Le Mans: Alonso davanti a tutti nel prologo ma le Rebellion sono vicine

condividi
commenti
Le Mans: Alonso davanti a tutti nel prologo ma le Rebellion sono vicine
Guido Schittone
Di: Guido Schittone
03 giu 2018, 17:52

Il pilota spagnolo della Toyota ha ottenuto il miglior tempo con 3'19"066 davanti alla R13 di Mathias Beche e di Gustavo Menezes. Bene anche le BR01 modificate nell'aerodinamica. Porsche e Ford senza rivali in GTE PRO.Ferrari in sofferenza

#8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Sebastien Buemi, Kazuki Nakajima, Fernando Alonso, Jose Maria Lopez, Anthony Davidson
#7 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Mike Conway, Kamui Kobayashi, Jose Maria Lopez, Fernando Alonso, Anthony Davidson
#11 SMP Racing BR Engineering BR1: Jenson Button
#11 SMP Racing BR Engineering BR1: Mikhail Aleshin, Vitaly Petrov, Jenson Button
#11 SMP Racing BR Engineering BR1: Jenson Button
#11 SMP Racing BR Engineering BR1: Jenson Button
#91 Porsche GT Team Porsche 911 RSR: Richard Lietz, Gianmaria Bruni, Frédéric Makowiecki
#4 ByKolles Racing Team Enso CLM P1/01: Oliver Webb, Dominik Kraihamer, Tom Dillmann
#52 AF Corse Ferrari 488 GTE EVO: Toni Vilander, Antonio Giovinazzi, Pipo Derani
#92 Porsche GT Team Porsche 911 RSR: Michael Christensen, Kevin Estre, Laurens Vanthoor, Dirk Werner
#7 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Mike Conway
Fernando Alonso, Toyota Gazoo Racing
#47 Cetilar Villorba Corse Dallara P217 - Gibson: Roberto Lacorte
#3 Rebellion Racing Rebellion R-13: Mathias Beche, Gustavo Menezes, Thomas Laurent
#3 Rebellion Racing Rebellion R-13

È stato Fernando Alonso il protagonista del prologo della 24 Ore di Le Mans. Il campione della Toyota ha infatti segnato i migliori rilievi cronometrici sia nella sessione del mattino sia in quella pomeridiana, scendendo quando mancavano poco meno di due ore alla conclusione delle prove a 3’19”066 davanti alla Rebellion di Mathias Beche, 3’19”680, al compagno dello svizzero sulla vettura costruita dall'Oreca Gustavo Menezes, 3'19"897 e alla seconda TS050 Hybrid di Kamui Kobayashi, 3’20”008.

Tempi lontani dalla pole ottenuta dal pilota giapponese nella qualifica del 2017 quando si spinse a 3’14”791 ma molto vicini a quelli del prologo del 2017: Kobayashi infatti aveva girato in 3’18”132 ma dietro la prestazione delle Toyota c'era il gruppo delle Porsche 919 staccate e mai scese sotto i 3'21". Al quarto posto è salito nelle ultime fasi André Lotterer con la seconda Rebellion che ha preceduto la BR01 di Vitaly Petrov e quella di Stephane Sarrazin. È chiaro che tutti quanti abbiano cercato di nascondersi in vista delle qualifiche della corsa ma il dato che appare certo è che le vetture endotermiche non saranno poi troppo distanti da quelle giapponesi.

In GTE PRO, dopo il predominio delle Ford GT nel turno del mattino, la prestazione migliore è stata della Porsche RSR di Patrick Pilet, 3’52”551 davanti al compagno Gimmi Bruni, 3’52”647 e alla prima vettura statunitense guidata da Andy Priaulx.

Pastor Maldonado ha portato l’Oreca della DragonSpeed in vetta ai tempi delle LMP2 con 3’27”228. La Dallara del team Cetilar Villorba Corsa è andata molto bene, segnando l’ottavo tempo di classe a poco più di due secondi dall’Oreca. Alla vettura italiana è mancata però la velocità massima rispetto a quella francese. Julian Andlauer con la Porsche RSR del team Proton è stato infine il più rapido tra i piloti delle GTE AM.

Che paura per Marco Sorensen!

Come da sempre accade non è stato un prologo tranquillo: la sessione del mattino infatti è stata sospesa dopo un brutto incidente che ha visto coinvolte l’Aston Martin Vantage di Marco Sorensen e la Dallara LMP2 del team SMP in quel momento pilotata da Harrison Newey. Il figlio del progettista Red Bull era stato appena superato da una Toyota nel tratto veloce che portava alla curva Indianapolis quando le due vetture si sono trovate di fronte a un gruppetto di GTE più lente.

La Toyota è riuscita a passarle mentre la Dallara è andata a toccarsi con la vettura britannica in quel momento guidata da Sorensen. Mentre Newey è tornato ai box senza grandi danni alla propria Dallara, l’Aston ha colpito violentemente le barriere. Sorensen è stato estratto cosciente e portato per precauzione al centro medico da dove è poi stato dimesso senza alcun problema. L’incidente ha costretto la direzione corsa a una lunga riparazione alle barriere danneggiate con l’interruzione delle prove trenta minuti prima della loro naturale conclusione.

Per questa ragione invece che alle 14, la seconda sessione è stata anticipata alle 13,30. Altri incidenti hanno coinvolto in mattinata la Porsche RSR di Bergmeister mentre nel pomeriggio la Ferrari di PierGuidi è uscita alla Tertre Rouge e la BMW di Felix Da Costa ha avuto un incidente alle curve Porsche . Un’altra bandiera rossa è stata esposta per un incidente a Mulsanne che ha coinvolto la Ligier del team Algarve.

Rispettati i pronostici della vigilia

Nel complesso i risultati dei test hanno confermato ciò che si era immaginato dopo la corsa di Spa-Francorchamps. Al momento le Rebellion a motore Gibson sono le LMP1 endotermiche più accreditate per cercare la grande impresa il giorno della gara. Ha stupito, per esempio, la facilità con la quale tutti i piloti della sqaudra elvetica siano riusciti a conquistare tempi vicinissimi e in certi casi migliori di quelli dei piloti della Toyota. Beche e Menezes hanno infranto la barriera dei 3’20” mettendosi dietro gli altri conduttori della TS050 Hybrid. Buona anche la prestazione delle BR01: il migliore del team SMP è stato Petrov con 3’21”603 davanti a Sarrazin, Orudhzev e Aleshin.

Button ha percorso alcuni giri non cercando la prestazione ad effetto. 3’24”002 il suo rilievo. Da segnalare che tutte le BR01, compresa quella a motore Gibson della DragonSpeed, avevano una nuova veste aerodinamica con un frontale modificato per scongiurare i problemi verificatisi sull’esemplare pilotato da Isaakyan nella gara di Spa-Francorchamps. L'aggiustamento aerodinamico è stato consentito dalla FIA per una questione di sicurezza. Discreta , tra le LMP1. la prestazione della CLM Enso della ByKolles che ha trovato una ottima costanza mentre le Ginetta sono sembrate indietro rispetto alle rivali dirette.

Anche in GTE era apparso chiaro che Porsche e Ford avrebbero giocato tra di loro. La Ferrari, gravata da un peso assurdo che sbilancia la vettura e soprattutto la frenata con conseguente problemi di ottimizzazione e affidabilità delle gomme, ha giocato sulla difensiva confermando che per l’AF Corse, salvo cambiamenti improvvisi del BoP, che dovrebbero giungere, sarà un’edizione della 24 Ore molto più difficile di quelle degli anni passati.

Mike Conway ha sfiorato i 340kmh

I dati delle velocità massime hanno indicato nella Toyota la vettura più rapida: Conway ha infatti sfiorato i 340kmh, ottenendo i 338,1kmh. Ma anche le BR01 a motore AER pur rallentate dal nuovo profilo all’avantreno si è avvicinata con 337khm ottenuti  da Button mentre le LMP2 hanno confermato la prestazione velocistica arrivando a spingersi ai 336kmh con l’Oreca della G Drive di Allen. Tra le GTE le Ford GT hanno fatto la parte del leone in questa speciale classifica con 298,8kmh davanti alla Corvette di Faessler e alla Ferrari di Daniel Serra, 294kmh. Più indietro le Porsche RSR. Martedi quasi tutte le squadre principali gireranno sul circuito Bugatti come consentito da regolamento per ultimare e affinare gli ultimi particolari in vista delle prime prove della settimana successiva.

  # Cat. Équipe Trs Temps
1 8 LMP1 Toyota Gazoo Racing 106 3:19.066
2 3 LMP1 Rebellion Racing 73 3:19.680
3 7 LMP1 Toyota Gazoo Racing 95 3:20.008
4 1 LMP1 Rebellion Racing 65 3:21.344
5 11 LMP1 SMP Racing 47 3:21.603
6 17 LMP1 SMP Racing 46 3:21.761
7 4 LMP1 Bykolles Racing Team 53 3:23.644
8 10 LMP1 Dragonspeed 23 3:26.951
9 31 LMP2 Dragonspeed 72 3:27.228
10 48 LMP2 IDEC Sport 78 3:27.252
11 6 LMP1 CEFC TRSM Racing 52 3:27.748
12 5 LMP1 CEFC TRSM Racing 40 3:28.180
13 26 LMP2 G-Drive Racing 83 3:28.394
14 28 LMP2 TDS Racing 72 3:28.795
15 36 LMP2 Signatech Alpine Matmut 82 3:29.205
16 22 LMP2 United Autosports 75 3:29.281
17 39 LMP2 Graff-SO24 73 3:29.492
18 47 LMP2 Cetilar Villorba Corse 78 3:29.968
19 40 LMP2 G-Drive Racing 74 3:30.015
20 38 LMP2 Jackie Chan DC Racing 68 3:30.475
21 37 LMP2 Jackie Chan DC Racing 68 3:31.034
22 35 LMP2 SMP Racing 61 3:31.646
23 23 LMP2 Panis Barthez Competition 63 3:31.673
24 32 LMP2 United Autosports 69 3:32.363
25 44 LMP2 Eurasia Motorsport 78 3:32.532
26 29 LMP2 Racing Team Nederland 65 3:32.723
27 25 LMP2 Algarve Pro Racing 61 3:32.752
28 34 LMP2 Jackie Chan DC Racing 63 3:33.037
29 33 LMP2 Jackie Chan DC Racing 86 3:38.657
30 50 LMP2 Larbre Competition 58 3:40.926
31 93 GTE Pro Porsche GT Team 67 3:52.551
32 91 GTE Pro Porsche GT Team 76 3:52.647
33 67 GTE Pro Ford Chip Ganassi Team UK 76 3:53.008
34 66 GTE Pro Ford Chip Ganassi Team UK 79 3:53.052
35 68 GTE Pro Ford Chip Ganassi Team USA 60 3:53.064
36 69 GTE Pro Ford Chip Ganassi Team USA 65 3:53.476
37 92 GTE Pro Porsche GT Team 69 3:53.877
38 81 GTE Pro BMW Team MTEK 83 3:53.946
39 71 GTE Pro AF Corse 70 3:54.137
40 64 GTE Pro Corvette Racing - GM 66 3:54.179
41 63 GTE Pro Corvette Racing - GM 67 3:54.217
42 52 GTE Pro AF Corse 80 3:54.278
43 51 GTE Pro AF Corse 61 3:54.672
44 94 GTE Pro Porsche GT Team 65 3:54.782
45 82 GTE Pro BMW Team MTEK 68 3:55.910
46 77 GTE Am Dempsey - Proton Racing 79 3:55.970
47 54 GTE Am Spirit of Race 82 3:56.269
48 61 GTE Am Clearwater Racing 75 3:56.672
49 88 GTE Am Dempsey - Proton Racing 68 3:56.946
50 97 GTE Pro Aston Martin Racing 67 3:57.488
51 99 GTE Am Proton Competition 57 3:57.515
52 85 GTE Am Keating Motorsports 68 3:57.572
53 84 GTE Am JMW Motorsport 67 3:57.781
54 86 GTE Am Gulf Racing UK 64 3:58.904
55 70 GTE Am MR Racing 62 3:58.925
56 56 GTE Am Team Project 1 43 3:59.233
57 90 GTE Am TF Sport 59 3:59.566
58 95 GTE Pro Aston Martin Racing 32 3:59.614
59 80 GTE Am Ebimotors 25 4:00.673
60 98 GTE Am Aston Martin Racing 27 4:01.224

 

Prossimo articolo Le Mans