IndyCar
13 mar
-
15 mar
Prossimo evento tra
22 giorni
G
Birmingham
03 apr
-
05 apr
Prossimo evento tra
43 giorni
G
Long Beach
17 apr
-
19 apr
Prossimo evento tra
57 giorni
G
Austin
24 apr
-
26 apr
Prossimo evento tra
64 giorni
G
Grand Prix of Indianapolis
07 mag
-
09 mag
Prossimo evento tra
77 giorni
22 mag
-
24 mag
Prossimo evento tra
92 giorni
G
Detroit
29 mag
-
31 mag
Prossimo evento tra
99 giorni
G
Texas
04 giu
-
06 giu
Prossimo evento tra
105 giorni
G
Road America
19 giu
-
21 giu
Prossimo evento tra
120 giorni
G
Richmond
25 giu
-
27 giu
Prossimo evento tra
126 giorni
G
Toronto
10 lug
-
12 lug
Prossimo evento tra
141 giorni
G
16 lug
-
18 lug
Prossimo evento tra
147 giorni
G
Mid-Ohio
14 ago
-
16 ago
Prossimo evento tra
176 giorni
G
Gateway
20 ago
-
22 ago
Prossimo evento tra
182 giorni
G
Portland
04 set
-
06 set
Prossimo evento tra
197 giorni
G
Laguna Seca
18 set
-
20 set
Prossimo evento tra
211 giorni

Indy 500, Honda si vendica: veto su Alonso da Andretti

condividi
commenti
Indy 500, Honda si vendica: veto su Alonso da Andretti
Di:
3 feb 2020, 08:59

La Casa giapponese si è messa di traverso alla trattativa fra il campione spagnolo e la squadra americana per disputare la 500 Miglia di Indianapolis con una monoposto competitiva. E la presenza nel catino diventa complicata.

La Honda non dimentica. La Casa giapponese ha rivisto la luce la scorsa stagione dopo tre anni di grandi difficoltà condivise con la McLaren e con Fernando Alonso, un periodo buio che in casa Honda sperano di aver messo definitivamente alle spalle.

Nei momenti di difficoltà i responsabili del programma Formula 1 hanno sofferto in silenzio, evitando commenti al di fuori delle mura della sede di Sakura ed incassando critiche pesanti derivanti dalla mancanza di competitività.

Uno dei colpi più duri che ha dovuto accusato l’immagine della Honda è stato l’ormai celebre “GP2 engine” pronunciato via-radio da Alonso nel corso del Gran Premio del Giappone del 2015.

Recentemente lo spagnolo è tornato sull’episodio:
“Era un periodo di frustrazione e, forse, non avrei dovuto dire quella frase, ma non l’ho pronunciata davanti alle televisioni o in conferenza stampa. Stavo parlando col mio ingegnere ed era una conversazione privata".

"Non doveva essere resa pubblica, ma il motore proprio non andava. Nel primo anno, nel corso dei test invernali a Jerez, abbiamo compiuto appena sette giri in quattro giorni. Adesso la Honda riesce a vincere delle gare e ricevo molti messaggi di scherno sul fatto che quello che avevo definito GP2 engine è ora competitivo".

"Sono contento per loro, ma il motore che avevo sulla mia McLaren non può certamente essere paragonato a quello che ha consentito a Verstappen di vincere in Brasile”.

I rapporti tra Alonso e la Honda non si sono ovviamente conclusi nel modo migliore, ma non sono solo gli ‘sberleffi’ a infastidire lo spagnolo. Non è un segreto che il due volte campione del Mondo stia puntando con decisione alla conquista della Tripla Corona, obiettivo che Fernando centrerebbe aggiudicandosi la 500 miglia di Indianapolis, ma per farlo non potrà contare sui motori Honda a causa del veto giunto dalla Casa giapponese.

L’indiscrezione è arrivata da Racer, secondo cui il team Andretti Autosport avrebbe ricevuto una risposta negativa dai vertici della Honda dopo aver inoltrato la richiesta di poter schierare alla 500 Miglia una monoposto in più per Alonso.

Un programma che avrebbe avuto un seguito dopo l’appuntamento di Indianapolis con la disputa di altre gare, e che nei piani avrebbe dovuto essere annunciato in questi giorni.

Il sodalizio Alonso-Andretti che permise a Fernando nel 2017 di esordire in modo esemplare nella 500 miglia (lo spagnolo fu costretto al ritiro per il cedimento del motore quando era in lotta per la vittoria, non potrà quindi avere un seguito.

Se vorrà essere al via sul catino dell’indiana il prossimo mese di maggio, Alonso dovrà puntare su un team motorizzato Chevy, come accaduto nella deludente edizione 2019 in cui Fernando mancò la qualificazione con la McLaren equipaggiata con il motore statunitense.

La decisione della Honda mette sul mercato una monoposto decisamente ambita per la Indy 500 come quella del team Andretti, mentre per Alonso non restano molte opportunità aperte con i team più competitivi motorizzati Chevy.

Penske e Carpenter non intendono aggiungere una monoposto in più al loro programma, riducendo le chance di essere al via a McLaren, D&R, A.J. Foyt e DragonSpeed.

Scorrimento
Lista

Fernando Alonso nel garage della McLaren

Fernando Alonso nel garage della McLaren
1/20

Foto di: Glenn Dunbar / Motorsport Images

Fernando Alonso, McLaren

Fernando Alonso, McLaren
2/20

Foto di: Steven Tee / Motorsport Images

Fernando Alonso, McLaren Racing Chevrolet

Fernando Alonso, McLaren Racing Chevrolet
3/20

Foto di: Geoffrey M. Miller / Motorsport Images

Fernando Alonso, McLaren Racing Chevrolet

Fernando Alonso, McLaren Racing Chevrolet
4/20

Foto di: Geoffrey M. Miller / Motorsport Images

Fernando Alonso, McLaren Racing Chevrolet

Fernando Alonso, McLaren Racing Chevrolet
5/20

Foto di: Scott R LePage / Motorsport Images

Fernando Alonso, Zak Brown, McLaren Racing Chevrolet

Fernando Alonso, Zak Brown, McLaren Racing Chevrolet
6/20

Foto di: Michael L. Levitt LAT Photo USA

Fernando Alonso, McLaren Racing Chevrolet

Fernando Alonso, McLaren Racing Chevrolet
7/20

Foto di: Geoffrey M. Miller / Motorsport Images

Fernando Alonso, McLaren Racing Chevrolet

Fernando Alonso, McLaren Racing Chevrolet
8/20

Foto di: Michael L. Levitt LAT Photo USA

#310 Toyota Gazoo Racing: Fernando Alonso, Marc Coma

#310 Toyota Gazoo Racing: Fernando Alonso, Marc Coma
9/20

Foto di: Toyota Racing

#310 Toyota Gazoo Racing: Fernando Alonso

#310 Toyota Gazoo Racing: Fernando Alonso
10/20

Foto di: Toyota Racing

#310 Toyota Gazoo Racing: Fernando Alonso

#310 Toyota Gazoo Racing: Fernando Alonso
11/20

Foto di: Toyota Racing

#310 Toyota Gazoo Racing: Fernando Alonso

#310 Toyota Gazoo Racing: Fernando Alonso
12/20

Foto di: Toyota Racing

Fernando Alonso, Marco Coma, Toyota Hilux

Fernando Alonso, Marco Coma, Toyota Hilux
13/20

Foto di: Bartek Boba

Il vincitore #8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Fernando Alonso

Il vincitore #8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Fernando Alonso
14/20

Foto di: Marc Fleury

Il vincitore #8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Fernando Alonso

Il vincitore #8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Fernando Alonso
15/20

Foto di: Marc Fleury

Podio: Il vincitore #8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Fernando Alonso

Podio: Il vincitore #8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Fernando Alonso
16/20

Foto di: Paul Foster

Il vincitore della gara #8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Fernando Alonso

Il vincitore della gara #8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Fernando Alonso
17/20

Foto di: Paul Foster

#8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Fernando Alonso

#8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Fernando Alonso
18/20

Foto di: Alexander Trienitz

Fernando Alonso, Toyota Gazoo Racing

Fernando Alonso, Toyota Gazoo Racing
19/20

Foto di: Marc Fleury

#8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Fernando Alonso, conquistano la vittoria

#8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Fernando Alonso, conquistano la vittoria
20/20

Foto di: Rainier Ehrhardt

Articolo successivo
Ultima stagione in IndyCar per Tony Kanaan con cinque gare

Articolo precedente

Ultima stagione in IndyCar per Tony Kanaan con cinque gare

Articolo successivo

McLaughlin debutta in IndyCar ad Indianapolis con Penske

McLaughlin debutta in IndyCar ad Indianapolis con Penske
Carica i commenti