Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Svizzera

Le Mans | Porsche-Vettel: il matrimonio si potrà fare in futuro

Sebastian alla 24h di quest'anno non ci sarà, ma i contatti con la Casa di Weissach sono attivi ed ora c'è tutto il tempo per preparare un suo passaggio nel mondo dell'endurance, cosa che oggi non è di facile organizzazione con le tante concomitanze in essere per le 963.

Sebastian Vettel, Porsche 963

Foto di: Porsche Motorsport

La Porsche non ha affatto scartato l'ipotesi di inserire Sebastian Vettel nella sua rosa di piloti per la 24h di Le Mans in futuro.

Dopo i test svolti al simulatore e in pista con la 963 ufficiale, il tedesco e la Casa di Weissach non saranno assieme alla gara che si terrà sul Circuit de la Sarthe il 15-16 giugno prossimo, ma per l'edizione 2025 le possibilità non sono tramontate.

Anzi, come ha spiegato Urs Kuratle a Motorsport.com, i contatti sono vivi e il 4 volte Campione del Mondo di F1 avrà tutto il tempo per prepararsi e organizzare un suo approdo nel mondo dell'endurance.

"Per un marchio come Porsche credo sia ovvio tenere Sebastian in considerazione, e viceversa. Io sono convinto che sia pronto, lo ha detto lui stesso dopo il test, ma quando e in quale forma si concretizzerà resta da vedere. Al momento non è stato definito nulla", precisa il Direttore del programma ufficiale Porsche LMDh.

"Sono in contatto con diverse persone e lui è una di queste, ma ci conoscevamo già da prima, anche se non è il personaggio che chiami tutti i giorni. Semplicemente non si è concretizzata la situazione ideale, ma non c'è un colpevole; non è successo, tutto qui".

Sebastian Vettel, Porsche 963

Sebastian Vettel, Porsche 963

Foto di: Porsche Motorsport

La Porsche ha negli annali il precedente del successo ottenuto da Nico Hülkenberg nel 2015 in equipaggio con Nick Tandy ed Earl Bamber al volante della 919 Hybrid.

A quel tempo il tedesco riuscì a partecipare a Le Mans dopo essere stato alla 6h di Spa con la terza LMP1 gestita dal team ufficiale del marchio, cosa che gli consentì di allenarsi e capire bene il mezzo.

Per Vettel questa opportunità non si è concretizzata, avendo il team Porsche Penske Motorsport impegni su due fronti tra WEC ed IMSA, come sottolinea Kuratle.

"La differenza più grande al momento è probabilmente il peso. LMP1 e LMH sono entrambe vetture molto complesse, ma diverse in termini di design. E il peso è molto più elevato sulle attuali, considerando poi che le nostre gare si svolgono pure di notte e che abbiamo grandi differenze di velocità rispetto a tutte le Classi che si incontrano in pista".

"Questo significa che un debuttante ha bisogno di un po' di tempo per abituarsi. Nel 2015 Hülkenberg correva in F1 e le LMP1 non erano troppo distanti come kg; inoltre beneficiò del fatto che a Spa riuscimmo a schierare tre macchine per allenarsi bene, mentre oggi non c'era questa possibilità; nello stesso fine settimana ci siamo trovati a correre il WEC in Belgio e l'IMSA a Laguna Seca".

"E lo stesso si è verificato in quello di Imola e Long Beach, per cui avevamo le mani un po' più legate rispetto al 2015. Non è affatto facile e se consideriamo che la griglia di partenza a Spa era di 37 macchine, probabilmente non ci sarebbe comunque stato spazio; di conseguenza, non abbiamo mai portato avanti l'idea perché semplicemente non potevamo gestire il tutto".

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente Le Mans | AO Racing porta la LMP2 col draghetto Spike alla 24h
Articolo successivo WEC | Porsche non effettuerà aggiornamenti al motore della 963

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Svizzera