Le Mans, 5a Ora: Toyota in controllo, cambiano gli altri leader

Le GR010 #7 e #8 hanno un paio di grattacapi, ma Alpine e Glickenhaus sono ormai lontane. Errore di Davidson in LMP2, passa al comando la United Autosports. Corvette e Aston Martin prime GTE. Brutto incidente per Gomes, illeso.

Le Mans, 5a Ora: Toyota in controllo, cambiano gli altri leader

Continuano le emozioni in queste prime ore della 24h di Le Mans, che ha regalato un altro brevissimo scroscio di pioggia, sufficiente a far commettere qualche errore e testacoda ai protagonisti in azione sul Circuit de la Sarthe.

La terza ora di corsa si è aperta col brivido per la Toyota #7 di Mike Conway, rientrata frettolosamente ai box a causa di una lenta foratura riscontrata dagli uomini del team giapponese alla posteriore destra.

Poco dopo anche la #8 ha avuto un altro guaio, stavolta colpita dalla Oreca #39 di Arnold Robin (SO24-Dirob by Graff), rischiando grosso, ma senza avere danni ingenti, almeno per quello che si è visto nella sosta ai box di controllo.

Chi non se l'è passata per niente bene è stato Anthony Davidson, che ha perso la leadership della LMP2 finendo insabbiato alla chicane "Dunlop". La Oreca #38 del pilota Jota è stata tirata fuori dalla gru, ma nel frattempo è scivolata lontanissima dalle posizioni che contanto.

Foratura anche per la Ferrari #71 di Inception Racing, ma momenti col fiato sospeso li ha fatti passare Marcos Gomes, finito rovinosamente contro le barriere ad "Indianapolis". Le immagini non hanno chiarito il perché la Aston Martin #98 della NorthWest ARM si sia girata, se non per il fatto che dietro avesse una delle Oreca del Team WRT.

Fortunatamente il brasiliano è uscito dai rottami sulle sue gambe, ma la Classe LMGTE Am perde una delle sue grandi protagoniste, nonché favorite per il successo. Il conseguente ingresso della Safety Car ha spinto alcuni team a fermarsi per il pit-stop e le classifiche hanno subìto alcuni cambiamenti.

In Classe Hypercar sono sempre le Toyota #7 e #8 a controllare la situazione con un enorme vantaggio sulla Alpine A480-Gibson LMP1 #36. Le Glickenhaus 007 LMH #708 e #709 hanno accumulato un paio di tornate di ritardo dalla vetta e sono crollate nella classifica generale.

In LMP2 l'errore di Davidson ha consentito alla Oreca #23 di United Autosports di prendere il primo posto, seguita dalla #28 di Jota e dalla Aurus 01-Gibson #26 di G-Drive Racing. A seguire troviamo la Oreca #41 del Team WRT, poi la #22 di United Autosports.

Il Racing Team Nederland (#29) mantiene invece il primato in Pro/Am, dove al secondo posto c'è il RealTeam/TDS (#70) e al terzo la PR1 Motorsports Mathiasen (#24).

In LMGTE Pro le fermate ai box in momenti differenti per via della Safety Car hanno dato modo alla Chevrolet Corvette C8.R #63 di salire in vetta, inseguita dalla Porsche 911 RSR-19 ufficiale #92.

Le Ferrari 488 della AF Corse sono scese al terzo (#52) e quarto (#51) posto, con dietro sempre la Porsche #79 della WeatherTech Racing. Completano la classifica la Corvette #64 e le Porsche #91 e #72 (HubAuto Racing).

In LMGTE Am la Aston Martin Vantage #33 è prima, seppur abbia dovuto scontare una penalità di 10" per una infrazione commessa durante una sosta.

Bagarre serratissima tra le cinque Ferrari che la inseguono: la 488 #57 di Kessel Racing è ai ferri corti con la #47 di Cetilar Racing, la #83 della AF Corse (costretta ad una sosta veloce per rabboccare benzina nella terza ora) è in Top5 assieme alla #55 di Spirit of Race, con dietro la #80 della Iron Lynx.

La migliore delle Porsche è la #56 del Team Project 1, anche se al momento pare che le 911 siano più in difficoltà rispetto alle rivali.

E intanto in qualche zona della pista continuano a scendere gocce di pioggia, al momento senza creare problemi.

condividi
commenti
Alonso e l'Alpine fanno la storia con una F1 a Le Mans
Articolo precedente

Alonso e l'Alpine fanno la storia con una F1 a Le Mans

Articolo successivo

Le Mans, 8a Ora: Alpine sbaglia, Glickenhaus terza

Le Mans, 8a Ora: Alpine sbaglia, Glickenhaus terza
Carica i commenti