IndyCar: Palou centra il primo successo a Barber

Il pilota del team Ganassi ha resistito alla pressione di Will Power ed è riuscito a conquistare il primo successo in Indycar. Grosejan chiude al decimo posto nella gara d'esordio.

IndyCar: Palou centra il primo successo a Barber

Il polesitter Patricio O'Ward ha effettuato un ottimo avvio ed è riuscito a tenere a Alexander Rossi seguito da Alex Palou, Will Power e le altre due auto del team Ganassi affidate a Scott Dixon e Marcus Ericsson. Tuttavia, all’uscita di curva 3 si è scatenato il caos.

Josef Newgarden, autore dell’ottavo tempo, è andato largo sul cordolo in uscita di curva girandosi mentre sopraggiungeva tutto il gruppo. Le due monoposto di Colton Herta e Ryan Hunter-Reay non sono riuscite ad evitare le monoposto del team Penske colpendola. In quei frangenti anche Felix Rosenqvist è decollato su un’altra vettura per poi andare ad impattare contro le barriere.

Il restart è stato ordinato, ma l’auto di O’Ward non è sembrata in piena efficienza e nei primi due giri ha subìto la pressione di Rossi. Alle loro spalle Bourdais e Pagenaud hanno scavalcato Sato, ma le operazioni in pista sono durate brevemente a causa del testacoda di Jimmie Johnson in curva 13 dopo essere stato sopravanzato da VeeKay. La leggenda della NASCAR è riuscito però a ripartire e recuperare il distacco dal gruppo durante la caution, mentre VeeKay e Kellett sono entrati ai box.

Pagenaud, impegnato in una strategia a tre soste, si è fermato al 16° giro, mentre due tornate dopo è stato il turno di O’Ward e Rossi, rientrati poi in quindicesima e sedicesima posizione. Questo ha consentito a Palou di prendere il comando davanti a Power.

Palou ha continuato a spingere portando il vantaggio sul pilota della Penske a 5’’ al 25° giro ed ha girato su tempi decisamente inferiori rispetto a quelli di O’Ward e Rossi su gomme prime.

Al 30° giro il vantaggio su Power è salito a oltre sei secondi, mentre il pilota del team Penske poteva vantare un margine di 1,7’’ su Dixon che a sua volta teneva Ericsson a 4’’ di distanza.

Palou è entrato ai box al giro 31, imitato una tornata dopo da Dixon e successivamente da Grosjean, mentre Power si è fermato al pit al giro 34.

La strategia del team Ganassi ha funzionato alla perfezione. Palou è tornato in pista davanti a O’Ward, ma il messicano è riuscito a superare lo spagnolo all’esterno di curva 5. Alex, però, non si è scomposto più, di tanto consapevole che O’Ward avrebbe dovuto effettuare altre due soste.

Palou, con un ritardo di 30’’ dalla vetta, poteva vantare un margine di 1’’ su Rossi, mentre Power e Dixon seguivano in quarta e quinta posizione. La strategia a due soste, invece, non ha funzionato per Grosjean scivolato al tredicesimo posto dopo il pit.

O’Ward ha effettuato la seconda sosto al giro 42 per montare Firestone nuove, e lo stesso ha fatto Rossi al giro successivo. Mentre cercava di mandare le sue gomme in temperatura, però, è stato sopravanzato da Bourdais in curva 5 e successivamente da Rahal scivolando così in sesta posizione. I suoi problemi però non erano finiti perché anche VeeKay è riuscito a sopravanzarlo e farlo scivolare in settima piazza.

Tra i piloti di vertice è stato Ericsson il primo ad entrare daccapo ai box al giro 60 imitato una tornata dopo da Palou e Dixon ed al giro 63 da Power. Il pilota del team Penkse è uscito davanti a Dixon ed a breve distanza da Palou.

O’Ward e Rossi hanno così occupato la prima e la seconda posizione separati da 5,8’’, ma la loro sosta è avvenuta al giro 65 e 66. Rossi, una volta tornato in pista, è rimasto distante da O’Ward e si è trovato alle spalle delle vetture di Bourdais, VeeKay e Rahal.

A 20 giri dalla fine O’Ward ha iniziato a pressare su Ericsson ed al giro 74 si è buttato all’interno del pilota del team Ganassi per salire in quarta posizione a sette secondi di distacco da Dixon. Ericsson è stato poi sopravanzato sia da Bourdais, che da VeeKeay e Rahal.

In testa, invece, il margine di Palou su Power è rimasto entro i due secondi a dieci giri dal termine, e lo stesso margine poteva vantare il pilota del team Penske su Dixon.

Negli ultimi quattro giri Palou ha visto il proprio vantaggio su Power calare ad 1,2’’, mentre Dixon si è trovato ad 1,5’’ dal pilota Penske con O’Ward che pressava a meno di un secondo alle sue spalle.

Palou, però, è stato freddissimo ed ha mantenuto la calma transitando sotto la bandiera a scacchi con appena 4 decimi di vantaggio su Power e 3 secondi su Dixon. O’Ward ha chiuso al quarto posto davanti a Bourdais e VeeKay con Rahal settimo.

Ericsson ha preceduto Rossi, nonostante abbia finito il carburante nel giro di rallentamento, mentre Grosjean ha colto il decimo posto al debutto in IndyCar.

Cla Pilota Team Giri Tempo Distacco Distacco Mph Punti
1 Spain Álex Palou
United States Chip Ganassi Racing 90 1:52'53.036 110.025 53
2 Australia Will Power
United States Team Penske 90 1:52'53.437 0.401 0.401 110.018 41
3 New Zealand Scott Dixon
United States Chip Ganassi Racing 90 1:52'56.024 2.988 2.586 109.976 35
4 Mexico Patricio O'Ward
Arrow McLaren SP 90 1:52'57.010 3.974 0.986 109.960 34
5 France Sébastien Bourdais
United States A.J. Foyt Enterprises 90 1:53'03.732 10.696 6.722 109.851 31
6 Netherlands Rinus van Kalmthout
United States Ed Carpenter Racing 90 1:53'06.911 13.875 3.178 109.800 29
7 United States Graham Rahal
United States Rahal Letterman Lanigan Racing 90 1:53'11.774 18.738 4.863 109.721 26
8 Sweden Marcus Ericsson
United States Chip Ganassi Racing 90 1:53'13.106 20.070 1.331 109.699 24
9 United States Alexander Rossi
United States Andretti Autosport 90 1:53'13.596 20.560 0.490 109.692 22
10 France Romain Grosjean
Dale Coyne Racing with RWR 90 1:53'38.116 45.080 24.520 109.297 20
11 United Kingdom Jack Harvey
United States Michael Shank Racing 90 1:53'43.114 50.078 4.998 109.217 19
12 France Simon Pagenaud
United States Team Penske 90 1:53'52.088 59.052 8.973 109.074 18
13 Japan Takuma Satō
United States Rahal Letterman Lanigan Racing 90 1:53'58.624 1'05.588 6.536 108.969 17
14 New Zealand Scott McLaughlin
United States Team Penske 90 1:53'59.092 1'06.056 0.467 108.962 16
15 United Arab Emirates Ed Jones
Dale Coyne Racing with Vasser Sullivan 90 1:54'01.445 1'08.409 2.353 108.924 15
16 United States Conor Daly
United States Ed Carpenter Racing 90 1:54'02.143 1'09.107 0.698 108.913 14
17 Canada James Hinchcliffe
Andretti Steinbrenner Autosport 89 1:53'17.679 1 Lap 1 Lap 108.408 13
18 Canada Dalton Kellett
United States A.J. Foyt Enterprises 89 1:53'55.799 1 Lap 38.120 107.803 12
19 United States Jimmie Johnson
United States Chip Ganassi Racing 87 1:53'29.303 3 Laps 2 Laps 105.791 11
20 United Kingdom Max Chilton
United Kingdom Carlin 86 1:53'15.978 4 Laps 1 Lap 104.780 10
21 Sweden Felix Rosenqvist
Arrow McLaren SP 62 1:38'14.872 28 Laps 24 Laps 87.086 9
22 United States Colton Herta
United States Andretti Autosport 25 1:24'02.462 65 Laps 37 Laps 41.051 8
23 United States Josef Newgarden
United States Team Penske 0 0.558 90 Laps 25 Laps 7
24 United States Ryan Hunter-Reay
United States Andretti Autosport 0 1.488 90 Laps 0.930 6
Sebastien Bourdais, A.J. Foyt Enterprises Chevrolet
Sebastien Bourdais, A.J. Foyt Enterprises Chevrolet
1/16

Foto di: Phillip Abbott / LAT Photo USA

Simon Pagenaud, Team Penske Chevrolet
Simon Pagenaud, Team Penske Chevrolet
2/16

Foto di: Phillip Abbott / LAT Photo USA

Simon Pagenaud, Team Penske Chevrolet, pit stop
Simon Pagenaud, Team Penske Chevrolet, pit stop
3/16

Foto di: Michael L. Levitt LAT Photo USA

Takuma Sato, Rahal Letterman Lanigan Racing Honda
Takuma Sato, Rahal Letterman Lanigan Racing Honda
4/16

Foto di: Phillip Abbott / LAT Photo USA

Takuma Sato, Rahal Letterman Lanigan Racing Honda
Takuma Sato, Rahal Letterman Lanigan Racing Honda
5/16

Foto di: Phillip Abbott / LAT Photo USA

Will Power, Team Penske Chevrolet
Will Power, Team Penske Chevrolet
6/16

Foto di: Phillip Abbott / LAT Photo USA

Will Power, Team Penske Chevrolet, pit stop
Will Power, Team Penske Chevrolet, pit stop
7/16

Foto di: Michael L. Levitt LAT Photo USA

Will Power, Team Penske Chevrolet, Alex Palou, Chip Ganassi Racing Honda, Scott Dixon, Chip Ganassi Racing Honda, Scott Dixon, Chip Ganassi Racing Honda, podio
Will Power, Team Penske Chevrolet, Alex Palou, Chip Ganassi Racing Honda, Scott Dixon, Chip Ganassi Racing Honda, Scott Dixon, Chip Ganassi Racing Honda, podio
8/16

Foto di: Michael L. Levitt LAT Photo USA

Will Power, Team Penske Chevrolet
Will Power, Team Penske Chevrolet
9/16

Foto di: Phillip Abbott / LAT Photo USA

Simon Pagenaud, Team Penske Chevrolet, pit stop
Simon Pagenaud, Team Penske Chevrolet, pit stop
10/16

Foto di: Michael L. Levitt LAT Photo USA

Felix Rosenqvist, Arrow McLaren SP Chevrolet
Felix Rosenqvist, Arrow McLaren SP Chevrolet
11/16

Foto di: Barry Cantrell / Motorsport Images

Jack Harvey, Meyer Shank Racing Honda
Jack Harvey, Meyer Shank Racing Honda
12/16

Foto di: Barry Cantrell / Motorsport Images

Josef Newgarden, Team Penske Chevrolet
Josef Newgarden, Team Penske Chevrolet
13/16

Foto di: Barry Cantrell / Motorsport Images

Il vincitore Alex Palou, Chip Ganassi Racing Honda
Il vincitore Alex Palou, Chip Ganassi Racing Honda
14/16

Foto di: Barry Cantrell / Motorsport Images

Il vincitore Alex Palou, Chip Ganassi Racing Honda
Il vincitore Alex Palou, Chip Ganassi Racing Honda
15/16

Foto di: Michael L. Levitt LAT Photo USA

Il vincitore Alex Palou, Chip Ganassi Racing Honda
Il vincitore Alex Palou, Chip Ganassi Racing Honda
16/16

Foto di: Michael L. Levitt LAT Photo USA

condividi
commenti
Hildebrand alla Indy 500 con un bel tributo a Foyt
Articolo precedente

Hildebrand alla Indy 500 con un bel tributo a Foyt

Articolo successivo

Hunter-Reay: "Grazie IndyCar, l'Aeroscreen mi ha salvato la vita"

Hunter-Reay: "Grazie IndyCar, l'Aeroscreen mi ha salvato la vita"
Carica i commenti