8 Ore di Suzuka: Kawasaki all'attacco con Rea, Haslam e Razgatlioglu

La Kawasaki ha annunciato la sua formazione per la 8 Ore di Suzuka, gara più importante del Mondiale Endurance FIM, nella quale porterà la bellezza di tre stelle del Mondiale Superbike.

8 Ore di Suzuka: Kawasaki all'attacco con Rea, Haslam e Razgatlioglu

Dal 2014, la Casa di Akashi ha sempre gestito direttamente la sua squadra di punta nella classica giapponese, sotto l'insegna del "Kawasaki Team Green".

Dopo aver concluso al secondo posto nel 2016 e nel 2017, la squadra aveva ottenuto la pole position lo scorso anno, grazie al quattro volte campione del mondo Jonathan Rea, ma in gara non è riuscita a reggere il ritmo, chiudendo ad un giro dai vincitori della Yamaha.

L'impegno di Rea è stato confermato anche per quest'anno e sarà affiancato dal compagno di squadra Leon Haslam. A completare la squadra però non ci sarà più il giapponese Kazuma Watanabe, ma al suo posto sarà schierato il turco Toprak Razgatlioglu.

Leggi anche:

Per il pilota del Puccetti Racing si tratterà del debutto alla 8 Ore di Suzuka, anche se lo scorso anno avrebbe dovuto correre come wild card nell'ultima gara del campionato giapponese. Impegno che poi è saltato a causa di un infortunio.

La Kawasaki è a caccia della vittoria a Suzuka dal lontano 1993, quando a portarla al successo furono Scott Russell ed Aaron Slight. La sua decisione di puntare su una squadra completamente factory rispecchia anche quella della Honda, che lo scorso anno è scesa in pista con i colori HRC per la prima volta dopo un decennio.

Dal 2015 però Suzuki è terra di conquista per la Yamaha, che lo scorso anno ha conquistato il gradino più alto del podio con Alex Lowes, Michael van der Mark e Katsuyuki Nakasuga.

 

 

condividi
commenti
Test Ducati SBK: Bautista scopre Imola e la Panigale V4 sul bagnato
Articolo precedente

Test Ducati SBK: Bautista scopre Imola e la Panigale V4 sul bagnato

Articolo successivo

Ciabatti: "La Panigale V4 R non avrebbe vinto neanche una gara senza Bautista"

Ciabatti: "La Panigale V4 R non avrebbe vinto neanche una gara senza Bautista"
Carica i commenti