Lotterer porta l'Audi #1 in pole provvisoria in extremis

Lotterer porta l'Audi #1 in pole provvisoria in extremis

Ha scavalcato l'altra R18 e-tron quattro sotto alla bandiera a scacchi. La Toyota sale quarta

Cala la notte, ma la musica non cambia a Le Mans: anche nella prima sessione di prove ufficiali sono state infatti le Audi a fare da padrone. Rispetto alle libere di oggi pomeriggio però è calato il ritardo dalla vetta delle Toyota, con la TS030 Hybrid numero 7 che si è tolta la soddisfazione di mettersi dietro almeno una delle R18 dello squadrone della Casa di Ingolstadt. Esattamente come nelle libere però è stata una zampata di Andre Lotterer a mettere davanti a tutti la R18 e-tron quattro numero 1, quindi quella dei vincitori del 2011, che divide con Benoit Treluyer e Marcel Fassler. Si era parlato di temperature basse e scarso grip sul tracciato, ma questo non è sembrato un grosso problema per Lotterer, che proprio sotto alla bandiera a scacchi ha realizzato il suo 3'25"453. Un tempo che ancora una volta gli ha consetito di tenere ad oltre un secondo di distanza la vettura gemella di Capello/Kristensen/McNish che era rimasta al comando del gruppo per la maggior parte della sessione. Terzo tempo, appena un paio di decimi più indietro, per la prima delle R18 Ultra, che è quella di Gene/Dumas/Duval, anch'essa risalita nel finale grazie ad un bel giro di Romain Dumas. In quarta posizione troviamo poi la Toyota di Wurz/Lapierre/Nakajima, che ha praticamente dimezzato il suo ritardo dalla vetta rispetto ad oggi pomeriggio, portandolo da oltre 3" a solo 1"7, rimanendo anche in seconda posizione piuttosto a lungo. Rimane più staccata la vettura gemella di Buemi/Davidson/Sarrazin, che ha chiuso alle spalle anche dell'Audi R18 Ultra di Bonanomi/Jarvis/Rockenfeller. Soprende decisamente l'esito della classe LMP2, nella quale la pole provvisoria è andata alla Oreca-Nissan della Thiriet by TDS Racing, con Christophe Tinseau che ha sfoderato un buon giro in 3'39"252, staccando di oltre sei decimi l'identica vettura gestita dalla Murphy Prototypes. Qualche problema di troppo invece per la Nissan DeltaWing, con Michael Krumm che è stato costretto a parcheggiarla lungo il tracciato per noie di natura elettrica. Cambio della guardia in classe GTE-Pro, con la Corvette di Milner/Gavin/Westbrook che è stata l'unica vettura capace di scendere sotto al muro dei 3'56", precedendo però di appena una manciata di millesimi la Ferrari 458 del Luxury Racing (Makowiecki/Melo/Farnbacher). Da segnalare l'assenza in pista della numero 71 dell'AF Corse: troppi i danni riportati nell'incidente di Giancarlo Fisichella nelle prove libere. Stesso discorso che vale anche per la Pescarolo-Judd numero 16. Nella GTE-Am invece continua a comandare la Porsche della Flying Lizard Motorsport, sesta assoluta tra le vetture GT con l'equipaggio Neiman/Pilet/Pumpelly. Da segnalare diverse uscite di pista, fortunatamente tutte senza particolari conseguenze per le vetture coinvolte.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Le Mans
Piloti André Lotterer , Marcel Fässler , Benoit Tréluyer
Articolo di tipo Ultime notizie