La Dragon risponde alle accuse di Katherine Legge

La Dragon risponde alle accuse di Katherine Legge

Sarebbe stato lo sponsor TrueCar a scaricare la ragazza britannica e non la squadra

Non ha tardato ad arrivare la risposta della Dragon Racing alle minacce di Katherine Legge di portarla in tribunale. Questa settimana, infatti, la squadra di Jay Penske ha annunciato di aver messo sotto contratto Sebastian Saavedra per la stagione 2013 della Indycar, appiedando di fatto la ragazza britannica. A distanza di poche ore però quest'ultima ha fatto sapere di essere pronta a dare battaglia per riottenere il suo volante, essendo stata lei a procurare lo sponsor attuale, la TrueCar, al team ed essendo legata ad esso con un accordo biennale. Proprio la TrueCar però, nella figura del suo amministratore delegato Scott Painter, è arrivata in soccorso della Dragon nella serata di ieri: "Abbiamo apprezzato la nostra collaborazione con Katherine, ma dopo 12 mesi di duro lavoro e di sforzi per rilanciare la sua carriera in monoposto, la TrueCar ha deciso di puntare su un altro pilota per la stagione 2013 della Indycar". Per questo la Dragon è convinta di non aver leso i diritti della Legge, anche se ha confermato di non essere ancora riuscita a trovare un accordo con Katherine e con il suo entourage per risolvere la questione senza passare per le vie legali. Tuttavia, si è anche detta certa che, qualora si arrivasse a questo punto, è certa di poter dimostrare la sua innocenza.

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati IndyCar
Piloti Katherine Legge
Articolo di tipo Ultime notizie