Miles: l’IndyCar si concentra sul Nord America

Mark Miles, presidente e CEO di Penske Entertainment Corp., afferma che la NTT IndyCar Series continuerà a concentrarsi sul potenziamento della sua presenza in Nord America e sulla ricerca di un terzo produttore di motori.

Miles: l’IndyCar si concentra sul Nord America

Da gennaio 2013, Miles ha ricoperto la carica di presidente e CEO di Hulman & Co., precedenti proprietari di IndyCar e Indianapolis Motor Speedway, e ha mantenuto questa posizione in quanto la proprietà è passata nelle mani di Roger Penske durante l'ultima offseason.

Il suo primo anno di mandato è stato l'ultima stagione in cui IndyCar ha corso al di fuori del Nord America - la quarta e ultima gara al Sambadromo di San Paolo - anche se nel 2015 a Brasilia c'è stato un evento e da allora ci sono state voci continue di eventi in Cina. 

Parlando al presidente di Motorsport.com, James Allen, nell'ambito della serie di interviste #ThinkingForward, Miles ha dichiarato che il miglioramento dell'impronta della NTT IndyCar Series in Nord America rimarrà probabilmente la priorità per il prossimo futuro. 

"Per ora, siamo ancora molto concentrati sugli Stati Uniti e sul Nord America", ha detto. "Abbiamo avuto l'opportunità di prendere in considerazione l'idea di correre all'estero. Per ora, credo che la risposta a queste richieste sia: "No, ci concentreremo sugli Stati Uniti". Quindi cerchiamo di fare un po' di pratica e di realizzare davvero tutto ciò che possiamo nel mercato statunitense". 

"Con tutto il rispetto per la Formula 1, penso che negli Stati Uniti siamo la serie a ruote aperte dominante e cosa possiamo fare di più? Questo significa che a breve termine non cercheremo di vedere quante gare possiamo fare. Vogliamo avere eventi di grande successo ovunque corriamo. E credo che l'annuncio di Nashville lasci presagire grandi cose per la serie dell'anno prossimo".

Per quanto riguarda il futuro, Miles ha ammesso che IndyCar è desideroso di stabilire la sua sensibilità 'sveglia' e di incoraggiare i partecipanti di tutte le etnie in quello che è stato a lungo considerato uno sport da 'uomo bianco'. 

"La diversità è importante per noi", ha detto Miles. "Vogliamo accogliere ed estendere l'invito a far parte della serie a persone di ogni estrazione e non solo come fan, ma anche per quanto riguarda le nostre pratiche di assunzione, il nostro approvvigionamento e, in ultima analisi, la composizione delle squadre e dei piloti. E' una cosa su cui stiamo lavorando con molta calma ora, ma penso che ci saranno dei progressi e delle prove tangibili, si spera il prossimo anno".

Trovare un terzo produttore che si unisca a Chevrolet e Honda rimane una priorità anche per la serie, sebbene Miles sia stato abbastanza onesto da descriverla come "una sfida", dato che il presidente di IndyCar Jay Frye ha inseguito un tale accordo da quando è entrato in carica (inizialmente) come presidente della concorrenza nel novembre 2015.

"È qualcosa in cui Roger Penske, credo, è forse l'unico al mondo in grado di avere successo, se si può fare", ha detto Miles. 

"È difficile immaginare un momento più difficile per avere questa conversazione. Fortunatamente ci stiamo lavorando da un po' di tempo. Quindi ci sono diversi produttori che conoscono la nostra storia e hanno potuto osservare i nostri progressi. Quindi credo che sia un po' un ostacolo, COVID. Non credo che la premessa di base cambierà. Penso che sia... un'opportunità di sviluppo, e certamente - soprattutto nel mercato statunitense - è un'opportunità di marketing. 

"Penso che la proposta di valore per IndyCar sia straordinaria. Quindi, se si guarda ai costi, per essere in Formula 1 o anche per essere nella NASCAR, dal mio punto di vista su una sorta di base CPM, quanti occhi si hanno di fronte per il costo di essere un produttore con forse un terzo delle squadre, penso che [IndyCar] sia una grande proposta di valore. E abbiamo visto che questo viene compreso nelle nostre conversazioni".

condividi
commenti
IndyCar: Askew fermato dai dottori, al suo posto Castroneves

Articolo precedente

IndyCar: Askew fermato dai dottori, al suo posto Castroneves

Articolo successivo

IndyCar: ecco il calendario 2021 con 17 eventi

IndyCar: ecco il calendario 2021 con 17 eventi
Carica i commenti