Le Mans, Q3: la Toyota TS 040 Hybrid n 7 firma la pole

Le Mans, Q3: la Toyota TS 040 Hybrid n 7 firma la pole

Nakajima precede la Porsche 919 Hybrid #14 e l'altra Toyota. La migliore Audi è solo quinta

La Toyota festeggia la pole position alla 24 Ore di Le Mans: la TS 040 - Hybrid #7 condotta da Kazuki Nakajima, Alex Wurz e Stephane Sarrazin ha ottenuto la partenza al palo con il pilota giapponese autore di una prestazione sensazionale nell'ultima e decisiva sessione di qualifica. Il tempo di 3'21"789 evidenzia il livello di competitività della Casa nipponica che è arrivata alla maratona della Sarthe dopo le prime due vittorie nel campionato WEC. La biposto capace di quasi mille cavalli (nel combinato disposto fra il propulsore benzina turbo e i motori ibridi) si è messa alle spalle la Porsche 919 Hybrid #14 di Dumas-Jani-Lieb distanziata di appena 0"357 su un tracciato di oltre 13 km: si preannuncia una sfida avvincente con la seconda Toyota TS 040 - Hybrid #8 di Davidson-Buemi-Lapierre che precede l'altra Porsche 919 Hybrid #20 di Webber-Hartley-Bernhhard. Queste quattro vetture a benzina sono racchiuse in un secondo, mentre le Audi R18 e-tron quattro con il propulsore diesel soffrono di più, pagando con la #03, quella guidata dai giovani, Bonanomi-Albuquerque-Jarvis, un gap di quasi un secondo e mezzo. Le altre due vetture della Casa di Ingolstadt sono molto più staccate: quella di Lotterer-Fassler-Treluyer #2 è a due secondi e mezzo, mentre la #1 di Kristensen-Di Grassi-Genè è attardata di oltre quattro secondi dopo che questa vettura è rimasta coinvolta in ben due incidenti (la macchina è stata completamente ricostruita dopo il terribile crash di Loic Duval che è stato sostituito dallo spagnolo). Le LMP1 dei quattro anelli pagano una grande differenza di velocità dalle biposto a benzina dovendo risparmiare più gasolio avendo un serbatoio più piccolo e i piloti sono costretti a guidare in rilascio nei cento metri che precedono le staccate. La Rebellion R-One Toyota è arrivata a 3'29"763, vale a dire a quattro secondi dalle Audi, dopo le concessioni regolamentari che sono state fatte dall'ACO nell'ultima settimana, ma restano comunque a otto secondi dalla pole. In LMP2 si conferma la superiorità della Ligier JS P2: la #46 della Thiriet by TDS Racing con Gommendy-Thiriet-Badey è decima assoluta con il tempo di 3'37"609 davanti alla Zytek Z11SN-Nissan e all'altra Ligier JS-HPD della Oak Racing che ha preceduto la Morgan-Nissan #26. In Gran Turismo dominio della Ferrari che ha dettato legge sia in classe GTE PRO che AM: la 458 dell'AF Corse di Bruni-Vilander-Fisichella ha colto un eccellente 3'53"700 lasciando la concorrenza a oltre un secondo, con la Chvrolet Corvette C7.R #73 davanti all'Aston Martin Vantage V8 #97. Come avevamo accennato anche in classe AM c'è la supremazia di Maranello con la 458 #81 guidata al meglio da Michele Rugolo. Da segnalare che James Calado nel botto della seconda sessione di quaifica non ha riportato danni fisici, ma l'AF Corse ha deciso di sostiturlo precauzionalemnte con Pierre Kaffer: la vettura molto incidentata sarà riparata con i pezzi di ricambio che arriveranno dall'Italia. Interessante la 27esima posizione della discussa e discutibile Nissan Zeod RC che si impegnerà a completare almeno un giro della pista di Le Mans in gara con la sola propulsione elettrica: Ordonez-Motoyama-Reip sono sicuri di poter migliorare ancora le loro prestazioni con un vettura sperimentale tutta fa scoprire...

FIA WEC - 24 Ore di Le Mans - Qualifica 3

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Le Mans
Piloti Alexander Wurz , Stéphane Sarrazin , Kazuki Nakajima
Articolo di tipo Ultime notizie