Le Mans, 9° ora: Toyota e Porsche mantengono la testa della gara. Ritiro per la SMP Racing mentre era quarta assoluta

condividi
commenti
Le Mans, 9° ora: Toyota e Porsche mantengono la testa della gara. Ritiro per la SMP Racing mentre era quarta assoluta
Di: Dario Sala
16 giu 2018, 22:20

Dopo le schermaglie delle prime ore, la situazione sembra più tranquilla. La Toyota mantiene il comando con Conway davanti a Buemi mentre la Porsche #92 comanda la GTE PRO. Ritiro per la SMP #17 mentre occupava la quarta piazza assoluta

#92 Porsche GT Team Porsche 911 RSR: Michael Christensen, Kevin Estre, Laurens Vanthoor, maialino rosa, mascot
#92 Porsche GT Team Porsche 911 RSR: Michael Christensen, Kevin Estre, Laurens Vanthoor
#17 SMP Racing BR Engineering BR1: Stéphane Sarrazin, Egor Orudzhev, Matevos Isaakyan
#17 SMP Racing BR Engineering BR1: Stéphane Sarrazin, Egor Orudzhev, Matevos Isaakyan
#7 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Mike Conway, Kamui Kobayashi, Jose Maria Lopez

Il buio è finalmente arrivato sulla Sarthe e con il calo delle tenebre sembrano essersi placati un pelo anche gli animi. Le situazioni, seppur ancora tutte in divenire, sembrano aver trovato una certa stabilità e non il ritmo isterico delle prime ore. Non sono mancati i colpi di scena come quello che ha visto coinvolto Matevos Isaakian uscito di pista con la BR della SMP Racing mentre era quarto assoluto e secondo fra le vetture a motore termico. 

 Il russo ha provato ad aprire il cofano per provare a ripartire, ma la manovra seppur  quasi commovente non ha portato costrutto. Quando finalmente il russo ha tolto il cofano ed ha provato a ripartire deve aver smontato qualcosa di troppo visto che il propulsore ha dato segni evidenti di problemi. La vettura è stata quindi abbandonata in una sconsolante nube di fumo. 

 Il risultato è che la vettura è rimasta a lungo ferma a bordo pista e così dietro alle due Toyota 050 Hybrid ci sono ora le due Rebellion con la numero #3 davanti alla #1. Le due vetture svizzere hanno un distacco abissale dalle Toyota di testa che proseguono con la loro guerra personale. Kamui Kobayashi ha preso il comando delle operazioni alle 21:43 sorpassando Nakajima. Sulla vettura numero #8 è poi risalito Buemi che ha provato a ridurre il distacco prima che Mike Conway lo riportasse ancora attorno ai dieci secondi. 

 Fantastico quinto posto assoluto della G-Drive che conduce abbastanza agevolmente la classe LMP2 davanti alla Signatech Alpine consegnata ora a Pizzitola a cui è assegnato il compito di mantenere quantomeno la posizione dai possibili attacchi di Negrao e Lafargue che lo seguono. Ventitresima la Cetilar Villorba Corse che prosegue la sua coraggiosa corsa. 

 La classe GTE PRO è sempre appannaggio della Porsche con la #92 guidata da Vanthoor che comanda la classe senza grosse ansie davanti alla #91 riportata al secondo posto da Gimmi Bruni ed ora nelle mani di Makowiecki. Terza è la BMW numero #81 con Philip Eng che si sta dando da fare per raggiungere la rivale di Stoccarda. La prima delle Ferrari è la #52 guidata da Derani. Più staccate quelle di Pierguidi che sta provando a risalire così come Rigon dopo aver perso tempo per la penalità ed il detrito. Porsche anche nella classe GTE AM con il Dempsey Racing che stringe a tenaglia la Ferrari JMW. 

 

Prossimo articolo Le Mans
Le Mans, 12° ora: Buemi penalizzato di un minuto per essere transitato troppo veloce in una slow zone

Previous article

Le Mans, 12° ora: Buemi penalizzato di un minuto per essere transitato troppo veloce in una slow zone

Next article

Le Mans: la Dallara della Cetilar Villorba Corse era anche rimasta al buio!

Le Mans: la Dallara della Cetilar Villorba Corse era anche rimasta al buio!