Will Power domina le qualifiche di Baltimora

Will Power domina le qualifiche di Baltimora

Il pilota della Penske ha rifilato mezzo secondo al più vicino degli inseguitori: Mike Conway

Un Will Power dominante ha conquistato la pole position per la seconda edizione del Gran Prix of Baltimore, rifilando distacchi abissali a tutti. Power ha fatto segnare il nuovo record della pista in 1'17"9750, staccando di 576 millesimi Mike Conway, che è salito in prima fila ad un paio di minuti dalla fine ed è finito nelle barriere alla chicane appena scesa la bandiera a scacchi. Ma per il pilota di AJ Foyt non ci sarà la gioia di vedere la strada libera davanti a se una volta in griglia a causa delle dieci posizioni di penalizzazione che gli sono state attribuite per un cambio di motore non autorizzato. Al suo posto scatterà quindi Scott Dixon, mentre ins econda fila ci saranno Sébastien Bourdais, al suo miglior risultato stagionale in qualifica, e Dario Franchitti. Conway comunque non è stato l'unico ad aver sbattuto, con tanti piloti che sono rimasti vittime della nuova chicane: il primo è stato Graham Rahal, subito nei primi momenti della sessione, seguito da diversi altri colleghi. L'errore più grave è probabilmente quello fatto da Ryan Hunter-Reay, che finendo a muro in quel punto ha dato una pesante stangata alle sue speranze di lottare per il titolo, visto che scatterà solamente tredicesimo. Anche Takuma Sato e Rubens Barrichello sono caduti vittime della chicane. La grande quantità di errori da parte di piloti anche di prima fascia ha permesso invece a piloti normalmente indietro di poter merre il muso nelle sessioni seguenti delle qualifiche, come ad esempio Ed Carpenter - per la prima volta questa stagione in grado di entrare nella seconda sessione - e Bruno Junqueira, che sostituisce l'infortunato Josef Newgarden alla Sarah Fisher Hartman. Anche la seconda fase delle qualifiche è stata alquanto caotica, con Simon Pagenaud ad aggiungere il suo nome all'elenco dei presenti nella versione del Maryland del "muro dei campioni". Nonostante questo i tempi ottenuti fino a quel momento gli hanno permesso di passare nella terza fase, ma la vettura era troppo danneggiata e così ha dovuto vedersela comunque dai box. L'altro a cadere vittima dell'insidiosa curva 13 è stato Justin Wilson, che era abbastanza veloce per entrare nei Fast Six prima di andare anche lui a salutare le barriere. Nessun giro invece per JR Hildebrand a causa dei danni riportati nella sessione mattutina di prove libere. Nel frattempo sono sotto scrutinio altri quattro piloti per sostituzione di motore non consentita: Sato, Simona de Silvestro, Junqueira e Charlie Kimball sono tutti a rischio di perdere 10 posizioni sulla griglia di partenza.

Indycar - Baltimora - Qualifiche

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati IndyCar
Piloti Will Power
Articolo di tipo Ultime notizie