Motorsport.com's Prime content
Topic

Motorsport.com's Prime content

F1 vs Le Mans, auto a confronto: velocità, potenza e tanto altro

Il FIA World Endurance Championship nel 2021 ha introdotto le nuove Le Mans Hypercar, che come le Formula 1 possono usare tecnologia ibrida.

F1 vs Le Mans, auto a confronto: velocità, potenza e tanto altro

Il regolamento LMH è stato introdotto come sostituto per la categoria LMP1, nel tentativo di ridurre i costi nella fascia alta delle corse endurance e aumentare il suo fascino per i Costruttori, dopo che Case come Audi e Porsche si sono ritirate lasciando Toyota come unico partecipante.

I giapponesi hanno creato la GR010 HYBRID per l'inizio della stagione WEC 2021, mentre la statunitense Glickenhaus ha aggiunto la sua 007 LMH priva di sistema ibrido dal secondo round di Portimao.

C'è ancora un'auto LMP1 nella serie, con Alpine che schiera la sua A480 progettata da ORECA (ex Rebellion R-13) sfruttando proprio il fatto che le norme consentono la presenza di macchine non ibride.

Ma quali sono le somiglianze e le differenze tra le auto LMH e le loro controparti di Formula 1? Diamo un'occhiata.

Lando Norris, McLaren MCL35M

Lando Norris, McLaren MCL35M

Photo by: Drew Gibson / Motorsport Images

Chi è più veloce tra F1 e LMH?

Le auto di F1 superano regolarmente i 300km/h, ma finora nel 2021 la velocità più alta durante una gara registrata nel campionato è stata di 350 km/h grazie a Lando Norris al Paul Ricard. Tuttavia, velocità più elevate sono attese dalle gare di Monza e Città del Messico, dove le auto hanno significativamente meno deportanza a causa del layout ad alta velocità di Monza e l'alta quota del Messico.

Il WEC ha già visitato la Brianza quest'anno, con la più alta velocità durante la 6 Ore di Monza stabilita dalla Glickenhaus di Romain Dumas, che ha raggiunto 317km/h, eguagliati da Pipo Derani con l'altra LMH 007 e da Brendon Hartley sulla Toyota #8 durante la terza sessione di prove libere.

Le velocità saranno più elevate sui lunghi rettilinei del Circuit de la Sarthe a Le Mans: Louis Deletraz ha raggiunto i 349km/h nella Hyperpole l'anno scorso al volante di una Rebellion-Gibson R-13. Ma la nuova formula LMH ha aumentato significativamente il peso della principale categoria e la Toyota GR010 è sui 1040 kg rispetto agli 878 kg di peso base che avevano le LMP1, oltre al fatto che il picco di potenza è più basso dato che c'è il recupero dell'energia del sistema ibrido, quindi le velocità massime dovrebbero scendere rispetto al 2020.

#708 Glickenhaus Racing Glickenhaus 007 LMH: Luis Felipe Derani, Gustavo Menezes, Olivier Pal

#708 Glickenhaus Racing Glickenhaus 007 LMH: Luis Felipe Derani, Gustavo Menezes, Olivier Pal

Photo by: JEP / Motorsport Images

Chi ha più Cavalli fra LMH e F1?

Con due sistemi di recupero dell'energia che si aggiungono al motore a combustione interna V6 da 1,6 litri in una vettura di F1, una monoposto del 2021 produce una potenza di circa 1000 CV, anche se ciò non è del tutto confermato dai motoristi stessi.

Il regolamento LMH fissa un limite di potenza totale a 520kW o 670CV, comprendendo tutti i componenti del powertrain nell'interesse di garantire una competizione aperta. Tuttavia, la progettazione del motore è libera, permettendo ai produttori di scegliere la loro configurazione e cilindrata. I sistemi di recupero dell'energia sono opzionali, anche se il dispiegamento di potenza ibrida è regolato per eliminare qualsiasi vantaggio sleale rispetto alle auto che non ce l'hanno.

Il sistema ibrido può essere implementato all'interno dell'asse anteriore per una configurazione a trazione integrale, rigenerando l'energia spesa dalla frenata delle ruote anteriori. Questo sistema ibrido non può avere una potenza superiore a 200kW (268CV).

Lewis Hamilton, Mercedes W12, battles with Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21

Lewis Hamilton, Mercedes W12, battles with Carlos Sainz Jr., Ferrari SF21

Photo by: Charles Coates / Motorsport Images

Ulteriori sistemi aggiuntivi di F1 e LMH

Le auto di F1 attualmente hanno un sistema di riduzione della resistenza (DRS), che permette al pilota di aprire l'ala posteriore per annullare gli effetti di carico aerodinamico, in modo da avere una maggiore possibilità di sorpasso. Questo è limitato, in una situazione di gara, al fatto di essere ad 1" dalla macchina che ti precede. I piloti erano precedentemente autorizzati a cambiare le modalità del motore durante una gara, ma questo è stato limitato a metà della scorsa stagione per consentire l'utilizzo di una sola mappa dsia per le qualifiche che per la gara.

Le regole LMH non consentono più di utilizzare la potenza ibrida come strumento di sorpasso push-to-pass: la curva di potenza è definita per ogni vettura dal Balance of Performance per ogni gara. La potenza dell'asse anteriore può essere utilizzata solo al di sopra dei 120 km/h per garantire che non ci sia alcun vantaggio di trazione per le auto che hanno quella integrale in uscita dalle curve a bassa velocità.

Polesitter #7 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Kamui Kobayashi

Polesitter #7 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Kamui Kobayashi

Photo by: Sam Bloxham / Motorsport Images

Differenze sui format di Qualifica tra WEC e F1

Le qualifiche di F1 si svolgono in tre parti: Q1, Q2 e Q3. La Q1 dura 18 minuti con tutte le 20 auto che tentano di stabilire i tempi più veloci. Le cinque più lente vengono eliminate e classificate nelle relative posizioni in griglia, mentre in Q2 vanno le restanti 15. Questa dura 15 minuti e anche qui vengono eliminate le 5 più lente, con le prime 10 che passano alla fase finale, nella quale viene decisa la pole position e le piazze fino al 10° posto.

I primi 10 partono in gara montando le gomme con cui hanno registrato il loro giro più veloce in Q2, ma hanno la scelta libera sulle coperture da usare in Q3 per dare l'assalto alla Pole nei 12 minuti assegnati.

Il WEC ha un sistema più tradizionale che comprende due sessioni di 10 minuti, una per le classi Hypercar e LMP2, e un'altra per le GTE Pro e Am: il giro più veloce di ogni pilota in qualifica stabilisce la griglia. Un punto viene assegnato a ciascuno dei piloti della vettura che ottiene la Pole nelle quattro classi.

Alla 24 Ore di Le Mans il format è diverso perché c'è la Hyperpole, introdotta l'anno scorso. Le prime sei auto di ciascuna delle quattro classi uscite dai 45' di Qualifica del mercoledì accedono ai 30' di sessione Hyperpole del giovedì.

#7 Toyota Gazoo Racing Toyota GR010 - Hybrid: Mike Conway, Kamui Kobayashi, Jose Maria Lopez

#7 Toyota Gazoo Racing Toyota GR010 - Hybrid: Mike Conway, Kamui Kobayashi, Jose Maria Lopez

Photo by: TOYOTA GAZOO Racing

Format di gara, le differenze tra WEC e F1

Le gare di Formula 1 durano fino a un massimo di due ore, escluse le soste con bandiera rossa, e si svolgono sulla distanza più breve che supera i 305 km, ad eccezione del Gran Premio di Monaco che si svolge su circa 260 km. Nel corso della gara, ogni auto deve utilizzare almeno due delle tre mescole di pneumatici nominati forniti da Pirelli, e i pit-stop possono essere utilizzati solo per il cambio pneumatici ed eventuali riparazioni, a seguito del divieto di rifornimento introdotto dal 2010 in poi.

Le gare del WEC sono molto più lunghe, da cui il termine "gare di resistenza", e la maggior parte di esse dura sei ore. Ci sono due corse di otto ore nel calendario 2021, sul circuito dell'Algarve a Portimao e la seconda gara del Bahrain alla fine della stagione, mentre Le Mans dura 24 ore.

La durata minima è di quattro ore, secondo il format provato nella stagione 2019/20.

Questo significa che più piloti condividono ogni auto, e ci sono regolamenti in ogni categoria che impongono tempi minimi al volante per ogni pilota. Le gare di endurance assegnano anche a ciascun pilota una categoria - bronzo, argento, oro e platino - in base all'esperienza e ai risultati precedentemente ottenuti, e le categorie LMP2 e GTE Am hanno stabilito combinazioni di categorizzazioni di piloti consentite. Questo non si applica alla classe Hypercar, che è vietata ai Bronze.

Nicholas Latifi, Williams Racing and George Russell, Williams Racing celebrate with the team

Nicholas Latifi, Williams Racing and George Russell, Williams Racing celebrate with the team

Photo by: Williams

Differenze nei punteggi tra F1 e WEC

Per una gara di sei ore, il WEC corre con lo stesso format di punti (25-18-15-12-10-8-6-4-2-1) della F1, anche se con un mezzo punto disponibile per le auto che finiscono a seguire. Assegna anche un punto per la Pole di classe.

Il WEC tratta ogni categoria come un campionato a sè, e assegna punti a una squadra in relazione alla posizione all'interno della classe.

Le gare di otto ore e la 24 Ore di Le Mans offrono diverse distribuzioni di punti. Nella prima questi vengono distribuiti secondo la scala 38-27-23-18-15-12-9-6-3-2 per i primi 10, con un punto per chi è dietro. A Le Mans la scala è 50-36-30-24-20-16-12-8-4-2, cioè il doppio di una sei ore.

A differenza del WEC, la Formula 1 assegna un punto per il giro più veloce della gara, a condizione che sia stato realizzato da un pilota della Top10 alla bandiera a scacchi. Non ci sono punti per la pole position, né per chi finisce oltre il 10° posto.

condividi
commenti
Glickenhaus ci crede: "Possiamo lottare per vincere Le Mans"
Articolo precedente

Glickenhaus ci crede: "Possiamo lottare per vincere Le Mans"

Articolo successivo

Esordio a Le Mans per Rovera: "Tengo lontane le pressioni"

Esordio a Le Mans per Rovera: "Tengo lontane le pressioni"
Carica i commenti