Le Mans: Ferrari sorpresa dal timing delle modifiche al BoP

Ferdinando Cannizzo, direttore tecnico della Ferrari nel GT, ha detto che la tempistica con cui è stato modificato il Balance of Performance delle Rosse alla 24 Ore di Le Mans è stata "davvero sorprendente".

Le Mans: Ferrari sorpresa dal timing delle modifiche al BoP

Le qualifiche di mercoledì hanno visto le due Ferrari comandare la classifica in GTE-Pro con Daniel Serra e James Calado, con la migliore delle Porsche, la #92 di Kevin Estre, che ha chiuso a 0"768 in terza posizione.

Ma dopo che la Porsche privata della WeatherTech ha fatto segnare il miglior tempo nella sessione notturna di mercoledì, la Commissione Endurance della FIA ha diffuso nella giornata di giovedì un bollettino per limitare il boost della Ferrari (si parla di una perdita di circa otto cavalli), riducendo anche di un litro la capacità a livello di carburante della 488.

Modifiche che avranno impatto sia in classe GTE-Pro e GTE-Am, sono entrate in vigore con effetto immediato. Cosa che ha stupito Cannizzo, perché le informazioni sono arrivate solamente "due minuti prima di una sessione, quindi ci sono costate 30 minuti di turno per adattare le vetture".

Parlando con Motorsport.com, Cannizzo ha detto: "Avere una regolazione del BoP è qualcosa che potrebbe accadere. Spetta alla FIA, ACO decidere se l'auto è equilibrata o meno. Ciò che ci ha sorpreso è il modo in cui è avvenuto".

"Ed è stato sorprendente anche che non abbiano aspettato la fine di tutte le sessioni di libere e l'hyperpole per raccogliere tutti i dati. Questo è stato davvero sorprendente per noi".

"Se credono che la macchina sia più equilibrata in questo modo, non abbiamo alcun problema, ma il modo in cui la regolazione BoP è avvenuta, sì, questo è stato davvero sorprendente per noi".

#52 AF Corse Ferrari 488 GTE EVO LMGTE Pro, Daniel Serra, Miguel Molina, Sam Bird

#52 AF Corse Ferrari 488 GTE EVO LMGTE Pro, Daniel Serra, Miguel Molina, Sam Bird

Photo by: Rainier Ehrhardt

Serra ha chiuso al secondo posto nell'Hyperpole, staccato di 181 millesimi dietro alla Porsche della HubAuto portata in pista da Dries Vanthoor. Il GTE-Am invece la Porsche ha monopolizzato le prime tre posizioni, mentre la Ferrari più veloce, quella della Cetilar, ha chiuso quarta con Antonio Fuoco, ma staccata di 1"4.

Cannizzo ha detto che il ritmo della vettura della HubAuto è stato "un po' un punto interrogativo".

"Non siamo felici di quello che è successo ieri, in entrambe le classi per essere onesti", ha detto.

Leggi anche:

"Mentre noi non siamo stati timidi nel nostrare le nostre prestazioni, e questo è stato chiaro in qualifica e nell'hyperpole, abbiamo visto alcuni concorrenti che non hanno mostrato tutto il loro potenziale".

"Penso che avere una vettura privata in pole sia un po' interrogativo, come quando alcuni migliorano nei primi due settori, ma poi non mostrano le loro prestazioni a fine giro".

"Spero che questo non significhi che le prestazioni reali le vedremo solo in gara, perché non sarebbe affatto giusto. Ma siamo fiduciosi di poter dire la nostra in questa Le Mans".

condividi
commenti
Le Mans 2021: tutto quello che c'è da sapere
Articolo precedente

Le Mans 2021: tutto quello che c'è da sapere

Articolo successivo

Dal 2025 le auto a idrogeno potranno lottare per vincere a Le Mans

Dal 2025 le auto a idrogeno potranno lottare per vincere a Le Mans
Carica i commenti