Dal 2025 le auto a idrogeno potranno lottare per vincere a Le Mans

Fra 4 anni debutterà una nuova categoria di vetture che avranno in comune motore e telaio, ma che permetterà ai costruttori di lavorare sulle celle a combustibile. 8 le Case interessate. Tre di queste ci saranno già nel 2025.

Dal 2025 le auto a idrogeno potranno lottare per vincere a Le Mans

Il World Endurance Championship è già entrata nella nuova era, quella delle Hypercar, che già in questo fine settimana vedremo competere alla 24 Ore di Le Mans, ma continua a guardare al futuro.

La Automobile Club de l'Ouest, organizzatore della Sarthe, ha dichiarato che a partire dal 2025 ci sarà una nuova categoria basata su un telaio monomarca, sviluppato congiuntamente da Red Bull Advanced Technologies e Oreca, è stata ideata per sfruttare la propulsione a idrogeno a partire dal 2025. Le prestazioni saranno messe allo stesso livello della classe Hypercar.

"Con i regolamenti che avremo, sulla carta sarà possibile fare una cosa del genere", ha dichiarato il presidente della ACO, Pierre Fillon. "Dopo dovremo parlarne con i costruttori. Forse avranno bisogno di qualche periodo per riuscire a competere".

Fillon ha indicato la vittoria ottenuta nel 2006 a Le Mans dall'Audi, con una vettura turbodiesel R10 TDI LMP1, come prova che le nuove tecnologie possano avere immediatamente successo. Ha anche rivelato che attorno al tavolo ci sono state 8 Case che hanno discusso del regolamento per la classe a idrogeno.

"Stiamo lavorando con 8 costruttori e prevediamo di averne tre già al primo anno della categoria", ha proseguito Fillon. Le Case che entreranno nella classe a idrogeno dovranno usare un telaio specifico e un propulsore elettrico sviluppato dal gruppo franco-svizzero GreenGT, ma avranno la libertà di svilupare la tecnologia delle celle a combustibile.

Fillon ha rivelato che la pandemia da COVID ha comportato il rinvio di un anno dell'introduzione della classe a idrogeno, e ha anche spiegato che ciò ha causato ritardi nel programma di Joint-venture tra ACO e GreenGT per sviluppare gran pate della tecnologia per la classe sotto la bandiera della missione H24.

"Il COVID ci ha creato molti problemi e abbiamo perso un anno di sviluppo con il programma H24", ha affermato. "Abbiamo discusso con i produttori e il fornitore e abbiamo deciso di ridurre la classe".

FIllon ha rivelato che una seconda vettura di prova di GreenGT aveva completato solo 500 chilometri da quando era stata mostrata per la prima volta alla 24 Ore di Le Mans dell'anno passato.

Ha detto che quello era il piano pensato per la vettura, basata su un telaio LMP3. Ovvero prendere parte alle prove libere degli ultimi due round della Le Mans Cup sponsorizzata da Michelin per le vetture LMP3 e GT3.

La speranza è che l'auto, che è più leggera della sua progenitrice e ha un gruppo propulsore e raffreddamento rivisti, sarà pronta già per il round di Spa che si terrà a settembre per quanto riguarda la ELMS.

Fillon ha detto che se tutto dovesse andare secondo i piani, l'auto inizierà a correre su invito il prossimo anno. L'auto test originale, la LMPH2G, lanciata nel 2018, effettuerà un giro dimostrativo prima dell'inizio della 24 Ore di Le Mans in questo fine settimana. A guidarla sarà Stéphane Richelmi, ovvero uno dei tre collaudatori del progetto assieme a Stoffel Vandoorne e Norman Nato.

TotalEnergies, fornitore di carburante per il WEC, sta sviluppando quello che è stato descritto come un biocarburante completamente rinnovabile da utilizzare nella serie il prossimo anno. Questo sarà ricavato dai rifiuti agricoli e dall'industria vinicola.

Il presidente della FIA Jean Todt ha dichiarato: "Le gare di durata, per loro natura, sono sempre state un'eccellente piattaforma di ricerca e sviluppo ed è una pietra miliare importante che il WEC passi al carburante sostenibile al 100%".

"L'obiettivo principale della FIA è implementare fonti di energia sostenibili in tutte le sue discipline motoristiche, aprendo così la strada alla riduzione delle emissioni di CO2, riflettendo perfettamente la nostra strategia delle corse, sulla strada".

condividi
commenti
Le Mans: Ferrari sorpresa dal timing delle modifiche al BoP
Articolo precedente

Le Mans: Ferrari sorpresa dal timing delle modifiche al BoP

Articolo successivo

Fernando Alonso torna a Le Mans con Alpine?

Fernando Alonso torna a Le Mans con Alpine?
Carica i commenti