Cosa si è rotto sull'Aston Martin di Makowiecki?

Cosa si è rotto sull'Aston Martin di Makowiecki?

Questa immagine mostra una fiammata sotto alla vettura prima dell'improvviso scarto della Vantage

Guardate questa immagine perché deve far riflettere: è tratta da un filmato postato su YouTube dell'incidente che ha visto protagonista Frédéric Makowiecki sull'Aston Martin Vantage V8 n. 99. Sono le 9,51 a Le Mans quando la pista della Sarthe è di nuovo bagnata da qualche goccia d'acqua caduta sulla prima parte del tracciato. UNA CRASH IN ACCELERAZIONE La 24 Ore si avvia verso la conclusione della 19esima ora quando si registra un clamoroso colpo di scena nella classe GTE-Pro: l'Aston Martin di Bell/Makowiecki/Senna sbatte violentemente all'uscita della prima chicane del Mulsanne Straight mentre al volante c'è il francese. La vettura inglese è già in piena accelerazione quando ha uno scarto e si schianta sul lato sinistro, demolendo le protezioni. La macchina è demolita e la direzione gara è costretta a mandare in pista l'ennesima safety car per permettere ai commissari di percorso di ripristinare le barriere abbattute. MAKOWIECKI INCOLUME Per un attimo c'è stata dell'apprensione, che è scemata subito quando il pilota francese che era al volante è uscito con i suoi mezzi dal relitto dell'Aston Martin, dopo che la Casa inglese aveva pianto la scomparsa nelle primissime battute della corsa di Allan Simonsen. UNA FIAMMATA IMPROVVISA David Richards nello spiegare perché l'Aston Martin non era riuscita a vincere la Classe GTEPRO per dedicare il successo al pilota danese deceduto non ha esitato a parlare di un piccolo errore commesso da Frédéric. Guardando e riguardando le immagini, invece, abbiamo notato qualcosa di molto strano che vi proponiamo: un attimo prima di perdere il controllo della Vantage V8, sotto la macchina di Makowiecki si vedono due rapide fiammate che anticipano l'incidente, come se sulla vettura numero 99 si fosse all'improvviso rotto qualcosa. CEDIMENTO E NON ERRORE? Un cedimento al cambio o al differenziale che ha inchiodato l'Aston Martin, provocando l'imprevedibile uscita di strada alla vettura che era in testa alla classe della GTEPRO? E' molto probabile, ma allora non è affatto peregrino pensare che qualcosa di analogo possa essere accaduto anche sulla Vantage dello sfortunato Allan Simonsen. A SIMONESEN COSA E' SUCCESSO Il destino del danese è stato cinico: è morto praticamente sul colpo dopo aver urtato lateralmente con la Vantage nella via di fuga alla curva di Tertre Rouge nei primi minuti di gara. La sua Aston Martin ha avuto uno scartamento simile sul cordolo viscido, anche se non si è notata alcuna fiammata sotto la vettura. LA GOMMA NON SI E' STALLONATA Un fatto è certo: l'anteriore sinistra non si è stallonata come ha ritenuto qualcuno. A volare dopo l'impatto contro le barriere sarebbe stata la posteriore destra che si è divelta nell'urto violento. Ci auguriamo che si faccia chiarezza su un lutto che ha colpito moltissimo il mondo delle corse. Senza alcuna pretesa di avviare indagini giudiziarie, ma almeno di trovare delle risposte ad una morte assurda, specie se lo sfortunato Allan non dovesse aver commesso alcun errore. LA COLPA E' SEMPRE DEL MORTO Non dimentichiamoci che anche per Ayrton Senna nel 1994, stimati personaggi (team principal, tecnici e piloti del Circus) avevano addossato la colpa della sua tragedia al campione brasiliano, salvo poi scoprire, senza ombra di dubbio, che si era rotto il piantone dello sterzo. Non è facendo gli struzzi che si fa il bene dell'automobilismo, ma analizzando i fatti per fare in modo che certe tragedie non si debba ripetere...

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Le Mans
Piloti Frédéric Makowiecki
Articolo di tipo Ultime notizie