Power domina sullo stradale di Indy: è la 40° vittoria

Il pilota della Penske si è confermato imbattibile sullo stradale di Indianapolis, perché si tratta della sua quinta affermazione su questa pista. Secondo c'è un ottimo Grosjean, mentre in ottica campionato O'Ward chiude quinto e si avvicina a Palou che si ritira per un problema tecnico.

Power domina sullo stradale di Indy: è la 40° vittoria

Will Power si è confermato ancora una volta un grande specialista del tracciato stradale di Indianapolis, andando a firmare addirittura la sua quinta affermazione al suo interno, la sua 40esima in assoluto in IndyCar.

Il pilota della Penske ha preso il comando delle operazioni al termine del primo stint di gara, favorito da una strategia molto accorta, e a quel punto aveva dato addirittura la sensazione di poter fare il largo alle sue spalle, almeno fino a quando non ha avuto qualche difficoltà per effettuare il doppiaggio di James Hinchcliffe e Colton Herta ha iniziato a pressarlo.

A toglierlo dall'impasse ci ha pensato però il leader del campionato Alex Palou, che è stato costretto a parcheggiare la sua vettura della Ganassi Racing a causa di un problema tecnico, con la direzione gara che quindi ha mandato in pista la Safety Car.

Al restart, Herta però ha dovuto badare più a difendersi da uno scatenato Romain Grosjean che ad attaccare e quindi Power ha potuto creare un piccolo gap. Pochi giri più tardi però il gruppo si è nuovamente ricompattato a causa di un contatto tra Scott McLaughlin e Rinus VeeKay, rialimentando le speranze dell'ex pilota di Formula 1, che aveva gomme più fresche.

Anche all'ultima ripartenza però Power ha fatto valere la sua esperienza nella categoria e quindi si è presentato sotto alla bandiera a scacchi con un margine di poco più di un secondo sul francese, che comunque si è reso protagonista di una gara da incorniciare. A completare il podio poi c'è Colton Herta, che negli ultimi giri è stato bravo a rintuzzare gli attacchi di Alexander Rossi e di Pato O'Ward.

Dopo aver firmato una bella pole position, il pilota della Arrow McLaren SP quindi non è riuscito ad approfittare fino in fondo delle disavventure del rivale nella corsa al titolo. Con il quinto posto comunque il messicano ha ridotto a 21 punti il gap nei confronti di Palou. E la contesa ormai sembra destinata a rimanere solo tra loro due, perché gli altri inseguitori non hanno brillato.

Scott Dixon ha preso il via nelle retrovie a causa di un testacoda in qualifica e anche in gara non è riuscito a fare meglio del 17esimo posto, quindi ora per lui sono 34 i punti da recuperare. Josef Newgarden invece ha fatto una gara migliore, rimontando fino all'ottava posizione, ma per lui il distacco è di addirittura 55 punti.

Si è concluso con il 12esimo posto invece il debutto di Christian Lundgaard, che aveva stupito tutti andando a piazzare la monoposto della Rahal Letterman Lanigan addirittura in seconda fila. In corsa però ha dovuto fare i conti che la gestione di pneumatici che non conosceva e quindi ci può stare che abbia perso colpi rispetto ai veterani della categoria. Il suo comunque resta un debutto decisamente degno di nota. Dopo la vittoria di domenica scorsa, l'ex pilota di Formula 1 Marcus Ericsson invece ha chiuso nono.

Cla Pilota Team Giri Tempo Distacco Distacco Mph Punti
1 Australia Will Power
United States Team Penske 85 1:49'38.081 113.458 53
2 France Romain Grosjean
United States Dale Coyne Racing 85 1:49'39.195 1.114 1.114 113.438 40
3 United States Colton Herta
United States Andretti Autosport 85 1:49'40.430 2.349 1.235 113.417 36
4 United States Alexander Rossi
United States Andretti Autosport 85 1:49'41.519 3.438 1.088 113.398 32
5 Mexico Patricio O'Ward
United States Schmidt Peterson Motorsports 85 1:49'42.186 4.105 0.667 113.387 32
6 United Kingdom Jack Harvey
United States Michael Shank Racing 85 1:49'43.404 5.323 1.218 113.366 28
7 United States Graham Rahal
United States Rahal Letterman Lanigan Racing 85 1:49'43.936 5.855 0.532 113.357 26
8 United States Josef Newgarden
United States Team Penske 85 1:49'44.330 6.249 0.394 113.350 25
9 Sweden Marcus Ericsson
United States Chip Ganassi Racing 85 1:49'45.089 7.008 0.758 113.337 22
10 Japan Takuma Satō
United States Rahal Letterman Lanigan Racing 85 1:49'46.026 7.944 0.936 113.321 20
11 United States Conor Daly
United States Ed Carpenter Racing 85 1:49'47.440 9.359 1.414 113.297 19
12 Denmark Christian Lundgaard
United States Rahal Letterman Lanigan Racing 85 1:49'47.919 9.837 0.478 113.288 19
13 Sweden Felix Rosenqvist
United States Schmidt Peterson Motorsports 85 1:49'48.704 10.623 0.785 113.275 17
14 United Arab Emirates Ed Jones
United States Dale Coyne Racing 85 1:49'50.201 12.119 1.496 113.249 16
15 France Sébastien Bourdais
United States A.J. Foyt Enterprises 85 1:49'50.659 12.578 0.458 113.241 15
16 France Simon Pagenaud
United States Team Penske 85 1:49'54.498 16.416 3.838 113.175 15
17 New Zealand Scott Dixon
United States Chip Ganassi Racing 85 1:49'55.273 17.192 0.775 113.162 13
18 United States Ryan Hunter-Reay
United States Andretti Autosport 85 1:49'55.408 17.327 0.134 113.160 12
19 United States Jimmie Johnson
United States Chip Ganassi Racing 85 1:49'56.239 18.158 0.831 113.145 11
20 United Kingdom Max Chilton
United Kingdom Carlin 85 1:49'56.830 18.748 0.590 113.135 10
21 Brazil Helio Castroneves
United States Michael Shank Racing 85 1:49'57.626 19.545 0.796 113.122 9
22 Canada James Hinchcliffe
United States Andretti Autosport 85 1:49'58.926 20.845 1.299 113.099 8
23 New Zealand Scott McLaughlin
United States Team Penske 85 1:49'59.092 21.011 0.166 113.096 7
24 Netherlands Rinus van Kalmthout
United States Ed Carpenter Racing 85 1:50'00.575 22.494 1.483 113.071 6
25 United States Cody Ware
United States Dale Coyne Racing 83 1:50'04.525 2 Laps 2 Laps 110.345 5
26 Canada Dalton Kellett
United States A.J. Foyt Enterprises 81 1:50'12.230 4 Laps 2 Laps 107.560 5
27 Spain Álex Palou
United States Chip Ganassi Racing 67 1:23'45.393 18 Laps 14 Laps 117.063 5
28 United States R.C. Enerson
Top Gun Racing 12 26'30.114 73 Laps 55 Laps 66.262 5
condividi
commenti
Lundgaard debutta in IndyCar sullo stradale di Indianapolis
Articolo precedente

Lundgaard debutta in IndyCar sullo stradale di Indianapolis

Articolo successivo

IndyCar: Newgarden vince a Gateway e riapre il campionato

IndyCar: Newgarden vince a Gateway e riapre il campionato
Carica i commenti