Toyota GT-One e l'esordio a Le Mans 1998

L'esordio della Toyota GT-One nell'edizione del 1998 della 24 Ore di Le Mans è passato alla storia. Prototipo straordinariamente veloce, era ad un soffio dal piegare la concorrenza di una folta schiera di rivali che comprendeva Nissan, BWM, Porsche, Mercedes e non solo...

Nel 1998 abbiamo una ricca schiera di costruttori impegnati direttamente nella 24 Ore di Le Mans: a BMW, Mercedes, Nissan, Porsche e McLaren si aggiunge Toyota, che schiera la sua nuovissima GT-One.

Leggi anche:

Vettura estrema come poche altre di quell'edizione, il prototipo nipponico spingeva al limite le libertà progettuali della classe GT, portando in pista una vettura che nelle forme e nelle performance si avvicinava maggiormente agli sport prototipi dei primi anni '90.

Padre della GT-One è André de Cortanze, dalla qui matita era già nata la celeberrima Peugeot 905. Spinta da un V8 biturbo da 3.6 litri ed accreditato di una potenza di 650CV, la GT-One conquista la seconda posizione in qualifica dietro la Mercedes.

Al via la Toyota di Brundle insidia da subito Schneider, superandolo sul rettifilo di Mulsanne. Tutto sembrava apparecchiato per una doppietta per il costruttore nipponico, ma al calar della notte...

condividi
commenti
24h Le Mans, Libere 2: doppietta Toyota davanti a Glickenhaus
Articolo precedente

24h Le Mans, Libere 2: doppietta Toyota davanti a Glickenhaus

Articolo successivo

Cadillac punta tornare a Le Mans con una LMDh

Cadillac punta tornare a Le Mans con una LMDh
Carica i commenti