Sébastien Buemi: "Sarei stato felice di finire secondo"

Vincitore della 24 Ore di Le Mans con la Toyota per il secondo anno consecutivo, insieme a Fernando Alonso e Kazuki Nakajima, Sébastien Buemi è rattristato dalla disavventura della sua vettura sorella, la #7, che ha subìto una foratura ad un'ora dalla fine.

Sébastien Buemi: "Sarei stato felice di finire secondo"

Un anno dopo il suo primo successo alla 24 ore di Le Mans e il suo primo successo alla Sarthe con Toyota, il compagno di Fernando Alonso e Kazuki Nakajima, Sébastien Buemi, si è ripetuto nel 2019. Un successo incredibile, ottenuto proprio alla fine della gara, che si accompagna anche al titolo di campione del mondo WEC con i suoi compagni di squadra, cinque anni dopo il primo titolo mondiale acquisito nel 2014 con Anthony Davidson, sempre per conto di Toyota.

Leggi anche:

#8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Fernando Alonso

#8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Fernando Alonso

Photo de: Alexander Trienitz

Dominato dai loro compagni di squadra #7, José María López, Kamui Kobayashi e Mike Conway, per tutta la settimana, sia in qualifica che in gara, il Team #8 ha ereditato la vittoria quando la vettura sorella, allora largamente in testa, ha dovuto rallentare ad un'ora dal traguardo con una gomma a terra.

"E' stata una gara difficile", ammette il pilota valdese. "Perché ci siamo avvicinati a questa 24 ore sapendo di poter perdere il campionato. Ho passato molto tempo a chiedermi se avessimo il ritmo per combattere con la numero #7. Dopo cinque giri, mi sono reso conto che era quasi impossibile. Siamo andati un po' meglio in gara, ma sono stati più veloci durante tutta la corsa".

Quello che è successo oggi è davvero difficile da superare. Posso dirlo perché mi capitò con Kazuki nel 2016, e ricordo che fu dura.

Sébastien Buemi.

"Sarei stato persino felice di finire secondo alla fine. Sono stati bravi tutto l'anno, hanno meritato più vittorie di quante ne hanno realmente ottenute e quello che è successo oggi è davvero difficile da superare. Posso dirlo perché mi capitò con Kazuki nel 2016, e ricordo che fu dura. Mi dispiace molto per loro. Ma è il Motorsport, prenderò questa vittoria così come viene e mi congratulo con i miei compagni di squadra numero #7 per il lavoro che hanno fatto".

#8 Toyota Gazoo Racing, Toyota TS050 Hybrid: Sebastien Buemi, Kazuki Nakajima, Fernando Alonso

#8 Toyota Gazoo Racing, Toyota TS050 Hybrid: Sebastien Buemi, Kazuki Nakajima, Fernando Alonso

Photo de: Joe Portlock / LAT Images

Questa vittoria ha scandito una gara tesa, segnata da un duello a distanza tra le due vetture Toyota, dove era imperativo non alleggerire mai la pressione e correre rischi nel traffico, come spiega il pilota svizzero.

"E' stata una gara dura, alla partenza c'erano 61 macchine, non vuoi danneggiare la tua auto ma devi correre rischi coi doppiati, vuoi e devi essere davanti; e posso dirti che la #7 ha attaccato duramente. Sono contento che alla fine non abbiamo commesso errori e la gara è girata a nostro favore oggi.

 
condividi
commenti
Ferrari: l'orgoglio di tornare a vincere il GTE-Pro a Le Mans con la 488

Articolo precedente

Ferrari: l'orgoglio di tornare a vincere il GTE-Pro a Le Mans con la 488

Articolo successivo

24 Ore di Le Mans: squalificata la Ford GT #68 dal quarto posto in GTE Pro

24 Ore di Le Mans: squalificata la Ford GT #68 dal quarto posto in GTE Pro
Carica i commenti