Le Mans, 4° Ora: Porsche davanti di strategia

Le Mans, 4° Ora: Porsche davanti di strategia

Montando subito le rain, ha fatto un pit stop in meno rispetto agli altri, ma la Toyota incalza

La terza ora della 24 Ore di Le Mans 2014 è filata via praticamente tutta alle spalle della safety car, che è dovuta intervenire nuovamente a causa di un violento acquazzone che bagnava pesantemente una parte della pista, lasciandone praticamente asciutta un'altra. Condizioni che per esempio hanno portato al clamoroso incidente tra Karun Chandhok della Murphy Prototypes e Michael Munemann della Greaves Motorsport (poi costretta al ritiro) in classe LMP2. In questo frangente la Porsche è stata la più lesta nell'azzeccare la strategia: sulla 919 Hybrid numero 20, infatti, sono state montate le gomme rain nel cambio avvenuto prima dell'incidente di Marco Bonanomi e Nicolas Lapierre, quando ormai le altre LMP1 erano già ripartite con le slick. Questo gli ha consentito di non doversi rifermare quando ha ricominciato a piovere, come invece inevitabile per tutti gli altri. In questo modo prima è stato Timo Bernhard a ritrovarsi al comando, ma poi la situazione si è riproposta anche quando il tedesco ha ceduto il volante a Brendon Hartley, ripassando sulle slick, perché Toyota ed Audi sono state costrette a fermarsi per la quarta sosta con una decina di giri d'anticipo. Allo scadere delle quarta ora, quindi il neozelandese comandava con una decina di secondi sulla TS040 Hybrid di Stephane Sarrazin (numero 7) e circa una quarantina sulla R18 e-tron quattro di Benoit Treluyer (numero 2). Simile la situazione anche nella classe GTE-Pro, nella quale le due Porsche della Manthey si sono avvantaggiate facendo un pit stop in meno. Questo però non gli è bastato per mantenere la leadership, perché quando la pista ha ricominciato ad asciugarsi dietro di loro è arrivata come un fulmine la Corvette di Gavin/Milner/Westbrook, che poi si è portata al comando della classifica. Più attardata invece la Ferrari 458 di Bruni/Fisichella/Vilander, che di contro invece non è riuscita ad azzeccare la strategia giusta. Per quanto riguarda la LMP2, allo scadere dell'ora al comando delle operazioni c'era la Alpine con Paul Loup-Chatin, ma è anche vero che la vettura della compagine francese doveva effettuare il pit stop a momento, quindi il leader naturale sarebbe la Oreca-Judd della Race Performance con Michael Frey. Nella GTE-Am invece la vetta della classifica è dell'Aston Martin di Dalla Lana/Lamy/Nygaard.

FIA WEC - 24 Ore di Le Mans - Classifica dopo 4 ore

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Le Mans
Piloti Stéphane Sarrazin , Benoit Tréluyer , Brendon Hartley
Articolo di tipo Ultime notizie