Clamoroso: si ferma la Peugeot N°2, Audi al comando

condividi
commenti
Clamoroso: si ferma la Peugeot N°2, Audi al comando
Di: Matteo Nugnes
13 giu 2010, 07:35

Montagny è stato costretto ad alzare bandiera bianca quando aveva 2 giri di vantaggio

La 24 Ore di Le Mans 2010 rischia di diventare veramente nera per la Peugeot intorno alle 7 della mattina: la 908 Hdi Fap numero 2 (Montagny-Minassian-Sarrazin) è stata costretta ad alzare bandiera bianca quando comandava con due giri di vantaggio sugli inseguitori. A giudicare dalla fiammate e dal fumo proveniente dal restrotreno della vettura è facile ipotizzare che sia stata una rottura di motore a spegnere le speranze dell'equipaggio tutto francese, costringendo Franck Montagny a parcheggiare lungo il tracciato e a regalare la leadership della corsa all'Audi numero 9, quella di Timo Bernhard, Romain Dumas e Mike Rockenfeller. La notte infatti ha portato problemi anche alla 908 Hdi Fap dell'Oreca (Panis-Lapierre-Duval): proprio quando sembrava in grado di impensierire la vettura gemella, ha subito la rottura del semiasse posteriore destro, che l'ha costretta ad una sosta lunghissima che le è costata ben 5 giri, ed ora infatti è quinta. Di tutto questo ne ha approfittato l'Audi, che non solo comanda, ma lo fa con due R15 Tdi, visto che in seconda piazza ci sono Fassler, Lotterer e Trelouyer. La prima delle Peugeot, dunque, è la numero 1 (Lamy-Wurz-Davidson), che però viaggia staccata di due giri. In LMP2 continua il dominio della HPD della Strakka Racing (Watts-Kane-Leventis), undicesima assoluta, che ha un margine di due giri sul prototipo della Highcroft Racing (Brabham-Franchitti-Werner). Terza piazza per la Pescarolo-Judd della Oak Racing (Moreau-Charouz-Lahaye), che però paga addirittura 7 giri dai leader. Piuttosto stabile anche la situazione in GT1, con la Saleen della Larbre Competition (Gardel-Berville-Canal) che ha messo ben 3 giri tra sè e la Corvette della Luc Alphand Aventures (Jousse-Gouselard-Massen). Al terzo posto è salita invece la Aston Martin del Young Driver Racing (Enge-Nygaard-Kox), che ha potuto approfittare del definitivo ritiro della Ford GT della Matech (Grosjean-Mutsch-Hirschi), tradita dalla rottura del propulsore. Sorpresa anche in GT2, visto che ora davanti a tutti c'è una sola Corvette, quella affidata a Beretta-Gavin-Collard, mentre l'altra è stata costretta al ritiro. Seconda sale quindi la Porsche del team Felbermayr (Lieb-Lietz-Henzler) ed ora intravede il podio anche la Ferrari F430 di Jean Alesi, Giancarlo Fisichella e Toni Vilander.
Prossimo articolo Le Mans
Gran botto per la Corvette leader in GT2: safety car

Previous article

Gran botto per la Corvette leader in GT2: safety car

Next article

La Peugeot Oreca torna nel giro dei leader

La Peugeot Oreca torna nel giro dei leader

Su questo articolo

Serie Le Mans
Piloti Franck Montagny
Autore Matteo Nugnes
Tipo di articolo Ultime notizie