WSBK
06 set
-
08 set
Evento concluso
G
Magny-Cours
27 set
-
29 set
Prossimo evento tra
8 giorni
WRC
12 set
-
15 set
Evento concluso
03 ott
-
06 ott
Prossimo evento tra
14 giorni
WEC
30 ago
-
01 set
Evento concluso
04 ott
-
06 ott
Prossimo evento tra
15 giorni
MotoGP
13 set
-
15 set
Evento concluso
Moto3
13 set
-
15 set
Evento concluso
20 set
-
22 set
Moto2
13 set
-
15 set
Evento concluso
20 set
-
22 set
IndyCar
30 ago
-
01 set
Evento concluso
20 set
-
22 set
Prossimo evento tra
1 giorno
FIA F3
05 set
-
08 set
Evento concluso
26 set
-
29 set
Gara 1 in
9 giorni
FIA F2
05 set
-
08 set
Evento concluso
G
Sochi
26 set
-
29 set
Prossimo evento tra
7 giorni
Formula 1
05 set
-
08 set
Evento concluso
ELMS
30 ago
-
01 set
Evento concluso
20 set
-
22 set
Prossimo evento tra
1 giorno
DTM
09 ago
-
11 ago
Evento concluso
23 ago
-
25 ago
Evento concluso
WTCR
13 set
-
15 set
Evento concluso
G
Suzuka
25 ott
-
27 ott
Prossimo evento tra
36 giorni

Super Trofeo North America: doppia vittoria per Mitchell e Amici

condividi
commenti
Super Trofeo North America: doppia vittoria per Mitchell e Amici
Di:
Tradotto da: Redazione Motorsport.com
4 ago 2019, 15:30

Sandy Mitchell ed Andrea Amici si portano a 5 punti in classifica da Corey Lewis e Richard Antinucci grazie al doppio successo ottenuto nel Lamborghini Super Trofeo North America a Road America.

Il duo della Prestige Performance/Wayne Taylor Racing ha sfruttato al meglio il pit-stop in fase di full course yellow per aggiudicarsi il trionfo nella gara d'apertura di sabato, replicando poi domenica partendo dalla pole position in Gara 2.

Mitchell, vincitore della Silver Cup alla 24h di Spa 24 lo scorso weekend, nel secondo round è stato protagonista di una serie di giri veloci che lo hanno portato a lasciare il volante al collega Amici con un solidissimo vantaggio.

In Gara 1 la pole era di Paolo Ruberti, al volante della Huracan #27 della Dream Racing con cui ha guidato le operazioni davanti ad Antinucci (#29 Change Racing). Amici è stato uno dei primi a fermarsi mentre era quarto, con Ruberti che invece ha alzato bandiera bianca per la perdita di una ruota alla "Carousel", causando le bandiere gialle e allungando la finestra dei pit stop.

Questo ha dato modo a Mitchell di ritrovarsi comodamente primo, mentre Antinucci ha dovuto fermarsi ad 11' dalla fine. La gara è terminata con un'altra neutralizzazione a causa dell'incidente di cui è stata protagonista la vettura #34 della US RaceTronics condotta da Bryce Miller alla "Kink" durante la tornata finale. Il pilota è uscito dal botto con una caviglia slogata che lo ha costretto a saltare Gara 2, lasciando da solo il suo collega Patrick Liddy, che ha corso domenica grazie alla macchina #24 offertagli da Ron Attapattu.

Jacob Eidson e Damon Ockey salgono sul secondo gradino del podio portandosi a casa la vittoria in Pro-Am con la Huracan #09 della US RaceTronics Huracan davanti al vincitore della Classe Am, Mckay Snow.

In Gara 2 Mitchell è scappato subito via davanti a Cedric Sbirrazuoli e Corey Lewis, ma quest'ultimo si è ritrovato con un sacchetto di plastica incastrato nella griglia anteriore della sua auto dovendo rallentare, con Eidson che alla curva 4 ne ha approfittato per salire terzo.

Mitchell ha portato ad 8" il vantaggio prima del pit-stop, effettuato un giro dopo Sbirrazzuoli e Lewis. Intanto Eidson è rimasto in pista, fino a quando Amici non è riuscito a tornare davanti nei giri finali, anche se Ruberti alle sue spalle ha tentato la rimonta, pressato a sua volta da Antinucci, ma senza che le posizioni cambiassero alla bandiera a scacchi.

Antinucci con il terzo posto resta primo in campionato davanti a Lewis, Mitchell ed Amici si portano invece a -5 prima della prossima gara prevista in Virginia.

Cameron Cassels vince in Classe Am seguito da Snow e dal 16enne Steven Aghakhani.

In Lamborghini Cup è festa per la Dream Racing grazie a Justin Price – sostituto dell'infortunato Ryan Harwick – e Thomas Lovelady, autore di una grande rimonta beffando Stephanie Cemo ed Ashton Harrison, che hanno dovuto osservare un drive-through per non aver rispettato il minimo di 99" al pit-stop.

Prestige Performance/Wayne Taylor Racing: Sandy Mitchell and Andrea Amici

Prestige Performance/Wayne Taylor Racing: Sandy Mitchell and Andrea Amici

Photo by: Lamborghini Super Trofeo

Articolo successivo
Super Trofeo Europa: vittoria a Spa per Afanasiev-Kroes

Articolo precedente

Super Trofeo Europa: vittoria a Spa per Afanasiev-Kroes

Articolo successivo

Super Trofeo Asia: Puhakka/Kasai estendono la leadership in Corea

Super Trofeo Asia: Puhakka/Kasai estendono la leadership in Corea
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Lamborghini Super Trofeo
Autore Stephen Brunsdon