Aston Martin Racing torna alla vecchia macchina

Aston Martin Racing torna alla vecchia macchina

Dopo i problemi al Paul Ricard e Le Mans, il progetto viene abbandonato

La Aston Martin Racing tornerà al vecchio telaio su base Lola per le restanti tappe dell'Intercontinental Le Mans Cup, così come per la uscita prevista a Laguna Seca della American Le Mans Series, dopo i problemi avuti con la nuova AMR-One LMP1 fino ad oggi. Nelle speranze della squadra la vettura sviluppata internamente avrebbe dovuto sfidare ad armi pari le Peugeot ed Audi diesel della categoria LMP1, ma invece sono venuti a mancare decisamente sia velocità che affidabilità nelle due uscite 2011 al Paul Ricard nella Le Mans Series ed a Le Mans in occasione della 24 Ore. Il progetto è quindi ora sotto revisione da parte di una ditta esterna per cercare di trovare il problema di fondo di una vettura evidentemente nata male sia telaisticamente che motoristicamente. Dopo aver saltato quindi la tappa di Imola della ILMC, la AMR dovrebbe così tornare in pista in occasione della gara di casa di Silverstone, per poi viaggiare verso gli USA per la tappa di Road Atlanta e in Cina a Zhuhai, oltre come detto alla gara di Laguna Seca della ALMS. In tutte queste corse sarà al via con la vecchia Lola-Aston Martin DBR1-2. In tutti e quattro gli eventi sarà presente una sola vettura, portata in pista da Adrian Fernandez ed Harold Primat.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Le Mans
Piloti Adrian Fernandez , Harold Primat
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag incentivi