuka: tutti i big restano in lizza per la pole

Articolo successivo

8 Ore di Suzuka: trionfo Yamaha dopo 19 anni

8 Ore di Suzuka: trionfo Yamaha dopo 19 anni
Carica i commenti