Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Svizzera

Le Mans | La Camaro NASCAR-Garage 56 prova i fari a Daytona

La Chevrolet Camaro ZL1 NASCAR che correrà la 24h di Daytona grazie all'invito dell'ACO con il Garage 56 ha mostrato la sua configurazione dei fari durante i test svolti a Daytona questa settimana, dove l'ex campione di Formula 1 Jenson Button si è messo al volante per la prima volta.

Chevrolet Camaro ZL1, Garage 56

Foto di: Garage 56

La vettura preparata dalla Hendrick Motorsports ha condiviso la pista con la nuova Corvette Z06 GT3.R 2024 per le competizioni IMSA della prossima stagione e ha utilizzato le ore serali per testare i suoi nuovi fari.

Oltre ad avere quelli in posizione abituale, che sono adesivi sulle normali macchine NASCAR, un secondo gruppo di luci è stato installato più basso nel parafango anteriore, appena sopra lo splitter. Prima del test, il responsabile del progetto Chad Knaus ha spiegato: "Si tratta della prima volta che si mettono i fari in una vettura NASCAR da molti anni a questa parte".

Garage56 Testing

Garage56 Testing

Photo by: James Gilbert / Getty Images

I tempi sul giro della test-car sono stati confrontati con quelli ottenuti dai migliori della Classe GTD alla 24h di Daytona che ha aperto la stagione 2023 dell'IMSA SportsCar Championship lo scorso fine settimana.

"È un po' come mirare ad un bersaglio mobile", ha detto Knaus a proposito di dove vorrebbe che il ritmo della vettura si inserisse in graduatoria. "Non siamo molto esperti di BoP, quindi non abbiamo riferimenti in merito, ma vogliamo ottenere le massime prestazioni dalla vettura, quindi immagino che saremo in linea con il BoP stabilito".

"Vorremmo posizionarci un po' al di sotto delle vetture GTE ed essere un po' più veloci di una GT3. Ma abbiamo molto lavoro da fare".

 

Dopo la sua prima sessione di 20 giri con la vettura, Button ha dichiarato a NASCAR.com: "Per me si tratta di abituarmi alla posizione in macchina. Ovviamente c'è un po' di rollio della scocca, sembra che sia sovrasterzante, ma non lo è; in realtà è solo la macchina stessa che sente le modifiche d'assetto".

"L'auto funziona come nella Cup Series, è molto bassa al posteriore, quindi in curva è come se fosse seduta a terra. C'è molto da imparare, ma è un'auto da corsa. E io posso lavorare con una macchina da corsa".

Gli addetti ai lavori di Hendrick Motorsports, NASCAR, Chevrolet e Goodyear analizzeranno ora i dati e i feedback di Button, Jimmie Johnson e Mike Rockenfeller in vista del prossimo test previsto a Sebring alla fine del mese, dove tenterà una simulazione di gara da 18-24 ore.

"Stiamo ancora cercando di lavorare un po' sull'assetto, ma questo test è servito soprattutto a fare chilometri, a mettere insieme il gruppo per la prima volta, a lavorare sulle prove di cambio pilota, a testare gli pneumatici e cose del genere", ha detto Rockenfeller a Daytona. "Penso che in un certo senso sia un'altra pietra miliare, ma dopo questo test abbiamo sicuramente bisogno di un po' di prove".

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente WEC | La Isotta Fraschini LMH verrà presentata il 28 febbraio
Articolo successivo F1 in lutto: è scomparso Jean-Pierre Jabouille

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Svizzera