Motocross delle Nazioni: l'Italia parte con il piede giusto, seconda in qualifica

condividi
commenti
Motocross delle Nazioni: l'Italia parte con il piede giusto, seconda in qualifica
Di: Adriano Dondi
07 ott 2018, 04:24

L'Olanda conquista la pole position nelle qualifiche del Motocross delle Nazioni, ma brilla anche l'Italia, seconda grazie alla vittoria nella MXGP di Tony Cairoli. Terza la Francia, mentre gli Stati Uniti sono attardati.

Per ora la tanto temuta squadra americana arranca al nono posto, mentre quella azzurra è meritatamente seconda e quella olandese è davanti. La prima giornata di gare qui a Red Bud dice che domani, nelle tre manche del Motocross delle Nazioni, le prime tre squadre che andranno al cancello saranno l’Olanda, l’Italia e la Francia.

Che la squadra olandese fosse fra le favorite lo abbiamo già detto. Hanno il Campione della MXGP in squadra, un buon passista come Glenn Coldhenoff (vincitore della Open) ed un Calvin Vlaanderen che se parte bene può dire la sua.

Anche l’Italia è molto compatta. Antonio Cairoli ha dominato la MXGP rifilando 21 secondi a Ken Roczen e 36 a Jeffrey Herlings, caduto in partenza. Manche intelligente quella di Michele Cervellin, quinto per metà gara ma poi quarto sul traguardo. Nella Open Alessandro Lupino termina sesto dopo una partenza da manuale che lo ha visto secondo alla prima curva.

Alessandro Lupino

Alessandro Lupino

Photo by: Adriano Dondi

La Francia non si smentisce. Dylan Ferrandis, che corre negli States da un paio di anni e conosce bene questo tracciato, si aggiudica la MX2 mentre Gautier Paulin fa quarto nella MXGP e Jordi Tixier, chiamato all’ultimo per il forfait di Romain Febvre, fa settimo nella Open.

La Germania per oggi è quarta con gli stessi punti di Italia e Francia. I risultati vengono da Ken Roczen, secondo alle spalle di Cairoli, e da un sorprendente Henry Jacobi, terzo nella MX2. Max Nagl nella Open parte davanti ma gli si spegne la moto e perde posizioni. Ventunesimo al primo passaggio, Nagl rimonta fino all’ottava piazza. I tedeschi sono clienti scomodi e domani potrebbero lottare per il podio.

Australia e Spagna sono quinta e sesta a pari punti, mentre la Gran Bretagna e la Svizzera sono alle loro spalle staccate di un punto. 

Leggi anche:

Gli USA al nono posto sono la sorpresa, in negativo, del giorno. Dopo il ritiro di Eli Tomac nella MXGP (caduta per rottura della moto) e l’11esimo di Aaron Plessinger nella MX2 (anche lui due cadute), l’unico a centrare il risultato è stato Justin Barcia nella Open.

La gara è domani. Sappiamo che il Team statunitense sarà protagonista e che avrà tutto il pubblico ad incitarlo. Il risultato di oggi è dovuto anche ad episodi sfortunati ma il Team USA non ci è sembrato più veloce degli altri. Il meteo, se sarà come oggi (le previsioni dicono che non cambierà nulla), potrebbe essere un ottimo alleato per gli Europei.

Male il Belgio (soltanto 13esimo) mentre l’Irlanda è la 19esima squadra qualificata. Per completare il cancello di partenza manca la ventesima Nazione che sarà la vincitrice della Finale B. 

 
Michele Cervellin

Michele Cervellin

Photo by: Adriano Dondi

Prossimo articolo Mondiale Cross MxGP
Tutto pronto al Red Bud per l'edizione 2018 del Motocross delle Nazioni

Articolo precedente

Tutto pronto al Red Bud per l'edizione 2018 del Motocross delle Nazioni

Articolo successivo

Motocross delle Nazioni: vince la Francia, ma l'Italia sfiora il colpaccio ed è seconda!

Motocross delle Nazioni: vince la Francia, ma l'Italia sfiora il colpaccio ed è seconda!
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Mondiale Cross MxGP
Evento RedBud
Location Red Bud MX
Autore Adriano Dondi
Tipo di articolo Qualifiche