Le Audi non mollano: 1-2 dopo venti ore

Le Audi non mollano: 1-2 dopo venti ore

La Peugeot le sta provando tutte per rientrare nel loro giro, ma le R15 hanno trovato una grande consistenza

L'Audi continua sorniona ad avvicinarsi alla vittoria dell'edizione 2010 della 24 ore di Le Mans: a quattro ore dal termine infatti ci sono ancora due R15 Tdi davanti a tutti, con quella di Bernhard-Dumas-Rockenfeller a dettare il passo davanti alla gemella di Fassler-Lotterer-Trelouyer. Alle loro spalle la Peugeot Hdi Fap numero 1 le sta provando veramente tutte per provare a rientrare nel loro giro, sperando di approfittare di un'eventuale safety car. Alex Wurz infatti ha appena completato uno stint velocissimo, ma il giro di ritardo per ora rimane. Tutto fin troppo semplice ora per la HPD della Strakka Racing in LMP2, che dall'alto del suo nono posto conduce con ben 7 giri di vantaggio sulla Pescarolo-Judd della OAK Racing (Moreau-Charouz-Lahaye), che ha ereditato il secondo posto dall'altra HPD della Highcroft Racing, rallentata da problemi all'impianto indraulico. Al terzo posto si è dunque portata la Lola HPD della LMR affidata ad Erdos, Newton e Wallace. In GT1 ormai sta praticamente passeggiando la Saleen (Gardel-Berville-Canal), che è appunto riuscita a sfruttare il suo margine di 10 giri per mettere una pezza all'errore commesso circa un'ora e mezza fa alla chicane finale. Ora i giri di vantaggio sull'Aston Martin di Enge, Nygaard e Kox sono solo 5, ma i leader si stanno permettendo il lusso di gestire la corsa, girando anche 8" al giro più lenti degli inseguitori. In terza piazza invece si è portata la seconda Corvette della Luc Alphand Aventures (Policand-Gregoire-Hart). Tra le GT2 permane il vantaggio di due giri della Porsche Felbermayr (Lieb-Lietz-Henzler), che però ora alle sue spalle non ha più la Ferrari della AF Corse, ma quella della Farnbacher Racing, che sta vedendo premiata una corsa molto regolare. Un pò di Italia anche in terza posizione con la Porsche della BMS Scuderia Italia affidata a Westbrook, Scheider e Holzer. La Ferrari di Alesi, Fisichella e Vilander ora invece è quarta, ma con sei giri di ritardo da chi la precede le speranze di arpionare un podio sono veramente ridotte.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Le Mans
Articolo di tipo Ultime notizie