KV Racing: confermata la chiusura e la vendita del materiale alla Juncos

Kevin Kalkhoven e Jimmy Vasser, proprietari della KV Racing Technology, hanno confermato la chiusura della loro squadra dopo 14 anni di attività, insieme alla vendita di buona parte del materiale alla Juncos Racing.

KV Racing: confermata la chiusura e la vendita del materiale alla Juncos
Jimmy Vasser, KV Racing Technology
Sébastien Bourdais, KV Racing Technology Chevrolet
Sébastien Bourdais, KV Racing Technology Chevrolet

Kalkhoven e Vasser hanno diffuso un comunicato stampa per ringraziare i tifosi ed i piloti per il supporto e per i successi ottenuti in questi anni. Il palmares infatti parla di sette vittorie in Indycar, tra cui quella nella 500 Miglia di Indianapolis del 2013 con Tony Kanaan.

Buona parte del materiale della squadra è stata acquisita da Ricardo Juncos, proprietario di una squadra che corre nella Mazda Road to Indy, che non ha mai nascosto la sua ambizione di fare il salto verso la Indycar. Tuttavia, domani la KV dovrebbe anche annunciare che tutto il resto del materiale invece finirà all'asta.

"Voglio ringraziare tutti coloro che ci hanno scritto per esprimere il loro apprezzamento per gli sforzi che la KV Racing Technology ha fatto nel corso degli ultimi 14 anni" ha detto Kalkhoven. "Tuttavia, ora che sono vicino ai 73 anni, non riesco più a dare quello che vorrei alla squadra e a sostenerla come merita".

"Ho apprezzato molto i miei anni in Indycar, nei quali ho collaborato anche alla riunificazione dei campionati e posso dire di aver vinto la corsa più spettacolare... la 500 Miglia di Indianapolis!".

"E' mia ferma convinzione che la serie stia vivendo un importante momento di ripresa sotto la guida di Mark Miles e Jay Frye e che avrà un futuro luminoso. Rimango impegnato per dare il mio supporto in ogni modo possibile, in particolare a Ricardo Juncos".

Vasser, che è stato campione della CART nel 1996, era entrato in squadra prima come pilota e poi come socio di minoranza: "Prima di tutto voglio ringraziare tutte le persone che hanno sostenuto la squadra nel corso degli anni. Voglio anche ringraziare Kevin Kalkhoven per avermi dato un'opportunità unica e speciale, facendomi diventare co-proprietario quando ero ancora pilota".

"Sono molto orgoglioso di aver fatto parte di questa squadra e avrò sempre nel cuore tutte le persone ed i piloti che ci hanno permesso di raggiungere i nostri successi".

"E' stato un viaggio con molti alti e bassi, ma ricorderò sempre la vittoria alla 500 Miglia di Indianapolis del 2013. La Indycar è sempre stata parte della mia vita per 25 anni, è nella mia anima, quindi sarà interessante vedere cosa accadrà adesso".

condividi
commenti
Hunter-Reay svetta nei test di Phoenix tra numerosi incidenti

Articolo precedente

Hunter-Reay svetta nei test di Phoenix tra numerosi incidenti

Articolo successivo

La Juncos Racing parteciperà alla 500 Miglia di Indianapolis

La Juncos Racing parteciperà alla 500 Miglia di Indianapolis
Carica i commenti