WTCR
10 ott
Evento concluso
30 ott
Prossimo evento tra
15 Ore
:
32 Minuti
:
23 Secondi
WSBK
02 ott
Evento concluso
16 ott
Evento concluso
WRC
26 ott
Evento concluso
WEC
12 nov
Prossimo evento tra
13 giorni
W Series
G
Austin
23 ott
Canceled
G
Città del Messico
30 ott
Canceled
MotoGP
06 nov
Prove Libere 1 in
8 giorni
Moto3
23 ott
Evento concluso
G
Valencia
06 nov
Prossimo evento tra
7 giorni
Moto2
23 ott
Evento concluso
G
Valencia
06 nov
Prossimo evento tra
7 giorni
IndyCar FIA F3
11 set
Evento concluso
G
Sochi
25 set
Canceled
FIA F2
25 set
Evento concluso
27 nov
Canceled
Formula 1 ELMS
09 ott
Evento concluso
G
Portimão
30 ott
Prossimo evento tra
15 Ore
:
32 Minuti
:
23 Secondi
DTM
16 ott
Evento concluso
G
Hockenheim
06 nov
Prossimo evento tra
7 giorni
GT World Challenge Europe Sprint GT World Challenge Europe Endurance

Toyota e Aston Martin trionfano alla 24h di Le Mans

condividi
commenti
Toyota e Aston Martin trionfano alla 24h di Le Mans
Di:

Buemi, Nakajima e Hartley svettano con la TS050 #8 davanti alla Rebellion #1 e ai compagni della #7. Grande beffa finale per la R13 #3, malissimo ByKolles. Successo da brividi per la United Autosports in LMP2, la Vantage #97 batte la Ferrari #51 in LMGTE Pro, mentre in Am ha la meglio la Aston #90 della TF Sport fra le sportellate finali per il podio.

Toyota, Aston Martin e i team United Autosports e TF Sport sono i grandi vincitori della 88a edizione della 24h di Le Mans, andata in scena sul Circuit de la Sarthe a 3 mesi dal suo rinvio causa pandemia di Coronavirus.

Il problema COVID-19 rimane e tribune e prati erano tristemente vuoti, ma lo spettacolo non è mancato, con diversi colpi di scena e tanta azione, specialmente fra le GT in questo settimo round del FIA WEC 2020.

LMP1: Toyota con un altro passo

Probabilmente la prima categoria è stata la più noiosa da vivere e la colpa è dei vincitori. La Toyota ha dominato in lungo e in largo con le sue TS050 Hybrid e la doppietta non è arrivata solo per... colpa sua!

In avvio la #8 condotta da Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima e Brendon Hartley ha preso subito il largo davanti alla "gemella" #7 di Kamui Kobayashi, José María López e Mike Conway, ma Buemi ha forato dopo qualche ora e ha dovuto effettuare un pit-stop in più, scivolando secondo.

Le Rebellion non hanno mai avuto il passo per cercare di mettere i bastoni fra le ruote alle vetture giapponesi, che sono tornate attaccate grazie ad una Safety Car, ma nella notte il turbo della #7 ha fatto cilecca e la vettura è tornata ai box per mezz'ora, prima di riprendere con ampio distacco la corsa.

Questo ha dato modo a Buemi-Nakajima-Hartley di vincere conquistando punti importanti per la lotta in campionato, precedendo la R13 #1 di Bruno Senna, Gustavo Menezes e Norman Nato, i quali beneficiano di un pit-stop lungo dei compagni della #3, Nathanaël Berthon, Romain Dumas e Louis Delétraz, a 3h dal termine per tagliare il traguardo secondi.

Terza c'è invece la Toyota di Kobayashi, López e Conway, perché la Rebellion #3 ha perso un'ulteriore posizione nell'ultima ora per un problema di ripartenza dal pit-stop. Ora il trio della TS050 andrà in Bahrain a giocarsi il titolo Mondiale con in scia i compagni di squadra. Ma la noia è stata tale che i regolamenti sarebbero dovuti essere rivisti, almeno per dare almeno un po' di pepe alla categoria anziché sperare nella jella reciproca.

Niente da fare per la ByKolles, che come sempre non si smentisce e fa figure piuttosto magre: non per colpa dei piloti perché Tom Dillmann, Oliver Webb e Bruno Spengler si sono impegnati come potevano, ma per via di una Enso CLM P1/01 #4 che ancora una volta dimostra di essere messa insieme col fil di ferro. E' andata di lusso a Spengler prima in Qualifica, quando saltando su un cordolo la macchina ha rotto il fondo spedendo il canadese contro le barriere, poi in gara nella discesa del ponte Dunlop, dove l'ala posteriore si è piegata facendo schiantare il povero Bruno, uscito per fortuna illeso.

I vincitori della gara #8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Brendon Hartley

I vincitori della gara #8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Brendon Hartley

Photo by: Sam Bloxham / Motorsport Images

LMP2: United Autosports sugli scudi col brivido finale

La United Autosports festeggia il successo in Classe LMP2 giungendo anche in Top5 assoluta con Filipe Albuquerque, Paul Di Resta e Phil Hanson, partiti non benissimo con la Oreca 07-Gibson #22, ma bravi a recuperare nel corso della gara e allungando poi nel finale sulla 07 #38 di Jota Sport (Roberto González, Anthony Davidson, António-Félix Da Costa).

L'affermazione è arrivata con un brividissimo finale perché Hanson a 9' dalla fine ha dovuto effettuare un rabbocco di benzina volante, rientrando in pit-lane a ruote bloccate per non perdere più di tanto dei 50" di vantaggio che aveva sugli avversari. Tornando in pista davanti alla macchina di Davidson, l'inglese ha tagliato anche la prima variante, per poi riallungare tirando un sospiro di sollievo quando il connazionale ha imboccato a sua volta la corsia box per fare benzina.

Se in LMP1 non c'è stata storia, almeno la LMP2 ha mostrato parecchi cambi al vertice e fra i grandi delusi di questo evento vanno citati gli altri ragazzi della United Autosports - Alex Brundle, Job Van Uitert, Will Owen - la cui Oreca #32 ha accusato un problema tecnico domenica mattina privandoli di un podio sicuramente alla portata.

Sul podio c'era la Aurus #26 di G-Drive Racing che Jean-Éric Vergne, Mikkel Jensen, Roman Rusinov avevano con tanta pazienza riportato ai vertici della categoria, nonostante qualche problemino nel corso del sabato sera. Purtroppo "JEV" si è trovato con una sospensione K.O. a "Mulsanne" a 44' dalla fine, per fortuna in un punto dove era già in frenata e quindi senza sbattere.

Il terzo posto va quindi alla Panis Racing (Oreca #31 - Nicolas Jamin, Julien Canal e Matthieu Vaxivière), precedendo una Signatech Alpine #36 in rimonta grazie a Thomas Laurent, André Negrão e Pierre Ragues, e la G-Drive (Aurus riparata a tempo di record e beneficiando di una Safety Car a rallentare il gruppo).

Nel finale la Oreca #42 della Cool Racing con sopra Nicolas Lapierre, Antonin Borga ed Alexandre Coigny, sorpassata da quella #28 di Idec Sport (Paul-Loop Chatin, Richard Bradley, Paul Lafargue), a ridosso della Top10 assoluta.

Grande amarezza per James Allen, Vincent Capillaire e Charles Milesi impegnati con la Oreca #39 della SO24-Has By Graff: Allen era stato autore di una prima parte di gara da paura, ma a 40' dalla fine ha sbattuto e rovinato tutto, provocando l'ingresso della Safety Car che ha rimescolato le carte per tutti.

Altra buona gara senza troppe pretese per la Dallara #47 di Cetilar Racing: Andrea Belicchi, Giorgio Sernagiotto e Roberto Lacorte finiscono con il 14° posto assoluto e il 10° LMP2.

Un guasto alla pompa dell'acqua dopo appena 25' ha negato un bel risultato anche al Racing Team Nederland (Frits Van Eerd, Nyck De Vries e Giedo Van Der Garde), che comunque termina la gara con la Oreca #29.

Problema elettrico per la Oreca #37 della Jackie Chan DC Racing condotta da Ho-Pin Tung, Will Stevens e Gabriel Aubry, quest'ultimo fermatosi verso le 21 di sabato lungo il tracciato. Il francese è stato raggiunto da un membro del team, che gli ha fornito un pezzo per sistemare la sua 07, cosa vietata dal regolamento perché qualsiasi intervento deve essere effettuato ai box. Inevitabile è giunta quindi la squalifica.

Peccato anche per il Duqueine Team (Jonathan Hirschi, Konstantin Tereschenko, Tristan Gommendy), ma bene è andata proprio a Gommendy uscire illeso dal relitto della sua Oreca #30 dopo un gran botto sul rettilineo "Hunaudières" sabato sera.

#22 United Autosports Oreca 07 - Gibson: Philip Hanson, Filipe Albuquerque, Paul Di Resta

#22 United Autosports Oreca 07 - Gibson: Philip Hanson, Filipe Albuquerque, Paul Di Resta

Photo by: Rainier Ehrhardt

LMGTE Pro: Aston Martin vince il braccio di ferro con Ferrari

Altro spettacolare confronto l'abbiamo avuto tra Aston Martin e Ferrari per la LMGTE Pro e alla fine la spunta per veramente pochissimo la squadra inglese con la Vantage #97 di Harry Tincknell, Maxime Martin ed Alex Lynn.

In questo il trio deve ringraziare la sosta lunga della AF Corse per cambiare i freni alla 488 #51 di Alessandro Pier Guidi, James Calado e Daniel Serra, con la quale fino a domenica mattina era ai ferri cortissimi. A nulla è servito uno stint da qualifica di Calado per ricucire il distacco a sufficienza, per cui la miglior "Rossa" è seconda.

Dietro a queste due, abbiamo le rispettive "sorelle" nel medesimo ordine: la Vantage #95 di Marco Sørensen, Nicky Thiim e Richard Westbrook va a completare il podio con dietro la 488 di Jules Gounon, Sébastien Bourdais ed Olivier Pla, al volante della Ferrari #82 di Risi Competizione. Il trio francese fa una grande figura col quarto posto, ma la beffa finale è per la #71 di Sam Bird, Miguel Molina e Davide Rigon (AF Corse), col veneto che si ferma proprio all'ultimo giro alle curve "Porsche" senza benzina!

Un vero e poprio disastro l'hanno vissuto in casa Porsche: stavolta le livree celebrative non hanno portato bene alle 911 RSR-19 di Frédéric Makowiecki, Gimmi Bruni, Richard Lietz (#91, partiti in pole) e Laurens Vanthoor, Michael Christensen, Kévin Estre (#92), fermate più volte da guasti e problemi che le hanno portate addirittura ad accumulare 4 giri di ritardo nei confronti delle rivali di categoria, transitando sotto la bandiera a scacchi quinta e sesta.

Un vero peccato invece per il team WeatherTech Racing/Scuderia Corsa, costretto ad alzare bandiera bianca dopo che Toni Vilander è stato protagonista di un incidente con la Ferrari 488 #63 condivisa con Cooper MacNeil e Jeff Segal durante la notte in un doppiaggio con la Oreca del Team Nederland. Fino a quel momento la 488 della squadra statunitense era in Top5 di categoria con una buona figura.

#97 Aston Martin Racing Aston Martin Vantage AMR: Alex Lynn, Maxime Martin, Harry Tincknell

#97 Aston Martin Racing Aston Martin Vantage AMR: Alex Lynn, Maxime Martin, Harry Tincknell

Photo by: Sam Bloxham / Motorsport Images

LMGTE Am: la festa Aston continua con TF Sport

Aston Martin si aggiudica la vittoria anche in Classe LMGTE Am: la Vantage #90 di TF Sport nelle mani di Salih Yoluç, Jonathan Adam e Charles Eastwood ha prima combattuto a lungo contro quella di Paul Dalla Lana, Ross Gunn ed Augusto Farfus, ma quando sulla #98 si è rotta la sospensione, è stata strada spianata per la vettura colorata di rosso con la bandiera della Turchia.

La Safety Car finale ha donato a tutti una gara sprint nella lotta per il podio, tra sportellate, staccate, sorpassi e controsorpassi che vedono conquistare la piazza d'onore dalla Dempsey-Proton Racing (#77 Matt Campbell, Riccardo Pera e Christian Ried), mentre il podio viene completato dalla Ferrari #83 preparata dalla AF Corse con su François Perrodo, Emmanuel Collard e Nicklas Nielsen.

Avrebbe sicuramente meritato il podio Matteo Cairoli, assieme ai colleghi Egidio Perfetti e Larry Ten Voorde, ma la Porsche #56 del Team Project 1 è una di quelle che nel finale ha subìto negativamente il raggruppamento dietro la Safety Car, cedendo posizioni e dovendosi accontentare del quarto piazzamento.

Quinti i ragazzi della 911 di Gulf Racing (#86 Benjamin Barker, Michael Wainwright e Andrew Watson), seguiti dalle Ferrari di JMW Motorsport (#66 Jan Magnussen, Richard Heinstand, Maxewll Root) e soprattutto del poleman Côme Ledogar (Luzich Racing), al quale non è bastato avere un gran passo ad ogni turno per recuperare con Francesco Piovanetti di un avvio in negativo di Oswaldo Negri, giratosi quasi subito.

#90 TF Sport Aston Martin Vantage: Salih Yoluc, Charles Eastwood, Jonathan Adam

#90 TF Sport Aston Martin Vantage: Salih Yoluc, Charles Eastwood, Jonathan Adam

Photo by: Rainier Ehrhardt

Cla # Piloti Auto Classe Giri Tempo Distacco Distacco Pit stop Ritirato Punti
1 8 Switzerland Sébastien Buemi
Japan Kazuki Nakajima
New Zealand Brendon Hartley
Toyota TS050 Hybrid LMP1 387 :01'45.305 36
2 1 Brazil Bruno Senna
France Norman Nato
United States Gustavo Menezes
Rebellion R13 LMP1 382 :03'05.492 5 Laps 5 Laps 36
3 7 United Kingdom Mike Conway
Japan Kamui Kobayashi
Argentina José María López
Toyota TS050 Hybrid LMP1 381 :03'18.565 6 Laps 1 Lap 35
4 3 France Romain Dumas
France Nathanaël Berthon
Switzerland Louis Délétraz
Rebellion R13 LMP1 381 :03'57.973 6 Laps 39.408 35
5 22 United Kingdom Philip Hanson
Portugal Filipe Albuquerque
United Kingdom Paul di Resta
Oreca 07 LMP2 370 :02'33.577 17 Laps 11 Laps 38
6 38 United Kingdom Anthony Davidson
Portugal António Félix Da Costa
Mexico Roberto Gonzalez
Oreca 07 LMP2 370 :03'06.408 17 Laps 32.831 40
7 31 France Nico Jamin
France Julien Canal
France Matthieu Vaxivière
Oreca 07 LMP2 368 :01'57.436 19 Laps 2 Laps 38
8 36 Brazil André Negrao
France Pierre Ragues
France Thomas Laurent
Alpine A470 LMP2 367 :03'13.572 20 Laps 1 Lap 38
9 26 Russian Federation Roman Rusinov
France Jean-Éric Vergne
Denmark Mikkel Jensen
Aurus 01 LMP2 367 :04'11.150 20 Laps 57.578 39
10 28 France Paul Lafargue
France Paul-Loup Chatin
United Kingdom Richard Bradley
Oreca 07 LMP2 366 :02'57.605 21 Laps 1 Lap 38
11 42 France Nicolas Lapierre
Switzerland Antonin Borga
Switzerland Alexandre Coigny
Oreca 07 LMP2 365 :03'41.605 22 Laps 1 Lap 39
12 25 United States John Falb
Switzerland Simon Trummer
United States Matt McMurry
Oreca 07 LMP2 365 :05'13.245 22 Laps 1'31.640 39
13 50 Colombia Tatiana Calderón
Germany Sophia Floersch
Netherlands Beitske Visser
Oreca 07 LMP2 364 :02'34.603 23 Laps 1 Lap 38
14 47 Italy Roberto Lacorte
Italy Andrea Belicchi
Italy Giorgio Sernagiotto
Dallara P217 LMP2 363 :03'34.377 24 Laps 1 Lap 37
15 17 United States Dwight Merriman
United Kingdom Kyle Tilley
United Kingdom Jonathan Kennard
Oreca 07 LMP2 363 :04'26.139 24 Laps 51.762 38
16 27 Sweden Henrik Hedman
United Kingdom Ben Hanley
Netherlands Renger van der Zande
Oreca 07 LMP2 361 :03'47.200 26 Laps 2 Laps 39
17 32 United States William Owen
United Kingdom Alex Brundle
Netherlands Job Van Uitert
Oreca 07 LMP2 359 :02'34.108 28 Laps 2 Laps 37
18 35 Japan Nobuya Yamanaka
Australia Nick Foster Jr.
Spain Roberto Merhi
Ligier JSP 217 LMP2 351 :01'57.100 36 Laps 8 Laps 38
19 29 Netherlands Frits van Eerd
Netherlands Giedo van der Garde
Netherlands Nyck De Vries
Oreca 07 LMP2 349 :02'13.424 38 Laps 2 Laps 41
20 97 Belgium Maxime Martin
United Kingdom Alex Lynn
United Kingdom Harry Tincknell
Aston Martin Vantage AMR LMGTE PRO 346 :03'11.428 41 Laps 3 Laps 24
21 51 Italy Alessandro Pier Guidi
United Kingdom James Calado
Brazil Daniel Serra
Ferrari 488 GTE EVO LMGTE PRO 346 :04'44.592 41 Laps 1'33.164 24
22 95 Denmark Nicki Thiim
Denmark Marco Sorensen
United Kingdom Richard Westbrook
Aston Martin Vantage AMR LMGTE PRO 343 :03'11.461 44 Laps 3 Laps 25
23 82 France Olivier Pla
France Sébastien Bourdais
France Jules Gounon
Ferrari 488 GTE EVO LMGTE PRO 339 :02'47.574 48 Laps 4 Laps 25
24 90 Turkey Salih Yoluç
Ireland Charlie Eastwood
United Kingdom Jonathan Adam
Aston Martin Vantage AMR LMGTE AM 339 :04'20.981 48 Laps 1'33.407 24
25 77 Germany Christian Ried
Italy Riccardo Pera
Australia Matt Campbell
Porsche 911 RSR LMGTE AM 339 :05'10.733 48 Laps 49.752 25
26 83 France François Perrodo
France Emmanuel Collard
Denmark Nicklas Nielsen
Ferrari 488 GTE EVO LMGTE AM 339 :05'13.780 48 Laps 3.047 25
27 56 Norway Egidio Perfetti
Netherlands Larry ten Voorde
Italy Matteo Cairoli
Porsche 911 RSR LMGTE AM 339 :05'22.100 48 Laps 8.320 27
28 24 Canada Garrett Grist
United Kingdom Alex Kapadia
United Kingdom Tony Wells
Oreca 07 LMP2 338 :01'53.228 49 Laps 1 Lap 37
29 86 United Kingdom Michael Wainwright
United Kingdom Ben Barker
United Kingdom Andrew Watson
Porsche 911 RSR LMGTE AM 337 :05'18.281 50 Laps 1 Lap 26
30 66 United States Richard Heistand
United States Maxwell Root
Denmark Jan Magnussen
Ferrari 488 GTE EVO LMGTE AM 335 :02'26.468 52 Laps 2 Laps 23
31 91 Italy Gianmaria Bruni
Austria Richard Lietz
France Frédéric Makowiecki
Porsche 911 RSR - 19 LMGTE PRO 335 :02'32.655 52 Laps 6.187 25
32 61 United States Francesco Piovanetti
Brazil Oswaldo Negri Jr
France Come Ledogar
Ferrari 488 GTE EVO LMGTE AM 335 :05'16.339 52 Laps 2'43.684 24
33 98 Canada Paul Dalla Lana
United Kingdom Ross Gunn
Brazil Augusto Farfus
Aston Martin Vantage AMR LMGTE AM 333 :04'11.477 54 Laps 2 Laps 25
34 85 Italy Manuela Gostner
Switzerland Rahel Frey
Denmark Michelle Gatting
Ferrari 488 GTE EVO LMGTE AM 332 :02'08.755 55 Laps 1 Lap 26
35 92 Denmark Michael Christensen
France Kevin Estre
Belgium Laurens Vanthoor
Porsche 911 RSR - 19 LMGTE PRO 331 :02'11.979 56 Laps 1 Lap 26
36 99 Thailand Vutthikorn Inthrapuvasak
Switzerland Lucas Légeret
France Julien Andlauer
Porsche 911 RSR LMGTE AM 331 :03'35.684 56 Laps 1'23.705 23
37 60 Italy Claudio Schiavoni
Italy Sergio Pianezzola
Italy Paolo Ruberti
Ferrari 488 GTE EVO LMGTE AM 331 :05'10.804 56 Laps 1'35.120 28
38 78 Austria Horst Felbermayr Jr.
Italy Michele Beretta
Netherlands Max van Splunteren
Porsche 911 RSR LMGTE AM 330 :02'09.310 57 Laps 1 Lap 26
39 54 Switzerland Thomas Flohr
Italy Francesco Castellacci
Italy Giancarlo Fisichella
Ferrari 488 GTE EVO LMGTE AM 330 :03'20.670 57 Laps 1'11.360 26
40 57 United States Ben Keating
Brazil Felipe Fraga
Netherlands Jeroen Bleekemolen
Porsche 911 RSR LMGTE AM 326 :04'13.737 61 Laps 4 Laps 25
41 34 Poland Jakub Smiechowski
Austria Rene Binder
Russian Federation Matevos Isaakyan
Ligier JSP 217 LMP2 325 :03'01.784 62 Laps 1 Lap 36
42 62 United Kingdom Bonamy Grimes
United Kingdom Johnny Mowlem
United Kingdom Charles Hollings
Ferrari 488 GTE EVO LMGTE AM 325 :03'26.422 62 Laps 24.638 25
43 89 France Philippe Haezebrouck
France Julien Piguet
Greece Andreas Laskaratos
Porsche 911 RSR LMGTE AM 313 :02'46.180 74 Laps 12 Laps 24
39 Australia James Allen
France Vincent Capillaire
France Charles Milesi
Oreca 07 LMP2 357 23:15'48.615 30 Laps 36
71 Italy Davide Rigon
Spain Miguel Molina
United Kingdom Sam Bird
Ferrari 488 GTE EVO LMGTE PRO 340 23:58'50.020 47 Laps 17 Laps 24
72 Taiwan Han-Chen Chen
United Kingdom Tom Blomqvist
Brazil Marcos Gomes
Ferrari 488 GTE EVO LMGTE AM 273 20:06'06.609 114 Laps 67 Laps 21
88 Austria Thomas Preining
United States Dominique Bastien
Belgium Adrien de Leener
Porsche 911 RSR LMGTE AM 238 :06'00.292 149 Laps 35 Laps 24
75 Italy Rino Mastronardi
Italy Matteo Cressoni
Italy Andrea Piccini
Ferrari 488 GTE EVO LMGTE AM 211 15:42'35.591 176 Laps 27 Laps 17
21 Colombia Juan Pablo Montoya
France Timothé Buret
Mexico Memo Rojas
Oreca 07 LMP2 192 12:57'52.187 195 Laps 19 Laps 21 Ritirato
63 United States Cooper MacNeil
Finland Toni Vilander
United States Jeff Segal
Ferrari 488 GTE EVO LMGTE PRO 185 13:41'12.528 202 Laps 7 Laps 14 Ritirato
70 Takeshi Kimura
France Vincent Abril
Japan Kei Cozzolino
Ferrari 488 GTE EVO LMGTE AM 172 13:23'15.074 215 Laps 13 Laps 15 Ritirato
16 Ireland Ryan Cullen
United Kingdom Oliver Jarvis
United Kingdom Nick Tandy
Aurus 01 LMP2 105 7:44'11.624 282 Laps 67 Laps 17 Ritirato
30 Switzerland Jonathan Hirschi
Russian Federation Konstantin Tereshchenko
France Tristan Gommendy
Oreca 07 LMP2 100 6:30'06.632 287 Laps 5 Laps 10 Ritirato
4 France Tom Dillmann
Canada Bruno Spengler
United Kingdom Oliver Webb
ENSO CLM P1/01 LMP1 97 6:49'35.608 290 Laps 3 Laps 10 Ritirato
33 Japan Kenta Yamashita
United States Mark Patterson
Denmark Anders Fjordbach
Oreca 07 LMP2 88 11:33'21.552 299 Laps 9 Laps 18 Ritirato
52 Switzerland Chris Ulrich
Germany Steffen Gorig
Sweden Alexander West
Ferrari 488 GTE EVO LMGTE AM 80 5:40'44.154 307 Laps 8 Laps 5 Ritirato
55 United Kingdom Duncan Cameron
United Kingdom Aaron Scott
Ireland Matt Griffin
Ferrari 488 GTE EVO LMGTE AM 78 6:20'12.957 309 Laps 2 Laps 7 Ritirato
11 France Adrien Tambay
France Erik Maris
Belgium Christophe d'Ansembourg
Ligier JSP 217 LMP2 26 1:40'32.248 361 Laps 52 Laps 2 Ritirato
37 China Ho-Pin Tung
France Gabriel Aubry
United Kingdom Will Stevens
Oreca 07 LMP2 141 10:51'53.595 246 Laps 9:11'21.347 16

 

24h Le Mans, 21a Ora: Rebellion sul podio, Aston allunga in LMGTE

Articolo precedente

24h Le Mans, 21a Ora: Rebellion sul podio, Aston allunga in LMGTE

Articolo successivo

Le Mans: doppio podio Ferrari alla 24h in LMGTE

Le Mans: doppio podio Ferrari alla 24h in LMGTE
Carica i commenti