La Michael Shank Racing rinuncia alla Indy 500

La Michael Shank Racing rinuncia alla Indy 500

Ora Jay Howard è alla ricerca di un volante: se non lo trova potrebbero esserci solo 32 partenti

L'avventura della Michael Shank Racing in vista della 500 Miglia di Indianapolis è già arrivata al capolinea. Un paio di settimane fa la squadra vincitrice della 24 Ore di Daytona aveva annunciato la sua intenzione di schierare una Dallara DW12, a patto però di trovare un motore da accoppiarvi. Ormai i tempi stringono in vista della prima giornata di prove libere della grande classica dell'Indiana, prevista per il 12 maggio, quindi il team ha deciso di liberare Jay Howard dall'accordo contrattuale che era stato raggiunto nel mese di aprile. Il 31enne ora spera quindi di riuscire a trovare un'altra squadra disposta ad iscriverlo alla Indy 500 e forse lo spera un po' anche tutto l'ambiente della Indycar: se lui dovesse rimanere escluso, lo schieramento non arriverebbe alle storiche 33 vetture.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati IndyCar
Piloti Jay Howard
Articolo di tipo Ultime notizie