La Porsche getta la spugna e la Toyota rivede il podio

condividi
commenti
La Porsche getta la spugna e la Toyota rivede il podio
Di: Matteo Nugnes
15 giu 2014, 13:33

Webber ha ipotizzato un problema di motore come causa del forfait della 919 Hybrid numero 20

Nel box Porsche ci sono chiari segnali di resa: per qualche minuto, dopo il rientro a bassa velocità di Mark Webber, i tecnici della Casa tedesca hanno lavorato con un ritmo davvero frenetico attorno alla 919 Hybrid, poi improvvisamente si quietati ed anche il pilota australiano è uscito dall'abitacolo. Tutti segni di quello che appare ormai un ritiro annunciato per la vettura numero 20, che fino ad un paio d'ore dal termine, pur favorita dalle disavventure altrui, aveva addirittura sognato di trionfare al ritorno nella grande classica francese, grazie anche all'ottimo lavoro svolto dallo stesso Webber, ma anche da Timo Bernhard e Brendon Hartley. Ormai era piuttosto evidente comunque che le 919 avessero dei problemi a livello di freni e di gestione degli pneumatici e che per questo giravano sempre su un passo superiore ai 3'30". Tuttavia, stando alle prime indicazioni che ha dato Webber ai microfoni di Eurosport sarebbe stato un problema di motore a condurre alla rese, che tra le altre cose spalanca la porta ad un insperato podio per la Toyota numero 8 di Buemi/Lapierre/Davidson. Per la serie piove sul bagnato, pochi giri più tardi è rientrata ai box anche la Porsche numero 14, che invece pare abbia accusato un guasto al cambio. Anche la seconda vettura è stata smontata e Marc Lieb è sceso dall'abitacolo, quindi il doppio ritiro sembra poter essere molto di più di un'ipotesi.
Prossimo articolo Le Mans
Le Mans, 22° Ora: rallenta la Porsche, Audi 2 al top!

Articolo precedente

Le Mans, 22° Ora: rallenta la Porsche, Audi 2 al top!

Articolo successivo

Smentiti i pronostici: Le Mans è ancora dell'Audi!

Smentiti i pronostici: Le Mans è ancora dell'Audi!
Carica i commenti

Su questo articolo

Serie Le Mans
Piloti Brendon Hartley , Mark Webber , Timo Bernhard
Autore Matteo Nugnes
Tipo di articolo Ultime notizie